Translate

lunedì 19 settembre 2016

ANSA-TEMPO REALE/Bombe Usa, aggiornamento delle 18.40


ANSA-TEMPO REALE/Bombe Usa, aggiornamento delle 18.40

ZCZC6518/SXB
XAI42014_SXB_QBXB
R EST S0B QBXB
>ANSA-TEMPO REALE/Bombe Usa, aggiornamento delle 18.40
Catturato afghano ricercato, Obama non ci arrenderemo alla paura
(ANSA) - ROMA, 19 SET - E' stato catturato dopo una
sparatoria della polizia a Linden l'afghano di 28 anni ricercato
per le bombe di New York e quelle del New Jersey.
Durante lo scontro a fuoco Ahmad Khan Rahami, naturalizzato
americano e residente a Elizabeth, è stato colpito alla spalla
destra. Medicato e cosciente, le immagini della tv americana lo
mostrano su una barella mentre viene caricato su un'ambulanza.
Feriti anche due degli agenti coinvolti nella cattura. Rahami è
stato identificato attraverso impronte digitali riscontrate su
uno degli ordigni, stando alle prime ricostruzioni, e trovato
grazie a una segnalazione.
Poco prima della cattura, la polizia aveva perquisito il fast
food gestito dalla famiglia di Rahami nella cittadina del New
Jersey dove abitavano. Una attivita' a conduzione familiare in
cui lui e i suoi fratelli pare lavorassero saltuariamente,
stando alle prime indicazioni.
Intanto dopo i silenzi di ieri oggi sono tornati a parlare
il presidente Barack Obama e i due candidati alle presidenziali,
Hillary Clinton e Donald Trump che hanno approfittato
dell'occasione per lanciarsi attacchi a vicenda. "Non ci
sconfiggeranno mai, come americani noi non ci arrenderemo mai
alla paura. Questo è l'ingrediente principale nella lotta ai
terroristi", ha assicurato Obama promettendo che gli Stati Uniti
resteranno alla guida della coalizione internazionale anti-Isis.
Il presidente ha anche chiarito che tra le bombe di New York e
il New Jersey e l'attentato in Minnesota non "c'è alcuna
connessione". Per Hillary Clinton la "minaccia" del terrorismo è
"reale ma anche la nostra determinazione" e, come il presidente
uscente, ha invitato agli americani ad "essere vigili, senza
paura". Il suo avversario repubblicano ha invece attaccato a
testa bassa sia Obama che la Clinton accusando le loro politiche
"fallimentare" di essere la causa degli attacchi di questi
giorni. "Io renderò l'America nuovamente sicura!", è stato lo
slogan subito rilanciato dal candidato repubblicano al quale la
Clinton ha poi risposto criticando la sua mancanza di un
"piano". "Molta della retorica sentita da Donald Trump e' stata
cavalcata da terroristi", ha dichiarato la candidata
democratica. (ANSA).
GUE
19-SET-16 18:41 NNN