Translate

lunedì 31 gennaio 2011

ANSA/ CAMORRA: BIMBI IN RIONE CLAN, 'QUI POLIZIOTTI MORIRANNO'

ANSA/ CAMORRA: BIMBI IN RIONE CLAN, 'QUI POLIZIOTTI MORIRANNO'
PARROCO PERIFERIA AFRAGOLA,IN 9.000 'DEPORTATI' E ABBANDONATI
(dell'inviata Patrizia Sessa)
(ANSA) - AFRAGOLA (NAPOLI), 31 GEN - Nel Rione Salicelle,
alla periferia di Afragola (Napoli), le 1400 case sono tutte
uguali, rinchiuse in cubi di cemento color grigio: si rincorrono
lungo viali dove non c'e' nulla. Ne' un albero, ne' un'aiuola,
nemmeno una panchina. Qualcosa c'e': la camorra che comanda.
Li', in circa 9mila sono stati 'deportati', dice il parroco del
quartiere, don Ciro, dopo il terremoto del 1980. E li', dice
sempre don Ciro che tra quei viali ci vive da 21 anni, la
camorra prende cio' che serve: ragazzini per lo spaccio, adulti
per le estorsioni. Tra massimo diciotto mesi, promette il
sindaco di Afragola, proprio in quel rione sara' realizzato un
commissariato di polizia.
Ma, intanto, oggi, fa effetto sentire un gruppetto di
ragazzini, al massimo dieci anni che, tutti in coro, in tono di
sfida, proprio li' davanti a quel nastro tricolore dicono:
''Tanto quei poliziotti moriranno uno alla volta''.
Grazia sorride a chi le chiede se e' difficile vivere al
Rione Salicelle: ''Se sai vivere, vivi'', risponde. Si affaccia
alla finestra, tra mille panni stesi che quasi non fanno vedere
il cielo. ''Vuoi sapere dove sta il parco giochi? Ma come non lo
vedi, sta davanti a te'', e mostra delle vasche con ferri
arrugginiti piene di immondizia. E aggiunge: ''Questa doveva
essere una pista di pattinaggio, bella no?''.
Il sottosegretario all'interno Alfredo Mantovano, anche lui
oggi a Salicelle per l'inaugurazione del cantiere del
commissariato di polizia, guarda i resti di quel che resta di
tanti progetti e chiede al sindaco: 'Ma perche' non si e'
realizzato niente di tutto cio'?''. E Vincenzo Nespoli, primo
cittadino da poco piu' due anni, risponde: 'Io un giorno vi
dimostrero' cosa mi hanno lasciato e cosa io faro'''.
Ma a Rione Salicelle la vita, intanto, e' questa. ''Noi
peggio di Scampia? Certo che no - racconta Caterina, 30 anni- io
sono nata e cresciuta qui e ci sto facendo vivere anche le mie
due bimbe. Certo che possiamo uscire la sera. Non c'e' mica il
coprifuoco. Qui, se ti fai i fatti tuoi, vivi bene''. E il fatto
che si ''vive bene, tranquilli'', lo spiega anche don Ciro.
''Qui e' la camorra che vuole che tutto sia tranquillo - spiega
- non vuole che ci siano problemi, che si attiri l'attenzione.
Niente spaccio, sparatorie, faide. Tutto deve essere in ordine,
perche' la camorra qui vuole comandare tutti. In silenzio ma con
efficacia''. Ma la domenica, racconta, ''ci sono 300 bimbi
seduti a terra che ascoltano la Santa Messa''. E poi i
volontari, ''erano sette ed ora ne sono 50''. E ancora, ''stiamo
realizzando una cooperativa che si occupera' di una
parafarmacia, che dara' lavoro''. Dalla vita rinchiusa nei cubi
di cemento, fa capire il sacerdote, si esce anche cosi'. Al
rione Salicelle tanti sono pregiudicati. Salvatore ha 28 anni,
''purtroppo ora sono disoccupato''. Cammina lungo i viali di
Rione Salicelle: ''Guarda che qui puoi lasciare anche
l'automobile con lo stereo dentro, mica la rubano''. Poco piu'
in la', c'e' Antonio 15 anni, sigaretta accesa stretta in mano.
Gioca a pallone, e ti ricorda scene di ordinaria infanzia.
''Come si vive qui? - dice - Bene. Basta che non guardi e non
senti. Insomma ti fai i fatti tuoi. E cosi' vivi''.(ANSA).

SS
31-GEN-11 18:48 NNNN

Salute: Bologna, da tessuto adiposo staminali contro artrosi

SALUTE: BOLOGNA, DA TESSUTO ADIPOSO STAMINALI CONTRO ARTROSI =
(AGI) - Bologna, 31 gen. - Riparare la cartilagine del
ginocchio attraverso una semplice iniezione: direttamente
nell'articolazione "entrano" cellule in grado di svolgere
un'azione riparatrice e protettiva, in virtu' della loro
natura. Si tratta di cellule mesenchimali, cioe' cellule in
grado di differenziarsi, che provengono dal tessuto adiposo. Su
questa opportunita' di cura dell'osteoartrite, comunemente
detta artrosi, malattia degenerativa della cartilagine che ha
oggi la protesi come unica soluzione a lungo termine, lavora
Adipoa, consorzio europeo riunito da domani all'Istituto
Ortopedico Rizzoli di Bologna per fare il punto sui risultati
sinora raggiunti. "Gli studi preclinici stanno dando buoni
esiti", spiega il professor Andrea Facchini, direttore del
Laboratorio di Immunoreumatologia e Rigenerazione Tissutale del
Rizzoli, "La scelta del tessuto adiposo si conferma valida, in
quanto le cellule staminali che se ne ricavano si sono
dimostrate in grado di rilasciare fattori di crescita che
portano alla riparazione della cartilagine danneggiata. Inoltre
stiamo verificando, in collaborazione con i partner del
progetto che le produrranno, la sicurezza delle cellule
trattate: in pratica, prima di passare alla sperimentazione con
i pazienti, dobbiamo essere convinti che l'isolamento e la
crescita delle cellule ricavate dal tessuto adiposo in
laboratorio non provochino danni al loro patrimonio genetico,
rendendo il trattamento sicuro". Una volta appurati tutti
questi aspetti, il progetto Adipoa, avviato un anno fa sotto il
coordinamento dell'Universita' di Montpellier con un
finanziamento dell'Unione Europea di oltre 9 milioni di euro,
previa approvazione delle Autorita' regolatorie europee,
passera' alla fase clinica, che prevede la sperimentazione con
pazienti affetti da osteoartrite avanzata al ginocchio. (AGI)
Ari
311216 GEN 11

NNNN

Per capire e combattere quello che stiamo vivendo

Per capire e combattere quello che stiamo vivendo

IL SOMMARIO DEL NUOVO NUMERO DI MICROMEGA IN EDICOLA E LIBRERIA
SAGGIO
Paolo Flores d’Arcais - Fascismo e berlusconismoSilvio Berlusconi non è il nuovo Benito Mussolini. E il suo governo è molto diverso da quello fascista. Ma ciò non deve rassicurare. Del fascismo il berlusconismo è l’equivalente funzionale e postmoderno, fondato sulla ‘legalizzazione’ del privilegio e sul dominio dell’immagine. I suoi modelli sono Putin e Gheddafi, e ancor più il Mackie Messer di Bertolt Brecht e il Grande Fratello di George Orwell.

IL SASSO NELLO STAGNO mons. Raffaele Nogaro - Il vero cristiano è antiberlusconiano Da un lato c’è la Chiesa di Ruini e Ratzinger, una Chiesa prona al potere berlusconiano. Dall’altro c’è la Chiesa di Cristo, che non ci sta a mettere in mora i propri princìpi pur di compiacere quel potere. Un duro attacco del vescovo emerito di Caserta, che ammonisce: ‘Non si porta salvezza se si è complici della ingiustizia e della violenza istituzionali’.

ICEBERG - l’involuzione della specie
Andrea Camilleri - Homo berlusconensis Grazie alla televisione Berlusconi ha creato una involuzione di homo sapiens a sua perfetta immagine e somiglianza. Un essere che rifiuta la cultura e l’intelligenza, che osanna alle virtù del Capo, che ne invidia lo stile di vita. Un grande scrittore traccia, come un naturalista, il catalogo classificatorio di questa solo parzialmente inedita specie zoologica.

Natalia Aspesi - Foemina berlusconensisProprio negli anni in cui le italiane ottenevano il divorzio, un nuovo diritto di famiglia, la parità salariale, la legalizzazione della pillola e dell’interruzione di gravidanza, la cancellazione del delitto d’onore, in televisione iniziava a circolare l’immagine di una donna sempre pronta a denudarsi, a sorridere, ad ammiccare e a tacere. Quel modello berlusconiano ha trionfato, fino al parlamento e agli scranni del governo.

PRO MEMORIA
Marco Travaglio - Delle leggi vergogna, il catalogo è questo Un’attenta e completa panoramica di tutti quei provvedimenti che, varati ad hoc per salvare il Cavaliere e i suoi amici (anche dal centro-sinistra, ahimè), hanno devastato il sistema legislativo italiano. Dalla nascita della Seconda Repubblica l’autore ne segnala ben ottanta. Ottanta leggi di cui vergognarsi. Che fanno strame della legalità.

LABIRINTO
Gian Carlo Caselli - Antropologicamente diversi Ci fu un momento in cui, all’inizio degli anni Novanta, la scritta che campeggia nelle aule dei tribunali (‘la legge è eguale per tutti’), da oggetto di facili ironie si trasformò in prospettiva credibile: fu la stagione di Mani Pulite. Col berlusconismo è tornata la giustizia dei ‘due codici’: quello per i ‘galantuomini’, i potenti della politica e dell’economia; e quello per i cittadini comuni e i ‘poveri cristi’. Oltre alla vergogna delle leggi ad personam.

Malcom Pagani - ‘Terzisti’ e altri ascari di regimeIl profeta del ‘ci penso io’ in realtà in questi anni è stato sostenuto da un esercito pronto, nell’occasione, a giustificarlo e a salvarlo. Televisione, Chiesa, spettacolo, politica, cultura e giornali, solo apparentemente imparziali si sono adoperati per la causa del Cavaliere.

Marco d’Eramo - Berlusconi l’AmerikanoSilvio Berlusconi non è solo l’uomo politico che più ha tratto giovamento dall’‘americanizzazione’ della nostra vita pubblica. È stato anche – con le sue ‘città private’ e le sue televisioni – un agente attivo di questo mutamento. Ma quanto è diverso il capitalista Silvio Berlusconi da figure come Bill Gates e perfino Rupert Murdoch! Sembra quasi che l’‘America di Berlusconi’ abbia cambiato l’Italia, ma non l’abbia davvero avvicinata all’America. Di cui prende solo il peggio.

Annamaria Rivera - Razzismo di lotta e di governoUna saldatura fra xenofobia istituzionale e forme di discriminazione ‘spontanee’ che possono giungere fino alla violenza e a veri e propri pogrom: come a Ponticelli, Castel Volturno e Rosarno. Gli stranieri in Italia in epoca berlusconiana non hanno vita facile e costituiscono un perfetto capro espiatorio per la retorica sicuritaria. Alimentata, soprattutto, dai media e dalla Lega.

Gianni Barbacetto - Golpisti d’Italia Siamo il paese della strategia della tensione, delle stragi senza colpevoli, dei servizi segreti deviati e delle logge massoniche. Berlusconi, tessera P2 1816, rappresenta la perfetta continuità tra la Prima e la Seconda Repubblica, alimentata oggi da ‘macchine del fango’ e dossieraggi illegali a comando.

DIALOGO Pierfranco Pellizzetti / Piero Ostellino - Berlusconi liberale? Ma per favore! Per anni Silvio Berlusconi ha cercato di accreditarsi come il possibile alfiere di una ‘rivoluzione liberale’. Ma cosa c’entra il berlusconismo con Einaudi o Croce, per non parlare di Gobetti? Due autori che si definiscono entrambi liberali ne discutono ‘all’arma bianca’, evidenziando due modi di intendere il liberalismo che si escludono a vicenda.

SCHERZOAlessandro Robecchi - I funerali del Pequeño Grande (da Macondo ad Arcore) Una terra lontana ed esotica, attraversata dalle asprezze della Cordillera e dai misteri della Selva. Un pueblo che piange la scomparsa del Pequeño Grande e si stringe intorno alla bandiera della propria Patria, sulla quale campeggia la scritta ‘Propiedad Privada’. Un omaggio a García Márquez, uno straordinario e amarissimo racconto di realismo magico. Potrebbe essere Macondo, ma assomiglia molto all’Italia di oggi.

Sergio Staino / Massimo Bucchi / Riccardo Mannelli - In punta di matita
MEMORIA Tommaso De Lorenzis  (a cura di) - Il torto di aver ragione in anticipo Oggi sono in parecchi (benché sempre troppo pochi) a riconoscere che quello di Berlusconi è un regime, che sta devastando la democrazia repubblicana, che ha per modello Putin e Gheddafi anziché la civile convivenza voluta dalla Costituzione. Capirlo non era difficile, perfino prima della sciagurata ‘discesa in campo’. Abbiamo raccolto alcuni brani esemplificativi (solo fino al 2004), che per fortuna non esauriscono tutti gli scritti ‘preveggenti’ (ma purtroppo ne costituiscono una larga parte). A vergogna dei finti liberali che ancora slalomeggiano, anziché cospargersi il capo di cenere per il loro quasi ventennio di cecità, ipocrisia e viltà.

Corte Costituzionale "...La norma impugnata, in particolare, risulta incidente sull'organizzazione del servizio sanitario e sul relativo finanziamento e, quindi, rientra nella materia della "tutela alla salute", materia che è rimessa alla competenza legislativa concorrente di Stato e Regioni..."

IMPIEGO PUBBLICO
Questioni di legittimità costituzionale
SANITA' E SANITARI
Questioni di legittimità costituzionale

Corte cost., 10 giugno 2010, n. 207

E' costituzionalmente illegittimo l'art. 17, comma 23, lettera e) del Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nella parte in cui aggiunge all'art. 71 del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i commi 5 bis e 5 ter, per contrasto con gli artt. 117 e 119 Cost. La norma impugnata, in particolare, risulta incidente sull'organizzazione del servizio sanitario e sul relativo finanziamento e, quindi, rientra nella materia della "tutela alla salute", materia che è rimessa alla competenza legislativa concorrente di Stato e Regioni (art. 117, comma 3 Cost.). Tuttavia, la disciplina introdotta dagli art. 5 bis e 5 ter richiamati non lascia alcuno spazio di intervento alle Regioni, nè dal punto di vista della possibilità di legiferare ulteriormente in materia nè, peraltro, prevedendo la possibilità di una normazione secondaria di mera esecuzione vincolando, di fatto, risorse
per far fronte ad una prestazione che, invece come già rilevato, non è di competenza esclusiva dello Stato in quanto non rientra nella previsione di cui all'art. 117, comma 2 , lettera m) ed incidendo, inoltre, in tal modo, sull'autonomia finanziaria della Regione in aperto contrasto con l'art. 119 Cost. In conclusione, deve essere rilevato il contrasto con l'art. 117, comma 3 Cost. dell'art. 5 bis, come introdotto nell'art. 71 del D.L. n. 112 del 2008 in quanto, pur disciplinando una materia rientrante nell'alveo della "tutela alla salute", disponendo che le visite fiscali sui dipendenti della P.A. rientrano tra i compiti istituzionali del Servizio Sanitario Nazionale e che i relativi oneri sono a carico delle aziende sanitarie, presuppongono in materia - illegittimamente - una competenza legislativa esclusiva dello Stato. Il comma 5 ter citato, d'altro canto, vincolando una quota delle risorse per il finanziamento del servizio Sanitario Nazionale alla copertura economica di una
prestazione che, invece, non rientra nell'ambito del Livello Essenziale di Assistenza, si pone in contrasto con l'art. 119 Cost. - in quanto impone la gratuità delle visite fiscali con la conseguenza di gravare del relativo onere le aziende sanitarie locali e, quindi, il fondo sanitario regionale che dovrebbe, volendo mantenere invariato il livello di assistenza, essere integrato con risorse finanziarie regionali.

Corte cost., 10-06-2010, n. 207
 CONSULTA ONLINE

SENTENZA N. 207

ANNO 2010



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

- Francesco               AMIRANTE                  Presidente

- Ugo                        DE SIERVO                    Giudice

- Paolo                      MADDALENA                    "

- Alfio                       FINOCCHIARO                  "

- Alfonso                   QUARANTA                       "

- Franco                    GALLO                                "

- Luigi                       MAZZELLA                         "

- Gaetano                  SILVESTRI                          "

- Sabino                    CASSESE                            "

- Maria Rita               SAULLE                               "

- Giuseppe                TESAURO                           "

- Paolo Maria            NAPOLITANO                    "

- Giuseppe                FRIGO                                 "

- Alessandro              CRISCUOLO                       "

- Paolo                      GROSSI                               "

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nel giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 17, comma 23, lettera e), del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nella parte in cui aggiunge all’art. 71 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i commi 5-bis e 5-ter, promosso con ricorso della Regione Toscana notificato il 2 ottobre 2009, depositato in cancelleria l’8 ottobre 2009 ed iscritto al n. 84 del registro ricorsi 2009.

Visto l’atto di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nell’udienza pubblica del 28 aprile 2010 il Giudice relatore Paolo Maria Napolitano;

uditi l’avvocato Lucia Bora per la Regione Toscana e l’avvocato dello Stato Gabriella Palmieri per il Presidente del Consiglio dei ministri.

Ritenuto in fatto

1.– Con ricorso notificato il 2 ottobre 2009 e depositato il successivo 8 ottobre, la Regione Toscana ha promosso, tra le altre, la questione di legittimità costituzionale – in riferimento agli artt. 117 e 119 della Costituzione – dell’art. 17, comma 23, lettera e), del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nella parte in cui aggiunge all’art. 71 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i seguente commi: «5-bis. Gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia effettuati dalle aziende sanitarie locali su richiesta delle Amministrazioni pubbliche interessate rientrano nei compiti istituzionali del Servizio
sanitario nazionale; conseguentemente i relativi oneri restano comunque a carico delle aziende sanitarie locali», e «5-ter. A decorrere dall’anno 2010 in sede di riparto delle risorse per il finanziamento del Servizio sanitario nazionale è individuata una quota di finanziamento destinata agli scopi di cui al comma 5-bis, ripartita fra le regioni tenendo conto del numero dei dipendenti pubblici presenti nei rispettivi territori; gli accertamenti di cui al medesimo comma 5-bis sono effettuati nei limiti delle ordinarie risorse disponibili a tale scopo».

2.– Osserva la ricorrente che le disposizioni impugnate, cosi come formulate, obbligano le Regioni a sostenere, per il tramite del fondo sanitario, l’onere delle visite fiscali ai dipendenti assenti dal servizio per malattia. Infatti, se è vero che gli accertamenti medico-legali effettuati dalle Aziende sanitarie rientrano nei compiti istituzionali del Servizio Sanitario, ciò non comporta la conseguenza che le relative prestazioni siano effettuate a titolo gratuito.

La Regione Toscana ricorda che, nell’esercizio delle proprie competenze in materia di tutela della salute ed organizzazione del servizio sanitario regionale, nel 2005 ha emanato una delibera di Giunta (n. 622 del 6 giugno 2005) in base alla quale le visite fiscali richieste dai datori di lavoro pubblici per i propri dipendenti assenti per malattia venivano poste a carico dell’amministrazione richiedente, trattandosi di certificazioni mediche da effettuare non nell’interesse del lavoratore, ma del datore di lavoro per accertare la legittimità dell’assenza del dipendente.

Tale delibera, prosegue la ricorrente, è stata oggetto di impugnazione dall’Amministrazione statale sulla base del presupposto che per il datore di lavoro «pubblica amministrazione» il servizio di visita fiscale fosse gratuito in quanto prestazione rientrante nei livelli essenziali di assistenza (LEA) dovuti al lavoratore. Il Tribunale amministrativo della Regione Toscana (sentenze n. 43531 del 2004 e n. 60381 del 2006) e il Consiglio di Stato poi (Sez. V, n. 5690 del 2008) hanno riconosciuto la legittimità dell’operato della Regione, rilevando che le suddette visite «si sostanziano in un momento procedimentale tecnico volto a tutelare un interesse specifico dell’Amministrazione istante ed il loro espletamento non risponde, quindi, all’interesse diffuso della salute collettiva. Pertanto la visita fiscale disposta nell’interesse dell’Amministrazione non integra un L.E.A.». Lo stesso principio, peraltro, è stato affermato anche dalla Corte di cassazione con la
sentenza della Sez. I, n. 13992, del 28 maggio 2008.

A parere della ricorrente, la norma impugnata vanificherebbe la legittima scelta organizzativa regionale: imponendo la gratuità delle visite fiscali, il relativo onere verrebbe a ricadere sulle aziende sanitarie e, quindi, sul fondo sanitario regionale.

Le norme impugnate, dunque, sarebbero lesive delle attribuzioni regionali di cui all’art. 117 Cost, in materia di tutela della salute e di organizzazione del servizio sanitario. Infatti, l’attività di controllo medico-legale sulle condizioni di salute dei lavoratori dipendenti, al fine di accertare, su richiesta del datore di lavoro, la legittimità dell’assenza dal lavoro, pur rientrando nelle competenze delle ASL, non costituisce prestazione di cura e prevenzione e, pertanto, non risponde ai fini di tutela della salute collettiva garantiti dalla legge 23 dicembre 1978, n. 833 (Istituzione del servizio sanitario nazionale). Non sarebbe, quindi, precluso alle Regioni richiedere il pagamento delle prestazioni secondo una tariffa determinata.

Il finanziamento sanitario, prosegue la ricorrente, è, infatti, finalizzato al soddisfacimento dei LEA, determinati sulla base di accordi Stato-Regioni e deve essere utilizzato per far fronte alle prestazioni dirette alla tutela della salute. Ciò sarebbe ulteriormente dimostrato, secondo la Regione Toscana, dal d.P.C.m. 29 novembre 2001 (Definizione dei livelli essenziali di assistenza) e dalle sue successive modificazioni (d.P.C.m. 28 novembre 2003 e d.P.C.m. 21 aprile 2008) che escludono totalmente dai LEA le prestazioni rappresentate da «certificazioni mediche, comprese le prestazioni diagnostiche necessarie per il loro rilascio, non rispondenti ai fini della tutela della salute collettiva, anche quando richieste da disposizioni di legge».

La Regione Toscana evidenzia anche che «le norme impugnate individuano la quota necessaria a finanziare gli accertamenti medico-legali in riferimento all’espletamento delle visite fiscali, quale parte del Fondo Sanitario e non come fondo aggiuntivo da destinare agli scopi di cui sopra, pertanto la prestazione richiesta si configura come un L.E.A., per la cui definizione risulta necessario l’accordo in conferenza Stato-Regione (secondo quanto la Corte Costituzionale, con le sentenze n. 134 del 2006 e n. 88 del 2003, ha ritenuto costituzionalmente necessitato)».

Le disposizioni impugnate oltre a ledere la competenza legislativa regionale in materia di tutela della salute di cui all’art. 117, terzo comma, Cost. si porrebbero in contrasto anche con l’art. 119 Cost. in quanto la Regione, per garantire invariato il livello di assistenza sanitaria, si troverebbe nella condizione di dover integrare il fondo sanitario regionale con proprie risorse finanziarie.

In altri termini, il legislatore statale, con le disposizioni oggetto di impugnativa, impone di utilizzare il finanziamento sanitario per prestazioni del tutto estranee alla finalità del finanziamento stesso, riducendo le risorse per i LEA, che restano così a carico delle Regioni.

3.– In data 10 novembre 2009 si è costituito il Presidente del Consiglio dei ministri concludendo per la declaratoria di infondatezza del ricorso.

La parte resistente precisa che fin dall’anno 1988 i fondi per gli accertamenti medico-legali sono stati trasferiti dagli stati di previsione dei singoli Ministeri al Fondo Sanitario Nazionale, come evidenziato nella relazione del 16 maggio 2004 del Tavolo di monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza sanitaria istituito presso la Segreteria della Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato, le Regioni e le Province autonome.

Pertanto, le norme oggetto di impugnazione, nel prevedere che gli accertamenti medico-legali rientrano nei compiti istituzionali del servizio sanitario nazionale, non dispongono un incremento del livello del finanziamento del servizio sanitario nazionale stesso, in quanto il fondo sanitario nazionale già ingloba le risorse destinate a tale scopo.

La disposizione impugnata si limita a prevedere che sia individuata, all’interno del Fondo Sanitario Nazionale, la quota complessiva di risorse che consente la copertura degli oneri connessi all’espletamento delle visite fiscali e che sia ripartita tra le Regioni sulla base del numero di dipendenti pubblici presenti nelle Regioni medesime.

Qualora la spesa effettiva per gli accertamenti medico-legali risulti inferiore alla quota individuata in sede di riparto, le Regioni potranno utilizzare le restanti risorse per altre finalità sanitarie. L’individuazione di tale quota, pertanto, non si configurerebbe come un vincolo di bilancio, ma come un’indicazione per la programmazione regionale.

L’Avvocatura dello Stato sottolinea, infine, che l’ammontare delle predette risorse sarà definito congiuntamente con le Regioni, perché sul riparto del fondo sanitario nazionale è prevista l’adozione dell’intesa nella Conferenza Stato-Regioni.

4.– Con memoria illustrativa depositata in data 7 aprile 2010 la difesa del Presidente del Consiglio ha ribadito le argomentazioni esposte nell’atto di costituzione, insistendo nella richiesta di rigetto del ricorso.

Considerato in diritto

1.– La Regione Toscana ha promosso, tra le altre, la questione di legittimità costituzionale – per violazione degli artt. 117 e 119 della Costituzione – dell’art. 17, comma 23, lettera e), del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nella parte in cui aggiunge all’art. 71 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i seguenti commi: «5-bis. Gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia effettuati dalle aziende sanitarie locali su richiesta delle Amministrazioni pubbliche interessate rientrano nei compiti istituzionali del Servizio sanitario nazionale; conseguentemente i relativi oneri restano comunque a carico
delle aziende sanitarie locali», e «5-ter. A decorrere dall’anno 2010 in sede di riparto delle risorse per il finanziamento del Servizio sanitario nazionale è individuata una quota di finanziamento destinata agli scopi di cui al comma 5-bis, ripartita fra le regioni tenendo conto del numero dei dipendenti pubblici presenti nei rispettivi territori; gli accertamenti di cui al medesimo comma 5-bis sono effettuati nei limiti delle ordinarie risorse disponibili a tale scopo».

2.– In particolare, secondo la ricorrente, sarebbe violata la competenza legislativa concorrente della Regione in materia di tutela della salute e di organizzazione del servizio sanitario di cui all’art. 117, terzo comma, Cost., in quanto le norme impugnate, imponendo la gratuità delle visite fiscali, gravano del relativo onere le aziende sanitarie e, quindi, il fondo sanitario regionale, così vanificando la scelta organizzativa regionale di richiedere il pagamento delle prestazioni secondo una tariffa determinata.

Infatti, l’attività di controllo medico-legale sulle condizioni di salute dei lavoratori dipendenti, al fine di accertare, su richiesta del datore di lavoro, la legittimità dell’assenza del lavoratore, pur rientrando nelle competenze delle ASL, non costituisce un livello essenziale di assistenza, non essendo una prestazione di cura e prevenzione e, tanto meno, avendo la finalità di tutelare la salute collettiva.

Inoltre, secondo la Regione Toscana, sarebbe lesa anche l’autonomia finanziaria regionale di cui all’art. 119 Cost. perché la Regione, per garantire invariato il livello di assistenza sanitaria, si troverebbe costretta ad integrare il fondo sanitario regionale con proprie risorse finanziarie.

2.1.– È riservata a separate pronunce ogni decisione sulle ulteriori questioni di legittimità costituzionale del decreto legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, proposte dalla Regione Toscana con il presente ricorso.

3.– La questione innanzi indicata è fondata.

3.1.– Il legislatore statale nell’ultimo biennio è intervenuto ripetutamente in tema di assenze per malattia dei dipendenti pubblici. In un primo momento, l’art. 71, comma 3, del d.l. n. 112 del 2008, ha previsto che l’Amministrazione «dispone il controllo in ordine alla sussistenza della malattia del dipendente anche nel caso di assenza di un solo giorno, tenuto conto delle esigenze funzionali e organizzative». Successivamente, l’art. 17, comma 23, lettera e), del decreto-legge n. 78 del 2009, oggetto del presente giudizio, ha modificato l’art. 71 del d.l. n. 112 del 2008, da un lato aggiungendovi i commi 5-bis e 5-ter, e, dall’altro, abrogando il citato comma 3.

Tale ultima disposizione è stata poi trasfusa, ad opera dell’art. 69 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 (Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni), senza alcuna modifica, nell’art. 55-septies, comma 5, primo periodo, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche).

A sua volta, l’art. 74, comma 1, del d.lgs. n. 150 del 2009 afferma che numerosi articoli del medesimo decreto legislativo, tra i quali l’art. 69, che come si è visto, contiene il nuovo art. 55-septies ora citato, sono espressione della potestà legislativa esclusiva attribuita allo Stato dall’art. 117, secondo comma, lettere l) ed m), della Costituzione

3.2.– Così delineato il quadro normativo di riferimento, è necessario, ai fini del presente giudizio, individuare l’ambito materiale al quale ricondurre la disciplina oggetto dell’impugnazione della Regione Toscana. Tale materia è quella della «tutela della salute» di cui all’art. 117, terzo comma, Cost.

Infatti, nonostante l’autoqualificazione compiuta dal legislatore statale con il citato art. 74, comma 1, del d.lgs. n. 150 del 2009, la disciplina in esame non è riconducibile alla materia della «determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale», attribuita dall’articolo 117, secondo comma, lettera m), Cost., alla competenza legislativa esclusiva dello Stato.

Nella giurisprudenza di questa Corte si è costantemente affermato che «ai fini del giudizio di legittimità costituzionale, la qualificazione legislativa non vale ad attribuire alle norme una natura diversa da quella ad esse propria, quale risulta dalla loro oggettiva sostanza» (ex plurimis, sentenze n. 447 del 2006 e n. 482 del 1995).

In altri termini, per individuare la materia alla quale devono essere ascritte le disposizioni oggetto di censura, non assume rilievo la qualificazione che di esse dà il legislatore, ma occorre fare riferimento all’oggetto ed alla disciplina delle medesime, tenendo conto della loro ratio e tralasciando gli aspetti marginali e gli effetti riflessi, così da identificare correttamente e compiutamente anche l’interesse tutelato (sentenze n. 430, n. 169 e n. 165 del 2007).

La fissazione dei livelli essenziali di assistenza si identifica, secondo la giurisprudenza di questa Corte, nella «determinazione degli standard strutturali e qualitativi delle prestazioni da garantire agli aventi diritto su tutto il territorio nazionale», non essendo «pertanto inquadrabili in tale categoria le norme volte ad altri fini, quali, ad esempio, l’individuazione del fondamento costituzionale della disciplina, da parte dello Stato, di interi settori materiali o la regolamentazione dell’assetto organizzativo e gestorio degli enti preposti all’erogazione delle prestazioni» (sentenza n. 371 del 2008).

Si è già avuto modo di affermare che, in tema di tutela della salute, la disciplina statale che determina i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale comporta una forte compressione della sfera di autonomia regionale. Pertanto, con riferimento alle prestazioni richieste alle aziende sanitarie, la deroga alla competenza legislativa delle Regioni, in favore di quella dello Stato, è ammessa solo nei limiti necessari ad evitare che, in parti del territorio nazionale, gli utenti debbano assoggettarsi ad un regime di assistenza sanitaria inferiore, per quantità e qualità, a quello ritenuto intangibile dallo Stato (sentenza n. 387 del 2007).

Così delineata la nozione di prestazione sanitaria che possieda le caratteristiche per rientrare nell’ambito dei livelli essenziali di assistenza, deve ritenersi condivisibile la ricostruzione operata dalla giurisprudenza ordinaria e amministrativa, secondo cui l’accertamento medico-legale sui dipendenti pubblici assenti dal servizio per malattia è un’attività strumentale al controllo della regolarità dell’assenza del dipendente, volta principalmente alla tutela di un interesse del datore di lavoro, la quale trova solo indirettamente un collegamento con prestazioni poste a tutela della salute del lavoratore (Cass. Sez. 1, sentenza n. 13992 del 28 maggio 2008 e Cons. di Stato Sez. V, sentenza n. 5690 del 29 gennaio 2008).

Inoltre, sarebbe del tutto irragionevole, qualora si volesse riconoscere agli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia il carattere di livello essenziale di assistenza, limitare tale qualificazione alla sola ipotesi delle visite fiscali richieste dalle amministrazioni pubbliche e non anche riconoscere pari natura a quelle richieste dai datori di lavoro privati, dato che si attribuirebbe a questo tipo di verifiche il carattere di prestazione diretta a realizzare uno standard strutturale e qualitativo tale da dover essere garantito in modo uniforme a tutti gli aventi diritto sul territorio nazionale.

3.4.– Le norme in esame, dunque, devono essere correttamente ricondotte alla materia di competenza legislativa concorrente della «tutela della salute» (art. 117, terzo comma, della Costituzione) che, come la Corte ha più volte ribadito, è «assai più ampia» rispetto a quella precedente dell’«assistenza ospedaliera» (sentenze n. 134 del 2006 e n. 270 del 2005), ed esprime «l’intento di una più netta distinzione fra la competenza regionale a legiferare in queste materie e la competenza statale, limitata alla determinazione dei principi fondamentali della disciplina» (sentenza n. 162 del 2007).

Infatti, la disciplina degli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti per malattia, anche se viene attivata per soddisfare l’interesse del datore di lavoro volto a controllare e verificare la regolarità e legittimità dell’assenza per malattia del lavoratore, viene altresì a configurare una prestazione di tipo sanitario che si sostanzia, quanto meno, in una diagnosi sulla salute del lavoratore conforme o difforme rispetto a quella effettuata dal medico curante o alla condizione denunciata dal lavoratore e che può anche determinare l’adozione di misure che eccedono la persona del dipendente, qualora l’accertamento evidenzi patologie che presentino rischi di contagio.

Inoltre, questa Corte ha più volte affermato che le norme che disciplinano gli aspetti organizzativi dell’attività sanitaria vanno anch’esse ricondotte alla materia della tutela della salute, quando sono idonee ad incidere sulla salute dei cittadini, costituendo le modalità di organizzazione del servizio sanitario la cornice funzionale ed operativa che garantisce la qualità e l’adeguatezza delle prestazioni erogate (sentenza n. 181 del 2006).

Nel caso in questione, risulta evidente la stretta inerenza che tutte le norme de quibus presentano con l’organizzazione del servizio sanitario e con il relativo finanziamento, tenendo, tra l’altro, conto che è stato legislativamente previsto che tale tipo di prestazioni possa essere effettuato solo mediante le aziende sanitarie locali.

3.5.– Una volta stabilito che le norme impugnate dalla Regione Toscana rientrano nella materia «tutela della salute», occorre verificare, trattandosi di una materia rimessa alla competenza legislativa concorrente, se alle stesse possa essere riconosciuta la natura di normativa di principio.

La risposta deve essere negativa, in quanto la disciplina introdotta dai commi 5-bis e 5-ter non lascia alcuno spazio di intervento alla Regione non solo per un’ipotetica legiferazione ulteriore, ma persino per una normazione secondaria di mera esecuzione, con l’effetto, peraltro, di vincolare risorse per l’effettuazione di una prestazione che non rientra nella materia di competenza esclusiva dello Stato di cui al già citato art. 117, secondo comma, lettera m), Cost., incidendo, in tal modo, anche sull’autonomia finanziaria della Regione, tutelata dall’art. 119 Cost.

In conclusione, il comma 5-bis dell’art. 71 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, il quale dispone che le visite fiscali sul personale dipendente delle pubbliche amministrazioni rientrano tra i compiti istituzionali del servizio sanitario nazionale e che i relativi oneri sono a carico delle aziende sanitarie, non è ascrivibile ad alcun titolo di competenza legislativa esclusiva dello Stato e, trattandosi di normativa di dettaglio in materia di «tutela della salute», si pone in contrasto con l’art. 117, terzo comma, Cost., mentre il comma 5-ter, che vincola una quota delle risorse per il finanziamento del servizio sanitario nazionale, destinandole a sostenere il costo di una prestazione che non può essere qualificata come livello essenziale di assistenza, si pone in contrasto con l’art. 119 Cost., ledendo l’autonomia finanziaria delle Regioni.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riservata a separate pronunce ogni decisione sulle ulteriori questioni di legittimità costituzionale del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, proposte dalla Regione Toscana con il ricorso indicato in epigrafe;

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 17, comma 23, lettera e), del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 (Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini), convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nella parte in cui aggiunge all’art. 71 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i commi 5-bis e 5-ter.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte Costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 giugno 2010.

F.to:

Francesco AMIRANTE, Presidente

Paolo Maria NAPOLITANO, Redattore

Giuseppe DI PAOLA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 10 giugno 2010.

Presidenza del Consiglio dei Ministri Nota 20-1-2011 n. 1/11/UPPA Art. 7, comma 6, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165. Incarichi individuali conferiti dalle pubbliche amministrazioni. Emanata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica, U.P.P.A., Servizio programmazione assunzioni e reclutamento.

Nota 20 gennaio 2011, n. 1/11/UPPA (1).

Art. 7, comma 6, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165. Incarichi individuali conferiti dalle pubbliche amministrazioni.

(1) Emanata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica, U.P.P.A., Servizio programmazione assunzioni e reclutamento.



All'


Ufficio per la formazione del personale delle pubbliche amministrazioni
 

Largo del Teatro Valle, 6
 

00186 - Roma




Con nota del 14 ottobre 2010, n. 308, codesto Ufficio sottopone all'attenzione dello Scrivente la nuova formulazione dell'art. 7, comma 6, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, a seguito delle modifiche introdotte dal comma 2, dell'art. 22, della L. 18 giugno 2009, n. 69.

La richiesta si colloca nell'ambito della gestione della banca dati degli esperti, predisposta da codesto Ufficio nell'ambito dell'Obiettivo operativo II.4 dell'Asse “Azioni per il rafforzamento delle pubbliche amministrazioni” del PON “Governance e assistenza tecnica”. A supporto del miglioramento della capacità amministrativa dell'apparato pubblico, la predetta Banca ha la finalità di selezionare degli esperti con competenze specifiche, al fine di poterli utilizzare per l'attuazione delle politiche di coesione, mediante lo strumento del conferimento d'incarico individuale.

Alla luce della nuova formulazione della normativa citata, codesto Ufficio chiede un approfondimento sui criteri interpretativi al fine di meglio definire i requisiti necessari per l'iscrizione alla Banca dati in argomento.

La richiesta di parere, perciò, fa riferimento alla sostituzione, operata dalla legge n. 69/2009, nel citato articolo 7, comma 6, del D.Lgs. n. 165/2001, delle parole: “o dei mestieri artigianali” con le seguenti: “, dei mestieri artigianali o dell'attività informatica nonché a supporto dell'attività didattica e di ricerca, per i servizi di orientamento, compreso il collocamento, e di certificazione dei contratti di lavoro di cui al D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, purché senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”.

Sicché la nuova formulazione vigente della norma in oggetto risulta essere la seguente: “Per esigenze cui non possono far fronte con personale in servizio, le amministrazioni pubbliche possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, ad esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria, in presenza dei seguenti presupposti di legittimità (…). Si prescinde dal requisito della comprovata specializzazione universitaria in caso di stipulazione di contratti di collaborazione di natura occasionale o coordinata e continuativa per attività che debbano essere svolte da professionisti iscritti in ordini o albi o con soggetti che operino nel campo dell'arte, dello spettacolo, dei mestieri artigianali o dell'attività informatica nonché a supporto dell'attività didattica e di ricerca, per i servizi di orientamento, compreso il collocamento, e di certificazione dei contratti di lavoro di
cui al decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, purché senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore. (…)”.

Tenuto conto delle modifiche apportate alla normativa in oggetto dall'articolo 46, comma 1, del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla L. 6 agosto 2008, n. 133, codesto Ufficio, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore interessato, ha consentito l'iscrizione alla banca dati degli esperti dei soggetti in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti minimi:

1) laurea specialistica (in via di interpretazione la laurea triennale è valida come requisito minimo purché sia integrata da un titolo di specializzazione previsto dall'ordinamento universitario di riferimento);

2) iscrizione in ordini o albi professionali, prescindendo dal possesso del requisito della laurea;

3) professionalità operante nel campo dell'arte, dello spettacolo o dei mestieri artigianali, prescindendo anche qui dal possesso della laurea.

Per il caso 2) la possibilità di prescindere dalla comprovata specializzazione universitaria si fonda su un dato oggettivamente accertabile che è l'abilitazione professionale quale strumento di controllo e di garanzia della preparazione tecnica necessaria ai fini dell'esercizio professionale nel campo per cui è espresso il fabbisogno.

Per il caso 3) i requisiti minimi non si fondano più sul possesso di un titolo di studio oggettivamente verificabile. Nella circostanza è indispensabile accertare un'esperienza nel settore facendo riferimento al curriculum del soggetto ed operando sullo stesso una valutazione imparziale e scrupolosa.

Le deroghe al requisito della specializzazione universitaria, introdotte dal D.L. n. 112/2008, erano, coerentemente con la natura delle disposizioni speciali, un numerus clausus.

Sull'onda di istanze funzionali ed organizzative di settori peculiari della pubblica amministrazione, il legislatore, con il comma 2, dell'art. 22, della L. n. 69 del 2009, ha ritenuto di ampliare la sfera delle fattispecie per cui, in caso di stipulazione di contratti di collaborazione di natura occasionale o coordinata e continuativa da parte delle amministrazioni pubbliche, si può fare a meno della specializzazione universitaria.

In particolare la norma ora si struttura distinguendo ipotesi legate allo svolgimento di attività, da ipotesi legate allo svolgimento di servizi. Si conferma la tassatività dell'elenco.

Sulla base delle novità introdotte dalla L. n. 69/2009, si prescinde dal requisito della comprovata specializzazione universitaria:

a) per attività che debbano essere svolte [1]… con soggetti che operino nel campo [2] … dell'attività informatica nonché a supporto dell'attività didattica e di ricerca;

b) per servizi di orientamento, compreso il collocamento, e per quelli di certificazione dei contratti di lavoro di cui al D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276.

L'ampliamento delle fattispecie derogatorie non può in alcun caso essere inteso anche come ampliamento dei poteri di spesa delle amministrazioni pubbliche. Il legislatore si premura, infatti, di sottolineare che le nuove disposizioni non possono comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

In tutti i casi di stipulazione di contratti di collaborazione di natura occasionale o coordinata e continuativa resta fermo il rispetto degli altri vincoli procedurali e dei presupposti di legittimità indicati dall'art. 7, comma 6, del D.Lgs. n. 165/2001, nonché dalla normativa prevista per alcuni specifici settori.

Come già evidenziato rimane ferma, altresì, la necessità di accertare la maturata esperienza nel campo che, per le fattispecie per le quali si prescinde dalla specializzazione universitaria, presupporrebbe la preventiva individuazione di parametri sostanziali che facciano da criteri guida per la comparazione dei curricula, nel rispetto di esigenze di trasparenza, imparzialità e meritocrazia.

A maggior garanzia di quanto sopra soccorrono, inoltre, i vincoli di pubblicità e di controllo in materia di conferimento di incarichi individuali previsti dalla normativa vigente, letti nel più ampio contesto di trasparenza dell'azione amministrativa e di controllo sociale su di essa, quali valori fondamentali dell'ordinamento giuridico, rafforzati dal D.Lgs. n. 150/2009 ed in particolare dall'art. 11.


[1] Omissis “da professionisti iscritti in ordini o albi o”.

[2] Omissis “dell'arte, dello spettacolo, dei mestieri artigianali o”.


Il Capo dipartimento

Antonio Naddeo



D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 7
L. 18 giugno 2009, n. 69, art. 22
D.L. 25 giugno 2008, n. 112, art. 46
D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276
D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, art. 11

Ministero dell'interno Circ. 24-1-2011 n. 4/2011 Registrazione del nome dei cittadini della Repubblica delle Filippine. Precisazioni. Emanata dal Ministero dell'interno, Dipartimento per gli affari interni e territoriali, Direzione centrale per i servizi demografici.

Circ. 24 gennaio 2011, n. 4/2011 (1).

Registrazione del nome dei cittadini della Repubblica delle Filippine. Precisazioni.

(1) Emanata dal Ministero dell'interno, Dipartimento per gli affari interni e territoriali, Direzione centrale per i servizi demografici.



 

Ai


Prefetti della Repubblica
   

Loro sedi
 

Al


Commissario del governo per la provincia di Bolzano
   

39100 - Bolzano
 

Al


Commissario del governo per la provincia di Trento
   

38100 - Trento
 

Al


Presidente della giunta regionale della Valle d'Aosta
   

11100 - Aosta

e, p.c.:


Al


Commissario dello Stato per la regione siciliana
   

90100 - Palermo
 

Al


Rappresentante del governo per la regione Sardegna
   

09100 - Cagliari
 

Al


Dipartimento di pubblica sicurezza
   

Direzione centrale dell'immigrazione e della polizia delle frontiere
   

Via Tuscolana, 1558
   

00173 - Roma
 

Al


Dipartmento per le libertà civili e l'immigrazione
   

Direzione centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo
   

Sede
 

All'


Ispettorato generale di amministrazione
   

Via Cavour, 6
   

Sede
 

Al


Ministero degli affari esteri
   

Direzione generale per gli italiani all'estero e le politiche migratorie
   

Piazzale della Farnesina, 1
   

00135 - Roma
 

Al


Ministero dei trasporti
   

Dipartimento per i trasporti terrestri e per il trasporto intermodale
   

Via Caraci, 36
   

00157 - Roma
 

All'


Istituto nazionale previdenza sociale
   

Via Ciro il Grande, 21
   

00144 - Roma
 

All'


Agenzia delle entrate
   

Direzione centrale servizi ai contribuenti
   

Via Giorgione, 159
   

00147 - Roma
 

All'


Istituto nazionale di statistica
   

Via Cesare Balbo, n. 16
   

00184 - Roma
 

All’


Associazione nazionale comuni italiani
   

Via dei Prefetti n. 46
   

00186 - Roma
 

All’


Associazione nazionale ufficiali di stato civile ed anagrafe
   

Via dei Mille, n. 35 E/F
   

40024 - Castel San Pietro Terme (BO)
 

Alla


DE.A. - Demografici Associati - c/o
   

Amministrazione comunale
   

V.le Comaschi, n. 1160
   

56021 - Cascina (PI)




Si fa seguito alla Circ. 7 ottobre 2010, n. 29/2010, concernente l'oggetto, con la quale sono state indicate le modalità di registrazione del nome e del cognome dei cittadini della Repubblica delle Filippine alla luce dei chiarimenti forniti dalla competente Ambasciata.

In particolare, nella citata circolare è stato precisato che un cittadino della Repubblica delle Filippine con il seguente nome riportato sul passaporto: Pedro (nome), Santos (nome di mezzo) Cruz (cognome) dovrà essere registrato in Italia come: Pedro (nome), Cruz (cognome), senza alcun riferimento al nome di mezzo.

Al riguardo, nelle more del completo passaggio al sistema delineato nella citata Circ. 7 ottobre 2010, n. 29/2010, si ritiene che le indicazioni ivi contenute debbano essere applicate tenendo conto sia della esigenza di coerenza del dato anagrafico registrato in anagrafe con quello riportato nel permesso di soggiorno, sia della opportunità di non gravare eccessivamente il cittadino degli oneri derivanti dalla introduzione delle nuove regole, come anche richiesto dalla competente Ambasciata.

A tal fine, occorre distinguere la posizione del cittadino della Repubblica delle Filippine che nel richiedere l'iscrizione anagrafica esibisca un permesso/carta di soggiorno contenente il nome di mezzo. In questo caso, per assicurare la corrispondenza tra il documento di soggiorno rilasciato dalla Questura e il dato contenuto in anagrafe è opportuno che anche in anagrafe sia riportato il nome di mezzo.

Diversamente, qualora al cittadino delle Filippine già registrato in anagrafe con il nome di mezzo, venga rilasciato dalla Questura un documento di soggiorno non riportante il nome di mezzo (ad esempio in sede di rinnovo del documento di soggiorno), sarà cura dell'interessato recarsi presso il comune, che dovrà provvedere ad allineare il dato contenuto in anagrafe con quello riportato sul titolo di soggiorno rilasciato dalla Questura, eliminando il nome di mezzo.

In tale ipotesi, l'ufficiale d'anagrafe, dopo aver effettuato la modifica delle generalità, rilascerà all'interessato la comunicazione di conclusione del procedimento effettuato, dalla quale si evincerà che le generalità precedentemente registrate in anagrafe (con il nome di mezzo) e le nuove (senza il nome di mezzo) si riferiscono alla medesima persona. Eventualmente, su specifica richiesta dell'interessato, l'Ufficiale d'anagrafe potrà anche rilasciare, in qualsiasi momento, un'attestazione ai sensi dell'art. 33, comma 2, del regolamento anagrafico, recante anch'essa le indicazioni delle generalità registrate in anagrafe prima e dopo la modifica.

Per inciso, si precisa che le indicate istruzioni operative non incidono sul principio generale desumibile dall'art. 14 del regolamento anagrafico, e ribadito con Circ. 25 luglio 2003, n. 20, in base al quale le generalità del cittadino straniero sono desunte dal passaporto.

Riguardo all'argomento, si ritiene altresì opportuno rammentare l'importanza della verifica della corrispondenza dei dati anagrafici del cittadino presenti nel registro anagrafico e nel permesso di soggiorno, con quelli utilizzati.per l'attribuzione del codice fiscale.

In tal senso, il comune che al momento dell'iscrizione anagrafica del cittadino riscontri la presenza di informazioni non coerenti in Anagrafe Tributaria, deve provvedere all'aggiornamento del codice fiscale precedentemente attribuito: in tal modo sarà garantito il collegamento delle due posizioni in Anagrafe Tributaria, l'Agenzia delle entrate potrà certificare l'unicità del soggetto e quindi saranno fatti salvi tutti gli atti nei quali il cittadino abbia indicato il precedente codice fiscale.


Si pregano le SS.LL. d'informare i Sigg. Sindaci del contenuto della presente circolare.


Il Direttore centrale

Menghini



Circ. 7 ottobre 2010, n. 29/2010
D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223, art. 14
D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223, art. 33

Lista di controllo per verificare la protezione da agenti esplosivi

Lista di controllo per verificare la protezione da agenti esplosivi (link diretto al portale dell'autore)“ Lista di controllo per la verifica dell’applicazione del Titolo XI del D.Lgs. 81/08” (formato PDF, 94 kB),  Formulario pubblicato sul sito del Gruppo di Lavoro per la sicurezza in ambienti a rischio di esplosione.

DROGA: POLIZIA STRADALE SEQUESTRA 2 CHILI DI COCAINA SU A10



DROGA: POLIZIA STRADALE SEQUESTRA 2 CHILI DI COCAINA SU A10 =(AGI) - Imperia, 31 gen. - Gli agenti della Polizia stradale di
Imperia Ovest hanno sequestrato 2 chilogrammi di cocaina
sull'Autostrada dei Fiori, all'altezza di Orco Feglino, in
provincia di Savona. La droga era su una Lancia Y, a bordo del
quale c'erano Leandro Fagnano, 50 anni, e Stefano Lepore, di 40
anni, pregiudicati della provincia di Bologna, arrestati con
l'accusa di traffico di sostanze stupefacenti. Il fatto che
stessero procedendo ad alta velocita', nonostante la pioggia,
ha indotto gli agenti a fermare il veicolo. I due hanno subito
mostrato segni di nervosismo che hanno convinto i poliziotti a
procedere a una piu' accurata ispezione, che ha portato a
scoprire la droga suddivisa in due panetti. (AGI)
Im1/Msc/Ral
311520 GEN 11

NNNN

Sessualità: pillola e altri metodi contraccettivi, in un libro informazioni a 360 gradi

SESSUALITA': PILLOLA E ALTRI METODI CONTRACCETTIVI, IN UN LIBRO INFORMAZIONI A 360 GRADI =
Roma, 31 gen. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - La contraccezione
a 360 gradi. Tutto quello che c'e' da sapere sulla pillola, che ha
compiuto cinquant'anni nel 2010, sulla spirale, sul diaframma, sul
preservativo, sui metodi naturali e quelli d'emergenza: come
funzionano, con quale grado di efficacia e di sicurezza. Tutto
spiegato, alla luce dei progressi della scienza, con un linguaggio
semplice, da due ginecologi impegnati da tempo in battaglie di
laicita' per una sessualita' libera e consapevole. E' il libro
'Contraccezione', di Carlo Flamigni, gia' docente di ginecologia e
componente del Comitato nazionale per la Bioetica, e Anna Pompili,
ginecologa esperta di divulgazione, in uscita il 3 febbraio (edizioni
l'Asino d'oro).

Il volume, nelle intenzioni degli autori, e' "uno strumento a
disposizione delle donne e di tutti coloro che vogliono farsi un'idea
chiara della contraccezione - affrontando i dubbi che spesso nella
realta' quotidiana restano senza risposta in ambulatori medici e
consultori - e pensano sia meglio prevenire che abortire". Secondo i
dati dell'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms), le gravidanze
che ogni anno cominciano nel mondo sono circa 200 milioni, la meta'
delle quali non pianificata; gli aborti clandestini sono circa 20
milioni l'anno; le morti di donne per aborti eseguiti in condizioni
sanitarie inadeguate circa 80.000 ogni anno, mentre i decessi legati
alla gravidanza e al parto, circa 600.000 l'anno.

"Una societa' piu' moderna e piu' consapevole non puo' non
essere interessata a una efficace politica contraccettiva", affermano
i due medici. "Mezzo secolo di contraccezione - spiegano Flamigni e
Pompili - ha imposto anche un nuovo rapporto tra medico e paziente:
dal momento che il medico viene chiamato in causa non piu' solo per
curare una malattia, ma anche per rispondere all'esigenza di vivere la
sessualita' in maniera libera e consapevole". Il controllo della
fertilita', concludono, "molto prima di essere un problema tecnico, e'
un problema culturale. Dalla cultura dovremmo ricavare la capacita' di
gestire la nostra vita sessuale e affettiva secondo le nostre
intenzioni e le nostre scelte; la tecnica dovrebbe darci gli strumenti
per gestire una vita sessuale libera da rischi procreativi, senza
alcun coinvolgimento per la nostra salute".

(Com-Ram/Pn/Adnkronos)
31-GEN-11 15:14

NNNN

TRENO DERAGLIA A BERGAMO PER FURGONE RUBATO LASCIATO SU BINARI

TRENO DERAGLIA A BERGAMO PER FURGONE RUBATO LASCIATO SU BINARI =
(AGI) - Bergamo, 31 gen. - Un furgone rubato e abbandonato sui
binari: questa e' la causa del deragliamento del treno merci
tedesco avvenuto la scorsa notte, che ha tagliato in due la
linea ferroviaria Milano-Brescia. Secondo le ricostruzioni,
intorno alle 4.30 un treno delle Ferrovie Nord composto da
locomotore e venti vagoni che trasportava laminato in ferro
stava viaggiando sul binario pari per Milano. A duecento metri
dalla stazione di Romano il macchinista si e' trovato davanti
un furgone Ducati abbandonato sul binario e non e' riuscito a
fermarsi in tempo, l'ha travolto e trascinato per una
cinquantina di metri fino a quando l'automezzo e' caduto
all'esterno della ferrovia e si e' schiantato contro un palo.
Il treno ha proseguito la sua corsa per 700 metri fino a quando
la locomotiva e i primi quattro vagoni sono deragliati, senza
pero' ribaltarsi. Due dei vagoni hanno perso il carico che e'
finito sui binari della linea parallela. Il furgone era appena
stato usato dai ladri per una spaccata. I malviventi lo hanno
rubato a un'impresa edile del paese, lo hanno usato come ariete
per sfondare la vetrina di una ricevitoria del lotto di Romano
e caricare quattro videogiochi e un cambiamonete. Quindi sono
andati nella zona della stazione, dove hanno scaricato le
macchinette, le hanno sfondate con una mazza e ne hanno tolto
il denaro. Infine se ne sono andati, abbandonando furgone e
macchinette sui binari. Ora la linea ferroviaria fra Treviglio
e Rovato e' bloccata e per raggiungere Milano i viaggiatori
sono costretti ad andare a Bergamo e predere da li' un treno
per Milano. Le ferrovie hanno messo a disposizione pullman per
raggiungere Rovato e Treviglio, stazioni dove prendere poi i
treni per Brescia, Bergamo e Milano. Sono intanto in corso i
lavori per liberare i binari e mettere in sicurezza l'area,
lavori che dovrebbero proseguire fino al pomeriggio. (AGI)
Bg1/Car
311029 GEN 11

NNNN

MATURITA': PER PRIMA VOLTA A ESAME CLASSI PROGETTO ESABAC - SCUOLA: MATURITA', LATINO AL CLASSICO E MATEMATICA ALLO SCIENTIFICO PER 2° PROVA SCRITTA



MATURITA': SCELTE LE MATERIE, LATINO AL CLASSICO ++

(ANSA) - ROMA, 31 GEN - Latino al Classico, matematica allo
Scientifico, lingua straniera al liceo Linguistico: sono alcune
delle materie scelte dal ministero dell'Istruzione per la
seconda prova scritta all'esame di maturita' 2011. Le materie,
come l'anno scorso, sono state annunciate dal ministro Maria
Stella Gelmini, dal suo canale su Youtube. (ANSA).

CLL/STA
31-GEN-11 09:55 NNNNMATURITA': ECCO LE MATERIE, LATINO AL CLASSICO =
(AGI) - Roma, 31 gen. - Latino al liceo classico, matematica
allo scientifico, lingua straniera al linguistico. Sono alcune
delle materie scelte per la seconda prova scritta della
maturita' e annunciate dal ministro dell'Istruzione Mariastella
Gelmini su Youtube. (AGI)
Gav
311003 GEN 11

MATURITA': SCELTE LE MATERIE, LATINO AL CLASSICO

(ANSA) - ROMA, 31 GEN - Padagogia e' la materia scelta dal
ministero dell'Istruzione per la seconda prova dei maturandi del
liceo pedagogico. Per gli studenti del liceo artistico e' invece
stato scelto disegno geometrico, prospettiva e architettura.
Per quanto riguarda gli istituti tecnici e professionali, ha
aggiunto Gelmini, le materie scelte sono: economia aziendale per
l'istituto tecnico commerciale; costruzioni per l'istituto
tecnico per geometri; tecnica turistica per l'istituto tecnico
per il turismo; alimenti e alimentazione per l'istituto
professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione;
tecnica amministrativa per l'istituto professionale per i
servizi sociali. Infine, macchine a fluido e' la materia
stabilita per l'istituto professionale per tecnico delle
industrie meccaniche.(ANSA).

YZD-CLL
31-GEN-11 10:07 NNNNScuola/ Esame maturità 2011 dal 22 giugno, Latino al classico
La Gelmini su You Tube annuncia le seconde prove scritte

Roma, 31 gen. (TMNews) - Latino al Liceo classico, matematica
allo scientifico, lingua straniera al Liceo linguistico,
pedagogia al Liceo pedagogico, disegno geometrico, prospettiva e
architettura al Liceo artistico, economia aziendale per i
Ragionieri, Costruzioni ai Geometri, Alimenti e alimentazione
all`Istituto professionale per i servizi alberghieri e della
ristorazione. Sono queste alcune delle materie scelte per la
seconda prova scritta degli esami di maturità 2011, che il
ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini ha presentato oggi
sul proprio canale You Tube (www.youtube.com/mariastellagelmini).

Le prove scritte della maturità dell`anno scolastico 2010/2011 si
terranno il 22 giugno (prima prova) e il 23 giugno (seconda
prova).

Per la seconda prova scritta sono state selezionate, per il liceo
classico Latino; per il liceo scientifico Matematica; per il
liceo linguistico Lingua straniera; per il liceo pedagogico
Pedagogia; per il liceo artistico Disegno geometrico, prospettiva
e architettura.

(segue)

Red/Sav

311008 gen 11
MATURITA': ECCO LE MATERIE, LATINO AL CLASSICO (2) =
(AGI) - Roma, 31 gen. - Al liceo pedagogico la materia della
seconda prova sara' pedagogia, mentre all'artistico i ragazzi
si cimenteranno in disegno geometrico, prospettiva e
architettura. Per gli istituti tecnici e professionali le
materie scelte sono: economia aziendale per il tecnico
commerciale; costruzioni al tecnico per geometri; tecnica
turistica per l'istituto del turismo, alimenti e alimentazione
per quello per i servizi alberghieri e della ristorazione;
tecnica amministrativa per l'istituto per i servizi sociali;
macchine a fluido per il tecnico delle industrie meccaniche.
Tutte le info su www.istruzione.it. (AGI)
Gav
311013 GEN 11

SCUOLA: MATURITA', LATINO AL CLASSICO E MATEMATICA ALLO SCIENTIFICO PER 2° PROVA SCRITTA =
GELMINI ANNUNCIA MATERIE SU YOUTUBE

Roma, 31 gen. - (Adnkronos) - Latino al Liceo classico;
matematica al Liceo scientifico; lingua straniera al Liceo
linguistico; pedagogia al Liceo pedagogico; disegno geometrico
prospettiva e architettura al Liceo artistico: sono queste alcune
delle materie scelte per la seconda prova scritta degli esami di Stato
2011. Lo ha annunciato il ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e
della Ricerca, Mariastella Gelmini, con un video sul suo canale
www.youtube.it/mariastellagelmini.

Per gli Istituti tecnico commerciali (ragionieri), la prova
riguardera' l'economia aziendale; negli Istituti tecnici per geometri,
costruzioni; negli Istituti tecnici per il turismo, tecnica
tursistica; negli Istituti professionali per i servizi alberghieri e
della ristorazione, alimenti e alimentazione; negli istitui
professionale per i servizi sociali, tecnica amministrativa; negli
Istituti professionali per tecnico delle industrie meccaniche,
macchine a fluido.

(Sin/Zn/Adnkronos)
31-GEN-11 10:14

Scuola/ Esame maturità 2011 dal 22 giugno, Latino al... -2-
Per le materie affidate agli esterni si è seguita 'la rotazione'

Roma, 31 gen. (TMNews) - Per gli istituti tecnici e
professionali, riferisce il Miur, sono state scelte materie che
oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una
dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la
seconda prova può essere svolta, come per il passato, in forma
scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica,
utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell`istituto.

Le materie scelte per alcuni indirizzi sono Economia aziendale
per l`istituto tecnico commerciale (ragionieri); Costruzioni per
l`istituto tecnico per geometri; Tecnica turistica per l`istituto
tecnico per il turismo; Alimenti e alimentazione per l`istituto
professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione;
Tecnica amministrativa per l`istituto professionale per i servizi
sociali; Macchine a fluido per l`istituto professionale per
Tecnico delle industrie meccaniche. Per il settore artistico
(licei e istituti d`arte) la materia di seconda prova ha
carattere progettuale e laboratoriale (architettura, ceramica,
mosaico, marmo, oreficeria ecc.) e si svolge in tre giorni.

Il decreto individua, inoltre, le materie affidate ai membri
esterni. Quest`anno, per la prima volta, la Lingua straniera è
stata di norma affidata al commissario esterno negli indirizzi
linguistici dell`istruzione liceale e dell`istruzione tecnica.
Vanno per la prima volta ad esame le classi coinvolte nel
'progetto Esabac' finalizzato al rilascio del doppio diploma
italiano e francese ed attuato sulla base dell`accordo
Italo-Francese sottoscritto il 24 febbraio 2009.

Il Miur spiega che la scelta delle materie affidate ai membri
esterni ha seguito, dove si è rivelato opportuno, il criterio
della rotazione delle discipline. Tutte le materie potranno
essere consultate, dopo le ore 12, sul sito www.istruzione.it.

Red/Sav

311020 gen 11
MATURITA': PER PRIMA VOLTA A ESAME CLASSI PROGETTO ESABAC

(ANSA) - ROMA, 31 GEN - Quest'anno sosterranno per la prima
volta l'esame di maturita' le classi coinvolte nel progetto
Esabac, finalizzato al rilascio del doppio diploma italiano e
francese ed attuato sulla base di un accordo fra i due governi
sottoscritto nel febbraio del 2009.
Le prove scritte dell'esame che conclude il ciclo scolastico
delle superiori si terranno il 22 giugno (prima prova) ed il 23
giugno (seconda prova).
Per gli istituti tecnici e professionali, spiega il ministero
in una nota, sono state scelte materie che, oltre a
caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una
dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questo motivo la
seconda prova potra' essere svolta, come per il passato, in
forma scritta o grafica, o scritto-grafica, o scritto-pratica,
utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell'istituto.
Per il settore artistico (licei ed istituti d'arte) la
materia della seconda prova ha carattere progettuale ed
elaboratoriale (architettura, ceramica, mosaico, marmo,
oreficeria, eccetera) e si svolge in tre giorni.
Il ministero ha individuato inoltre le materie affidate ai
membri esterni. Quest'anno, per la prima volta, la lingua
straniera e' stata affidata al commissario esterno negli
indirizzi linguistici dell'istruzione liceale e dell'istruzione
tecnica. Ad ogni modo la scelta delle materie affidata ai membri
esterni ha seguito, dove si e' rilevato opportuno, il criterio
della rotazione delle discipline.
Tutte le materie ''uscite'' per i vari indirizzi di studio
potranno essere consultate sul sito del ministero
dell'Istruzione.(ANSA).

CLL/VIT
31-GEN-11 10:23 NNNN

Libera e Avviso Pubblico lanciano una grande campagna di raccolta firme per chiedere al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di intervenire, nelle forme e nei modi che riterrà più opportuni, affinché il governo e il Parlamento ratifichino quanto prima e diano concreta attuazione ai trattati, alle convenzioni internazionali e alle direttive comunitarie in materia di lotta alla corruzione nonché alle norme, introdotte con la legge Finanziaria del 2007, per la confisca e l'uso sociale dei beni sottratti ai corrotti

.
 
Libera e Avviso Pubblico lanciano una grande campagna di raccolta firme per chiedere al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di intervenire, nelle forme e nei modi che riterrà più opportuni, affinché il governo e il Parlamento ratifichino quanto prima e diano concreta attuazione ai trattati, alle convenzioni internazionali e alle direttive comunitarie in materia di lotta alla corruzione nonché alle norme, introdotte con la legge Finanziaria del 2007, per la confisca e l'uso sociale dei beni sottratti ai corrotti. ADERISCI ANCHE TU!

Lavori usuranti






Crisi anche per la polizia:gli aiuti non arrivano ed è stato di agitazione - Intanto i sindacati delle divise blu strigliano il governo - "Lavoreremo "gratis" rischiando la vita" - Il popolo dei colori







Atto Camera Interrogazione a risposta in Commissione 5-04092 Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che: l'articolo 142 del codice della strada consente alle province, quali enti proprietari della strada extraurbana, di fissare limiti di velocità massimi inferiori al limite dei 90 chilometri orari per particolari situazioni rilevanti ai fini della sicurezza;


domenica 30 gennaio 2011

MINISTERO DELL'INTERNO COMUNICATO Comunicato relativo alla determinazione dei criteri generali per il conferimento, l'avvicendamento e la revoca degli incarichi dirigenziali ai primi dirigenti e ai dirigenti superiori dei vari ruoli dirigenziali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. (11A01049) (GU n. 23 del 29-1-2011 )

Sul sito internet del Ministero dell'interno, Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile - Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco: http://www.vigilfuoco.it/ - e' pubblicato il D.M. 20 gennaio 2011, con il quale vengono determinati i criteri generali per il conferimento, l'avvicendamento e la revoca degli incarichi dirigenziali ai Primi dirigenti e ai Dirigenti superiori dei vari ruoli dirigenziali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Ministero dell'Interno COMUNICATO 26° Aggiornamento concernente la verifica di conformita' delle armi ad aria compressa o a gas compressi con modesta capacita' offensiva (11A00670) (GU n. 23 del 29-1-2011 )




ANSA/ CAOS CERTIFICATI ONLINE; APPELLO MEDICI, FERMARE SANZIONI SINDACATI, SISTEMA CON TROPPE FALLE, BRUNETTA CI RICEVA

ANSA/ CAOS CERTIFICATI ONLINE; APPELLO MEDICI, FERMARE SANZIONI
SINDACATI, SISTEMA CON TROPPE FALLE, BRUNETTA CI RICEVA
(di Silvia Gasparetto)
(ANSA) - ROMA, 30 GEN - Certificati di malattia
obbligatoriamente online o, da martedi' primo febbraio,
scatteranno le sanzioni per i medici. La categoria conta pero',
domani, ancora su un segnale da parte del ministro della
Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e chiede un'altra
proroga all'entrata in vigore delle sanzioni.
Per i sindacati di categoria, la situazione e' caotica e il
sistema presenta troppe criticita': dalla piattaforma
informatica che spesso si blocca al call center che non sempre
funziona al sistema per i medici ospedalieri - dice la categoria
- che ancora va studiato.
Per la 'rivoluzione digitale' della sanita' promessa da
Brunetta, stando ai diretti interessati, i tempi non sarebbero
ancora maturi, visto che, come sottolinea il segretario della
federazione dei medici di famiglia, Giacomo Milillo, ''solo il
50% dei medici, in realta', e' pronto a inviare i certificati
online'', archiviando la carta. Troppe falle, nel sistema, e una
diffusione sul territorio che ancora lascia a desiderare:
''Regioni come la Lombardia, dove li usano il 97% dei medici, o
l'Emilia Romagna sono avanti'' ma in molte altre ''ancora
proprio non ci siamo''. E il problema non e' solo di banda larga
o del numero di medici effettivamente abilitati ad usare il
nuovo sistema. C'e' il call center, che dovrebbe intervenire
quando il web non lo consente, ''con il quale nel 40% dei casi
non si riesce a portare a termine la procedura'', afferma
Massimo Cozza, della Cgil Medici. Senza contare che la
piattaforma digitale non e' in grado di sopportare l'
affollamento di richieste ''del lunedi', in cui si accumulano
anche le malattie iniziate nel weekend'', e che ancora si cerca
una soluzione per non aggravare ulteriormente il lavoro dei
medici del pronto soccorso, anche loro coinvolti nella nuova
procedura.
Per il ministero, pero', i dati sono incoraggianti e in
continua crescita, visto che si sono gia' superati i 2 milioni e
800 mila certificati trasmessi online. Ma sono numeri ''che
considerano gli ultimi sei mesi di sperimentazione - fa notare
Milillo - mentre a regime dovremmo inviare 20 milioni di
certificati l'anno con una media di 1 milione e mezzo al mese''.
Gli appelli per una nuova proroga si sono moltiplicati nelle
ultime settimane, compresa una lettera inviata dalla Fimmg al
presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. E le difficolta'
dei medici sono state accolte anche dal ministro della Salute,
Ferruccio Fazio, che ha incontrato i sindacati la settimana
scorsa, mostrandosi ''sensibile al problema''. Ma, dicono anche
all'Anaao, il principale sindacato dei medici ospedalieri, ''la
questione e' nelle mani del ministro della Funzione Pubblica'',
che, nonostante la nuova richiesta ''di un incontro urgente''
ancora non ha dato ''nessuna risposta''. Se non ci saranno
ulteriori proroghe, dal primo febbraio ''i medici che in modo
reiterato - spiega ancora Cozza - quindi bastano due volte, non
inviano i certificati online, rischiano il licenziamento''.
(ANSA).

Y87-GU
30-GEN-11 17:43 NNNN

VALANGA NEL CHIAVARESE: ELISOCCORSO NELLA TORMENTA TOCCA IL BOSCO

VALANGA NEL CHIAVARESE: ELISOCCORSO NELLA TORMENTA TOCCA IL BOSCO =
(AGI) - Genova, 30 gen. - Mentre permangono molto gravi le
condizioni dello sciatore ritrovato in stato di ipotermia dopo
essere stato investito da una valanga mentre si accingeva a
scendere fuori pista a Santo Stefano d'Aveto, nel chiavarese,
l'elisoccorso dei Vigili del fuoco a causa tormenta di neve che
in questo momento interessa tutta l'area, a 1600 metri con le
pale ha toccato un bosco di faggi. Il mezzo e' stato costretto
ad un atterraggio di emergenza. Non si registra al momento
nessun ferito ma il velivolo e' in avaria, quindi non piu' in
grado di effettuare il soccorso.
I medici, nel frattempo stanno cercando di mettere 'in
sicurezza' l'escursionista sepolto per oltre 3 ore sotto una
coltre di oltre 2,5 metri di neve. Sarebbe un maestro di sci,
nato nel 1981, facente parte del gruppo di maestri di sci di
Santo Stefano d'Aveto e stava sciando insieme ad altri suoi
amici in canalone, che portava da quota 1770 a 1600 metri.
(AGI)
Ge1/Mav
301740 GEN 11

NNNN

SANITA': ASL SASSARI, NESSUN ALLARME PER TRICHINELLOSI = UN MESE FA UNA FAMIGLIA FU RICOVERATA PER INFEZIONE DAL PARASSITA


SANITA': ASL SASSARI, NESSUN ALLARME PER TRICHINELLOSI =
UN MESE FA UNA FAMIGLIA FU RICOVERATA PER INFEZIONE DAL
PARASSITA

Cagliari, 30 gen. - (Adnkrono) - ''Il problema trichinellosi al
momento non sembra interessare il territorio di competenza dell'Asl di
Sassari e le carni suine controllate dai veterinari possono essere
consumate senza il rischio per l'uomo di contrarre la malattia''. E'
la valutazione effettuata dall'Unita' di crisi locale per la sicurezza
alimentare, convocata nei giorni scorsi dal responsabile del
dipartimento di prevenzione dell'Asl di Sassari, Francesco
Sgarangella.

L'Unita' di crisi si e' posta anche un obiettivo: triplicare in
tre anni i controlli veterinari per la trichinella sulle macellazioni
uso famiglia di suini nelle circa 3.300 aziende presenti nella
provincia di Sassari.

L'allarme trichinellosi e' scattato in Sardegna circa un mese fa
dopo il ricovero al San Francesco di Nuoro, di un'intera famiglia di
Orgosolo (Nu), che risulto' affetta dal pericoloso parassita, dopo
aver mangiato carne di suino allevato in casa e non controllato.
(segue)

(Coe/Gs/Adnkronos)
30-GEN-11 17:15

NNNN
SANITA': ASL SASSARI, NESSUN ALLARME PER TRICHINELLOSI (2) =

(Adnkronos) - L'assessore della Sanita' della Regione Sardegna,
Antonello Liori, in riferimento al caso della famiglia di Orgosolo ha
detto che ''esistono alcuni decreti, ancora vigenti, che prescrivono
l'obbligo di sottoporre ad analisi per la trichinellosi sia i maiali
macellati per uso familiare che le volpi ed i cinghiali cacciati.''

''Con l'obiettivo di fare il punto della situazione e di
rimodulare la strategia per combattere e prevenire questa patologia ho
convocato in settimana una riunione operativa dei servizi veterinari
delle Asl - ha aggiunto l'assessore Liori -. Ovviamente, sono anche
disponibile ad avere a breve un incontro con il sindaco di Orgosolo,
come da lui richiesto. E' bene ricordare che la Giunta regionale, su
mia proposta, ha recentemente approvato un Piano regionale per il
controllo sanitario della fauna selvatica, importante strumento di
prevenzione per le patologie che gli animali trasmettono all'uomo.''
(segue)

(Coe/Gs/Adnkronos)
30-GEN-11 17:26

NNNN
SANITA': ASL SASSARI, NESSUN ALLARME PER TRICHINELLOSI (3) =

(Adnkronos) - La riunione della Asl di Sassari si e' svolta alla
presenza dei direttori e dei componenti dei quattro servizi del
dipartimento interessati: Servizio igiene alimenti origine animale
(Siaoa), Servizio igiene allevamenti produzioni zootecniche (Siapz),
Servizio sanita' animale (Ssa) e Servizio igiene alimenti e nutrizione
(Sian).

Il problema della trichinellosi, patologia che ha colpito di
recente diverse persone nel nuorese, e' stata la questione che ha
catalizzato l'attenzione degli esperti. ''Una prima valutazione del
rischio - hanno fatto sapere dal dipartimento di prevenzione - fa
ritenere che la situazione epidemiologica nel nostro territorio sia
favorevole''. (segue)

(Coe/Gs/Adnkronos)
30-GEN-11 17:38

NNNN

Il dipendente pubblico chiede il trasferimento per assistere il parente disabile: deve provare che nessun altro è disposto a farsene carico

Consiglio di Stato "...Il dipendente pubblico chiede il trasferimento per assistere il parente disabile: deve provare che nessun altro è disposto a farsene carico..."

Modifiche alla legge 104 apportate dal collegato lavoro.

Modifiche alla legge 104 apportate dal collegato lavoro. Tra le molte novità introdotte nell’ordinamento dalla L. 183/2010, c.d. “Collegato lavoro alla manovra di finanza pubblica”, entrata in vigore il 24 novembre 2010, varie modifiche alla disciplina dei permessi per l’assistenza alle persone con disabilità in situazione di gravità.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca Nota 26-1-2011 n. 613 Anagrafe professionalità docente: chiarimenti. Emanata dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Dipartimento per l’istruzione, Direzione generale per il personale scolastico.

Nota 26 gennaio 2011, n. 613 (1).

Anagrafe professionalità docente: chiarimenti.

(1) Emanata dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Dipartimento per l’istruzione, Direzione generale per il personale scolastico.



Alle


Scuole statali di ogni ordine e grado
 

Loro sedi

Agli


Uffici scolastici territoriali
 

Loro sedi




In merito all'Anagrafe dei docenti a tempo indeterminato (“Professionalità docente”, nel SIDI), di cui alla nota 20 gennaio 2011, n. 459, si rende necessario fornire alcune precisazioni e chiarimenti.

La rilevazione interessa tutti i docenti con contratto a tempo indeterminato delle scuole statali di ogni ordine e grado, compresa la scuola dell'infanzia e la scuola primaria.

Le istituzioni scolastiche provvedono a comunicare i dati dei docenti in servizio presso la propria sede, anche se titolari presso altra scuola.

Nel caso di docenti titolari DOP o DOS o senza sede di titolarità, per i quali l'ufficio territoriale abbia omesso di comunicare a Sistema la sede di servizio, sarà comunque consentito all'istituzione scolastica presso cui il docente presta servizio l'inserimento dei dati richiesti.

Nel caso in cui, invece, il docente sia titolare in una scuola ma presti servizio in un'altra (per assegnazione provvisoria, utilizzazione, altro..) e tale ultima scuola di servizio non sia stata comunicata al sistema informativo, è necessario che l'Ufficio Territoriale competente aggiorni nel SIDI la sede di servizio per consentire a quest'ultima di comunicare i dati.

Per i docenti utilizzati presso altre amministrazioni sarà cura della scuola di titolarità comunicare i dati.

L'attuale elenco delle lauree, comprende tutti i titoli di studio universitari per l'accesso all'insegnamento. Per facilitare l'acquisizione dei dati, l'elenco delle lauree verrà a breve sostituito con un altro semplificato che conterrà l'indicazione della stessa laurea una sola volta.

Le classi di abilitazione elencate nell'applicazione corrispondono a quelle attualmente vigenti. Nell'ipotesi di possesso di titoli di abilitazione previsti dal precedente ordinamento occorre consultare gli allegati annessi al D.M. n. 39/1998 in cui sono riportate le tabelle di corrispondenza tra le vecchie e le nuove abilitazioni.

Si fa infine presente che il modello scheda docente è stato semplificato nella parte iniziale e che è ora predisposto in formato word per consentirne l'eventuale compilazione in forma elettronica da parte dei docenti.

Per agevolare il supporto alle scuole, in aggiunta ai numeri telefonici precedentemente indicati (06.5849.3776-2384-3167-3752), possono essere contattati anche i seguenti numeri del Servizio Statistico: 06.5849.3751-3708-2687.


Il Direttore generale

Luciano Chiappetta



D.L. 25 giugno 2008, n. 112