Translate

giovedì 8 settembre 2011

ANSA/ MANOVRA: BONANNI A CGIL, PRONTO A PATTO;CAMUSSO, E' INIZIO

ANSA/ MANOVRA: BONANNI A CGIL, PRONTO A PATTO;CAMUSSO, E' INIZIO
CISL, PER DIFESA ART. 18; DOMANI DIRETTIVO CGIL SU MANOVRA E ART
(ANSA) - ROMA, 8 SET - Parte il confronto sull'art.8 della
manovra che apre alla possibilita' per i contratti aziendali e
territoriali di derogare in materia di lavoro alle leggi ed ai
contratti nazionali. Il leader della Cisl, Raffaele Bonanni,
propone alla Cgil un patto in difesa dell'art.18 dello Statuto
dei lavoratori. ''Possiamo sottoscrivere un documento politico
con Cgil e Uil che lo metta nero su bianco: non ricorreremo alla
gestione della norma'' e cioe' ai licenziamenti in deroga
all'art.18 che la Cisl, assicura Bonanni, ''non ha intenzione di
trattare''. Replica il numero uno della Cgil, Susanna Camusso:
''Mi pare che lo sciopero generale abbia fatto bene e abbia i
suoi effetti. Quello che dice Bonanni rappresenta un inizio''.
Ma, aggiunge, il giudizio sulla norma ''e' un po' piu' complesso
di quello che da' lui'' e comunque ''bisognera' fare una
discussione vera su cosa vuol dire fare un accordo oggi''.
Il riferimento e' all'accordo interconfederale (sulla
contrattazione aziendale e la rappresentativita' sindacale) del
28 giugno, raggiunto unitariamente da Cgil, Cisl e Uil e
Confindustria. Dal palco dello sciopero generale di martedi'
Camusso lo ha affermato chiaramente: ''Dico a Confindustria,
Cisl e Uil: scegliete, o c'e l'accordo sindacale o c'e' la
legge. Tutte e due non sono possibili''. Per Bonanni non c'e'
bisogno di uno stralcio dell'art.8, per Camusso si' (lo ha
definito una ''vergogna'' che va cancellata, che a suo parere
annulla non solo l'art.18 ma l'intero Statuto dei lavoratori ed
il contratto nazionale di lavoro, violando la Costituzione).
Sulla questione la Cgil si confrontera' domani al suo
interno. La manovra, lo sciopero di martedi' e l'art.8 sono,
infatti, al centro del direttivo di Corso d'Italia convocato per
domani e dopodomani. Il 'parlamentino' della confederazione
valutera' i riflessi della norma inserita nella manovra
sull'accordo del 28 giugno, su cui l'organizzazione aveva aperto
la consultazione degli iscritti (come previsto dallo Statuto
confederale) per validare l'intesa con la firma definitiva. La
Fiom, con la decisione del Comitato centrale di ieri, ha chiesto
alla Cgil di ritirare l'adesione a quell'accordo, perche' - a
giudizio delle tute blu guidate da Maurizio Landini - l'art.8
della manovra di fatto lo rende carta straccia. (ANSA).

MRG
08-SET-11 20:05 NNNN

DIVISE POLIZIA TROVATE TRA I RIFIUTI, GIALLO A PALERMO

DIVISE POLIZIA TROVATE TRA I RIFIUTI, GIALLO A PALERMO =
(AGI) - Palermo, 8 set. - La questura di Palermo indaga sul
singolare e misterioso ritrovamento di una decina di divise
della polizia nei cassonetti dell'immondizia di viale Francia,
nei pressi della fermata della metropolitana. Gli indumenti
sono stati trovati dai netturbini e apparivano nuovi e
incelofanati, pronti per essere usati. Accertamenti sono in
corso. (AGI)
Mrg
081854 SET 11

NNNN

Roma, RICERCATO AIUTATO DA CITTADINI:INTERE FAMIGLIE CONTRO AGENTI


RICERCATO AIUTATO DA CITTADINI:INTERE FAMIGLIE CONTRO AGENTI
(V. 'RICERCATO SFUGGE A CATTURA A ROMA, AIUTATO...' DELLE 18.04)
(ANSA) - ROMA, 08 SET - Sono stati aggrediti da decine di
persone, tra cui intere famiglie con donne e giovani, gli agenti
che oggi a Roma inseguivano un ricercato che e' riuscito a
fuggire. Alcune persone hanno preso a calci le auto della
polizia. Tutte erano scese in strada dai palazzi del complesso
Bastogi, che ospita famiglie in emergenza alloggiativa nel
quartiere di Primavalle e che spesso e' teatro di fatti di
microcriminalita'.
L'ultimo reato commesso dal pregiudicato in fuga e' il furto.
Sua moglie, incensurata, che si trovava a bordo dell'auto con
lui durante l'inseguimento, si trova negli uffici della questura
ed e' stata interrogata dagli investigatori.(ANSA).

Y4J-LAL
08-SET-11 20:29 NNNN


RICERCATO SFUGGE A CATTURA A ROMA, AIUTATO DAI CITTADINI
A PRIMAVALLE, AGENTI AGGREDITI DA ALCUNI ABITANTI
(ANSA) - ROMA, 08 SET - Sparatoria a Roma nel quartiere
Primavalle, dove un uomo, ricercato dalla polizia, e' stato
prima inseguito dagli agenti ma e' riuscito a sfuggire alla
cattura perche' aiutato dagli abitanti del quartiere che hanno
aggredito i poliziotti. La sparatoria con inseguimento e'
avvenuta nei pressi del residence Bastogi che ospita famiglie in
assistenza alloggiativa. (ANSA).

Y4J-TZ
RICERCATO SFUGGE A CATTURA A ROMA, AIUTATO DA CITTADINI (2)

(ANSA) - ROMA, 08 SET - Il fatto e' accaduto intorno alle 16.
Gli agenti di una pattuglia civetta del commissariato di
Primavalle hanno riconosciuto a bordo di una Yaris un uomo
ricercato colpito da un provvedimento di custodia cautelare in
carcere. Al suo fianco c'era anche la moglie, intestataria
dell'auto. E' iniziato l'inseguimento tra le vie di Primavalle e
l'uomo si e' diretto verso il residence Bastogi, speso al centro
di vicende di microcriminalita'. Durante la fuga spericolata
l'auto del ricercato e' finita contro un'altra vettura: l'uomo
e' sceso dalla macchina impugnando una pistola e uno degli
agenti della polizia, ha esploso dei colpi di arma da fuoco in
aria. A quel punto in soccorso del ricercato sono arrivati
alcuni abitanti che hanno aggredito gli agenti. L'uomo e'
riuscito a dileguarsi a piedi. I poliziotti hanno fermato la
moglie.(ANSA).

Y4J-TZ/TZ
08-SET-11 18:08 NNNN
Roma, cercano di fermare ricercato: agenti aggrediti al Bastogi
Inseguimento e spari "intimidatori" ma l'uomo è fuggito

Roma, 8 set. (TMNews) - Bastogi come Scampia: momenti di tensione
nella periferia romana tra Val Cannuta e Primavalle, alcuni
agenti che cercavano di fermare un ricercato, sono stati
aggrediti da un centinaio di persone, scese dai palazzoni del
complesso.

Una volante del commissariato Primavalle ha riconosciuto un
ricercato alla guida di un'auto, mentre passava. Ha intimato
l'alt, ma l'uomo è fuggito, dopo alcuni giri in auto intorno al
complesso Bastogi, la volante è riuscita a bloccare l'auto.
L'uomo è uscito dall'abitacolo, con una pistola in pugno ed è
scappato a piedi. Gli agenti gli hanno intimato di fermarsi e
hanno sparato alcuni colpi di proiettile "a scopo intimidatorio",
ma l'uomo è fuggito.

Nel frattempo, richiamati dagli spari, sono scese in strana dai
palazzoni circa cento persone, che hanno inveito e aggredito i
poliziotti, mentre il ricercato si dileguava. Sul posto sono
intervenute altre pattuglie e dopo qualche momento di tensione
gli animi si sono placati. Non risulta alcun ferito. Sul posto
sono intervenuti i carabinieri per i rilievi, mentre la compagna
dell'uomo, che era con lui in auto, è stata accompagnata in
commissariato per essere ascoltata.

Gtu

081824 set 11

POLIZIA INSEGUE RICERCATO A ROMA, RESIDENTI COPRONO FUGA =
(AGI) - Roma, 8 set. - Decine di persone nel pomeriggio sono
scese in strada nel quartiere Bastogi, nell'estrema periferia
di Roma, per coprire la fuga ad un ricercato che era inseguito
dalla polizia. L'inseguimento era iniziato in auto quando due
agenti di polizia in borghese avevano notato il ricercato a
bordo di una vettura in compagnia di una donna. L'uomo, che
deve rispondere di furto e rapina, non si e' fermato all'alt e
ha proseguito la corsa andando poi a sbattere contro un
muretto. Ha proseguito la fuga a piedi impugnando una pistola
che ha rivolto contro gli agenti. I poliziotti, che hanno anche
esploso due colpi di pistola in aria, hanno tentato di
inseguirlo ma sono stati bloccati da decine di persone che
hanno notato la scena ed hanno coperto la fuga all'uomo. Sul
posto sono dovute intervenire altre volanti della polizia ed
auto dei carabinieri che hanno riportato la situazione alla
normalita'. La donna che si trovava in compagnia del ricercato
e' ora negli uffici del commissariato Primavalle, mentre l'uomo
e' riuscito a far perdere le proprie tracce. (AGI)
Rmn/Mom
081833 SET 11

NNNN
POLIZIA INSEGUE RICERCATO A ROMA, RESIDENTI COPRONO FUGA =
(AGI) - Roma, 8 set. - Decine di persone nel pomeriggio sono
scese in strada nel quartiere Bastogi, nell'estrema periferia
di Roma, per coprire la fuga ad un ricercato che era inseguito
dalla polizia. L'inseguimento era iniziato in auto quando due
agenti di polizia in borghese avevano notato il ricercato a
bordo di una vettura in compagnia di una donna. L'uomo, che
deve rispondere di furto e rapina, non si e' fermato all'alt e
ha proseguito la corsa andando poi a sbattere contro un
muretto. Ha proseguito la fuga a piedi impugnando una pistola
che ha rivolto contro gli agenti. I poliziotti, che hanno anche
esploso due colpi di pistola in aria, hanno tentato di
inseguirlo ma sono stati bloccati da decine di persone che
hanno notato la scena ed hanno coperto la fuga all'uomo. Sul
posto sono dovute intervenire altre volanti della polizia ed
auto dei carabinieri che hanno riportato la situazione alla
normalita'. La donna che si trovava in compagnia del ricercato
e' ora negli uffici del commissariato Primavalle, mentre l'uomo
e' riuscito a far perdere le proprie tracce. (AGI)
Rmn/Mom
081833 SET 11

NNNN


08-SET-11 18:04 NNNN

Manovra/ Napoli, petardi su polizia: gip convalida arresto

Manovra/ Napoli, petardi su polizia: gip convalida arresto
Denunciati due giovani del collettivo universitario

Napoli, 8 set. (TMNews) - E' stato convalidato dal gip di Napoli
l'arresto di Vincenzo M., il 22enne arrestato lo scorso 6
settembre in seguito al lancio di petardi e uova nei confronti di
un gruppo di poliziotti nel corso della manifestazione promossa
dall'Usb contro la manovra finanziaria. Nove furono gli agenti
feriti e due i funzionari della Digos. Al termine
dell'interrogatorio di garanzia, svoltosi presso il carcere di
Poggioreale, il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la
detenzione ai domiciliari.
Nel prosieguo delle attività d'indagine sono stati individuati e
denunciati altri due manifestanti, componenti del Cau (Collettivo
autorganizzato universitario), di 28 e 22 anni. I due sono
accusati di resistenza aggravata plurima in concorso, commessi ai
danni di appartenti alle forze dell'ordine. Uno dei due è stato
anche denunciato per porto di oggetto atto a offendere.

Psc

081936 set 11

ACQUA BOLOGNA. ALLARME REFERENDARI: MANOVRA RIAPRE A PRIVATI -2

 (ER) ACQUA BOLOGNA. ALLARME REFERENDARI: MANOVRA RIAPRE A PRIVATI
SIT-IN IN PREFETTURA; E "SINDACI NON ATTUANO RESPONSO DELLE URNE"

(DIRE) Bologna, 8 set. - Riparte la mobilitazione dei comitati
"Acqua bene comune" a Bologna. Oggi pomeriggio, una delegazione
del movimento ha incontrato il vice capo di gabinetto, Raffaele
Ricciardi, per protestare contro gli articoli 4-5 del decreto
138, quelli che reintroducono i contenuti del decreto Ronchi, e
gli incentivi agli Enti locali per la privatizzazione dei
servizi. Oltre a protestare per quello che viene considerato un
tradimento dell'esito referendario, ora il comitato bolognese
rilancera' la raccolta di firme per cambiare gli statuti comunali
in modo che recepiscano la dicitura per cui "l'acqua e' un bene
comune non a rilevanza economica", come spiega Andrea Caselli,
che ha partecipato alla protesta di oggi pomeriggio alla
Prefettura.
"Abbiamo protestato in 50- racconta- una delegazione e' stata
ricevuta da Ricciardi: a lui abbiamo manifestato il nostro
dissenso per gli articoli 4-5 della manovra approvata ieri in
Senato che riguardano la privatizzazione dei servizi pubblici
locali. Il vice capo di gabinetto ci ha comunicato che riferira'
della nostra iniziativa al Governo nei tempi della discussione
parlamentare. Ricciardi ha aggiunto, che nell'ultimo anno si sono
moltiplicate le richieste e la frequenza delle sollecitazioni al
Prefetto. Stanno registrando un aumento verticale delle proteste
dal territorio contro l'operato del governo centrale". (SEGUE)

(Ari/ Dire)
19:31 08-09-11

NNNN
ACQUA BOLOGNA. ALLARME REFERENDARI: MANOVRA RIAPRE A PRIVATI -2-


(DIRE) Bologna, 8 set. - Intanto in Consiglio comunale, Marco
Piazza, del Movimento 5 stelle, ha attaccato gli articoli 4-5
della manovra approvata ieri in Senato: "Questa e' l'ennesima
mancanza di rispetto a noi cittadini da parte della politica, che
ignora la volonta' popolare pur cosi' clamorosa. Si viola anche
la Costituzione perche' non si aspettano i cinque anni previsti
dalla giurisprudenza della Corte costituzionale a partire dalla
data del referendum".
A Ricciardi "abbiamo anche detto che nessun ente del Governo e
nessun Ato sta applicando l'esito del secondo quesito
referendario, togliendo dalla tariffa in bolletta la
remunerazione del capitale- aggiunge Caselli- a breve, partiranno
delle lettere di diffida, per la quale stiamo raccogliendo le
firme, da inviare agli Ato affinche' provvedano a eliminare la
remunerazione del capitale dalla bolletta". Si cercheranno firme
anche per chiedere ai sindaci l'impegno "a togliere dalla tariffa
la voce che riguarda la remunerazione del capitale investito".

(Ari/ Dire)
19:31 08-09-11

NNNN

Salute/ Roma, asportato tumore al seno di 8 chili

Salute/ Roma, asportato tumore al seno di 8 chili
Il primario: siamo riusciti in una vera e propria impresa

Roma, 8 set. (TMNews) - Eccezionale intervento a Roma dove ad una
donna di 59 anni è stato asportato un tumore al seno di quasi
otto chili. Protagonista di questa incredibile operazione
l`equipe chirurgica guidata da Massimiliano Iannuzzi Mungo presso
la Clinica Villa Pia.

A subire lo straordinario intervento una signora di 59 anni, già
operata dieci anni fa per un tumore maligno alla mammella di
sinistra, che era anche stata sottoposta a chemioterapia per la
presenza di alcune metastasi ossee che negli anni si erano
fermate senza progressione della malattia. Da due anni aveva
notato la comparsa di una tumefazione alla mammella di destra che
progressivamente e velocemente cresceva fino a raggiungere in
tempi brevi una dimensione particolarmente voluminosa. La massa
tumorale, poggiando sul torace, rendeva gravemente compromessa la
respirazione, e costringeva a letto la signora potendosi muovere
solo con l`aiuto di un familiare che spostasse la massa tumorale
che ormai occupava più della metà del torace. L'intervento,
durato oltre tre ore, ha permesso l`asportazione radicale della
neoplasia che ormai era attaccata al muscolo grande e piccolo
pettorale che sono stati asportati insieme al tumore.

"Sono stato interpellato in corsa per questo caso eccezionale -
ha spiegato il dott. Massimiliano Iannuzzi Mungo -. Constatata
la gravità della situazione e il rischio di sanguinamento ho
disposto l`immediato ricovero e gli accurati accertamenti
cardiologici. Ho dunque ascoltato il parere dei colleghi,
anestesista cardiologo e internista pneumologo e siamo
intervenuti d`urgenza, riuscendo in una vera e propria impresa".
A distanza di tre mesi nel post operatorio la paziente è stata
scrupolosamente seguita e monitorizzata, ma fortunatamente non ha
presentato particolari problemi ed è stata dimessa dopo sette
giorni di degenza.

Xrm

081609 set 11

salute. infezioni letali, attenti al cuscino

SALUTE. INFEZIONI LETALI, ATTENTI AL CUSCINO
PUÒ NASCONDERE FUNGHI MOLTO PERICOLOSI

(DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Gli oggetti piu'
comuni diventati minacce per l'incolumita'. Uno studio recente ha
mostrato come gli elettrodomestici (in testa la lavastoviglie)
possano ospitare funghi portatori d'infezioni letali. Ora tocca
al cuscino, che col tempo puo' diventare sede di vari agenti
patogeni.
Questo l'oggetto di una ricerca del National Health Service
(il servizio sanitario nazionale della Gran Bretagna) e del St
Bartholomew's Hospital (di Londra), diretta dal dottor Art Tucker
e pubblicata dal "Daily Mail".
La squadra di Tucker e' stata messa in azione da report e
lamentele provenienti dagli ospedali nazionali, che indicavano
nel cuscino un cavallo di Troia per le ispezioni, soprattutto
legate allo Stafilococco Aureo.
Allora, gli scienziati hanno preso in esame diversi esemplari
del classico poggiatesta, sia provenienti dai luoghi di cura che
dalle case di privati. Secondo i test, dopo circa 2 anni di
utilizzo il 30% ospita diversi elementi pericolosi. In primis gli
acari della polvere, con le loro feci e secrezioni corporali. Poi
le tracce umane (in primis capelli e saliva) e varie tipologie di
batteri. Cosi', piu' passa il tempo, piu' il cuscino rischia di
diventare trampolino per le malattie.
Data la situazione, gli scienziati di Sua Maesta' consigliano di
cambiare regolarmente l'oggetto a prescindere dalla confezione.

(Wel/ Dire)
16:30 08-09-11

NNNN

salute. biopsia alla prostata, pericolo di infezioni

SALUTE. BIOPSIA ALLA PROSTATA, PERICOLO DI INFEZIONI
STUDIO PUBBLICATO SUL "LOS ANGELES TIMES".

(DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Quando parliamo di
biopsia ci riferiamo a quell'esame medico che consiste nel
prelievo di una porzione o di un frammento di tessuto da un
organismo vivente. Il tessuto prelevato viene quindi analizzato,
al fine di escludere o confermare un sospetto di malattia, come
infiammazioni o tumori.
Secondo uno studio pubblicato sul "Los Angeles Times", pero',
la biopsia alla prostata, per verificare l'eventuale presenza di
un cancro, puo' comportare delle gravi infezioni.
Lo studio, infatti, ha rilevato che molti uomini ogni anno di
sottopongono al test per il cancro alla prostata, ma il dato
allarmante e' che risulta essere crescente il numero di pazienti
che si ammala di infezioni potenzialmente letali, che sono
addirittura resistenti ai farmaci.
Cio' accade perche' spesso il prelievo per sottoporre i pazienti
al test per il cancro alla prostata viene effettuato con l'ago
(agobiopsia), che viene inviato attraverso il retto e poi verso
la prostata. In questo processo si crea il rischio che alcuni
batteri delle viscere vengono spostati nella vescica e, poi,
nella prostata, per cui il paziente si imbatte in una situazione
critica di infezione batterica.
Per tal motivo si consiglia ai pazienti di stare molti attenti
quando, per verificare un eventuale tumore alla prostata, si
sottopongano allo screening, una procedura che misura il livello
di Psa, una proteina prodotta dalle cellule della prostata che,
in caso di tumore, risulta essere particolarmente elevata.
Oltretutto questo tipo di procedura non accerta sempre con
certezza la presenza di un eventuale tumore, quindi, in accordo
con il medico, e' bene sottoporsi ad analisi ed esami piu'
precisi.

(Wel/ Dire)
16:30 08-09-11

NNNN

salute. esperti: stanchezza cronica non è una malattia psichica

SALUTE. ESPERTI: STANCHEZZA CRONICA NON È UNA MALATTIA PSICHICA
CAUSA SCATENANTE È PROBABILMENTE VIRALE O BATTERICA.

(DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Perennemente stanchi,
al punto che le occupazioni piu' semplici possono diventare un
ostacolo, il lavoro, lo studio talvolta impossibili. Da anni
sostengono che la loro sia una vera e propria malattia ma per
molto tempo si sono trovati di fronte a medici scettici piu'
propensi a credere in un disturbo di origine psichica. Sono i
malati di Sindrome da stanchezza cronica (Cfs), una malattia rara
fortemente invalidante ma non ancora riconosciuta in Italia come
patologia grave, cronica e invalidante e nemmeno inserita tra le
malattie rare esenti.
La scienza tuttavia, spiega una nota, ha cominciato da qualche
anno ad interessarsene in maniera piu' attiva, ne e'
testimonianza una recente articolo apparso su Nature rewiev
neuroscience e in cui 4 tra i maggiori esperti vengono chiamati a
fare il punto sulla malattia e soprattutto sulle sue cause. A
dare notizia di questo studio e' la testata on line
www.osservatoriomalattierare.it in un servizio a firma di Ilaria
Vacca.
"Per anni la professione medica non ha riconosciuto la
sindrome da stanchezza cronica come condizione reale- spiega
nell'articolo il professor Stephen Holgate dell'Universita' di
Southampton- La situazione e' diventata confusa quando il
concetto di encefalopatia mialgica e' stato legato alla CFS e
molti preferivano chiamarla cosi' perche' la definizione era
legata a un concetto clinico". Questa confusione e' stata
ulteriormente aggravata da grandi disaccordi sulla prevalenza e
fisiopatologia della malattia, e l'eccessiva gamma di trattamenti
potenziali.
"A mio giudizio- dice il professor Anthony Komaroff, della
Harvard medical school- la letteratura dimostra molte anomalie
per i pazienti Cfs, sia in raffronto a pazienti sani che a
pazienti affetti da malattie che comportano affaticamento quali
depressione o sclerosi multipla. Molte delle anomalie documentate
coinvolgono il sistema nervoso centrale e quello autonomo.
Secondo me gli scettici dovrebbero documentarsi di piu'".
Acceso e' il dibattito su quelle che potrebbero essere le
cause, una querelle che si e' fatto piu' confusa dopo che e'
caduta l'ipotesi che a causare la malattia potesse essere il
retrovirus Xmrv. "Secondo quanto sappiamo oggi della Cfs- spiega
Holgate- la sindrome ha un innesco ambientale o microbiologico,
come l'esposizione ad agenti chimici o a un virus, ma i fattori
psicologici e sociali sono importanti nella progressione della
malattia". Concorda Komaroff, che afferma che "molti studi
clinici ed epidemiologici hanno descritto sintomi da stanchezza
post-infettiva che si verificano in associazione con una grande
variera' di agenti virali e batterici".
Sulla stessa linea anche il professor Simon Wessely,
dell'Istituto di psichiatria del King's college di Londra:
"L'evidenza che alcune infezioni hanno la capacita' di innescare
Cfs e' schiacciante- dichiara Wessely- Per esempio, c'e' un
rischio maggiore di sviluppare il Cfs, dopo il virus di
Epstein-Barr (che causa la mononucleosi) e in seguito ad altre
infezioni comuni". Piu' cauto il professor Dennis Mangan,
dell'Office of research on women's health di Bethsda, secondo il
quale "ci sono molti articoli scientifici che sostengono di avere
dimostrato una tale associazione, ma nessuno e' stato
ufficialmente confermato dagli studi di controllo successivi". Lo
stesso afferma tuttavia che "la componente psichiatrica della Cfs
e' ancora da determinare ma la ricerca mostra effetti reciproci
del sistema immunitario ed endocrino sul cervello e l'attivita'
neuronale, offrendo possibili spiegazioni ai molti sintomi
associati alla sindrome".
Gli esperti, al di la' dei dubbi sulla natura della malattia,
sono dunque concordi su una cosa, chi e' affetto da Cfs non ha
una malattia psichiatrica ma una malattia che puo' nel tempo
generare anche questo tipo di disturbi, sia per cause biochimiche
sia per il riflesso che la malattia ha nella loro vita.

(Wel/ Dire)
16:33 08-09-11

NNNN

salute. adolescenti obese e sigarette, legame pericoloso

SALUTE. ADOLESCENTI OBESE E SIGARETTE, LEGAME PERICOLOSO
I RISULTATI DI UNO STUDIO AMERICANO SU 4000 GIOVANI STUDENTESSE

(DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - L'obesita', che
colpisce il 20% delle adolescenti americane, aumenterebbe il
rischio di dipendenza dalla sigaretta. Questo e' quello che
sostiene un recente studio americano in prossima uscita sulla
rivista Journal of Adolescent Health, che ha esaminato come i
fattori individuali e sociali influiscano sull'associazione tra
adolescenti obese e dipendenza dalla nicotina.
I ricercatori hanno analizzato i dati relativi ad oltre 4000
giovani studentesse raccolti nel corso di un'indagine durata sei
anni. Sono stati presi in considerazione anche fattori di
carattere socioeconomico e di influenza sociale, come la presenza
di fumatori nel gruppo di amici o nella propria famiglia. Le
studentesse obese rappresentano l'11% del campione esaminato; di
queste il 17% riferisce una dipendenza da nicotina (lieve,
moderata, alta), mentre tra le studentesse normopeso ne riferisce
la dipendenza circa il 12%. I risultati dimostrano come le
adolescenti obese sono esposte ad un rischio doppio di sviluppare
una dipendenza da nicotina in giovane eta' rispetto alle coetanee
normopeso. In particolare, la familiarita' al fumo di tabacco
risulta un forte fattore predittivo della dipendenza da nicotina,
aumentando di oltre quattro volte il rischio di dipendenza da
nicotina. Il rendimento scolastico riduce in parte la forza della
relazione tra obesita' e fumo. Tuttavia, emerge la necessita' di
pianificare interventi mirati destinati alle adolescenti obese
per ridurre il rischio di dipendenza da nicotina, soprattutto in
presenza di fattori di rischio come uno scarso rendimento
scolastico e in presenza di genitori fumatori.
(Fonte:www.droganews.it)

(Wel/ Dire)
16:31 08-09-11

NNNN

salute. sclerosi multipla, esperimento con staminali a Palermo

SALUTE. SCLEROSI MUTIPLA, ESPERIMENTO CON STAMINALI A PALERMO
PRIMI DATI FOLLOW-UP CONFERMANO SOPPRESSIONE INFIAMMAZIONI.

(DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Si e' svolto a Palermo
Sclerosi un nuovo esperimento con cellule staminali contro la
sclerosi multipla. L'intervento, in via sperimentale, e' stato
effettuato dall'equipe dell'unita' di trapianto di midollo osseo
dell'azienda ospedaliera 'Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello',
diretta dalla dottoressa Rosanna Scime' e dai medici della
Neuroimmunologia dell'azienda coordinati da Salvo Cottone. Il
paziente e' un giovane di 24 anni di Palermo che dopo una degenza
di 10 giorni e' tornato a casa. Il trapianto e' stato effettuato
nell'ambito di un protocollo di ricerca finalizzato a valutare la
sicurezza e l'efficacia del trattamento in pazienti affetti da
sclerosi. Le cellule vengono reinfuse (autotrapianto) al termine
di un trattamento di chemioterapia o di radioterapia ad alte
dosi, per assicurare la ricostituzione del midollo osseo del
paziente.
La chemioterapia ad alte dosi ha lo scopo di ridurre
marcatamente i linfociti responsabili dell'attacco infiammatorio
contro la mielina e le cellule nervose, alla base delle
alterazioni patologiche della malattia. Le cellule staminali
reinfuse hanno inoltre la capacita' di rigenerare linfociti non
programmati per danneggiare il cervello e il midollo spinale dei
pazienti con sclerosi multipla.
"Questo tipo di trapianto e' una terapia complessa- precisa
Scime'- e non priva di rischi per cui, nel caso di una malattia
infiammatoria cronica invalidante che incide sulla qualita' ma
non sull' aspettativa di vita, come la sclerosi multipla, e'
opportuno che venga effettuato in casi selezionati e in centri di
alta specializzazione".
"Si tratta di pazienti che, nonostante abbiano effettuato
diversi trattamenti immunomodulanti o immunosoppressivi- spiega
il dottor Cottone- continuano a presentare attacchi acuti di
malattia o nuove lesioni in risonanza magnetica. Tale tipo di
approccio terapeutico prevede l'utilizzo di cellule staminali
prelevate dal circolo sanguigno dello stesso paziente candidato
al trapianto".
"I primi dati di follow-up confermano- continua Cottone- che
questo tipo di approccio terapeutico e' in grado di sopprimere,
anche per diversi anni, ogni segno di attivita' infiammatoria nei
pazienti con sclerosi multipla e una stabilizzazione del decorso
della malattia". (set) (www.redattoresociale.it)

(Wel/ Dire)
16:30 08-09-11

salute: la bufala del caffe' verde per dimagrire, dal web moda 'immotivata'

SALUTE: LA BUFALA DEL CAFFE' VERDE PER DIMAGRIRE, DAL WEB MODA 'IMMOTIVATA' =
GLI ESPERTI, NON CI SONO INGREDIENTI MAGICI PER PERDERE PESO

Roma, 8 set. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Una tazza di caffe'
verde al mattino per perdere piu' rapidamente peso grazie alle sue
presunte qualita' brucia-calorie, in grado di sciogliere i depositi di
grasso e 'spegnere' la fame. Una soluzione perfetta che si e'
rapidamente trasformata in una nuova moda, diffusa soprattutto sul
web, dove i patiti della dieta si scambiano consigli su dove trovare
la magica bevanda e, soprattutto, come prepararla, mistero ancora
irrisolto. Peccato che si tratti di una bufala, che nasce da un
piccolo studio - "discutibile", secondo gli esperti - circolato su
Internet in una veste piu' prestigiosa di quella reale.

Molti siti, infatti, riportano la ricerca come pubblicata
sull''American Journal of Clinical Nutrition', importante rivista
scientifica che garantisce anche la validita' dello studio. Sul sito
della rivista in questione, pero', della ricerca non c'e' traccia. Il
lavoro e' invece pubblicato sulla molto meno prestigiosa
'Gastroenterology Research and Practice' e risulta essere un'analisi
di tre studi, uno dei quali addirittura non pubblicato. "Si tratta di
una ricerca perlomeno discutibile - spiega all'Adnkronos Salute Fausta
Natella, ricercatrice dell'Inran, Istituto nazionale di ricerca per
gli alimenti e la nutrizione, che studia le proprieta' del caffe' -
che non offre alcuna base scientifica per affermare che il caffe'
verde faccia dimagrire". Questo nuovo trend, insomma, sembra essere
basato su una 'regia' che punta a promuovere un prodotto, sfruttando
l'equivoco sull'affidabilita' scientifica.

Eppure nei negozi specializzati per la vendita del caffe' si
moltiplicano le richieste per il prodotto 'crudo' non torrefatto,
venduto in chicchi assai difficili da macinare o usare. "E'
preoccupante - aggiunge l'esperta - che si crei una moda dalla
diffusione di un'informazione sbagliata. I consumatori devono sapere
che non esistono alimenti o derivati di alimenti che aiutano a
dimagrire rapidamente, se non una corretta dieta e un corretto stile
di vita: mangiare poco, bene, variato e fare attivita' fisica". E'
vero anche, pero', che i ricercatori negli ultimi anni stanno
studiando molto il rapporto tra caffe' e peso. "Si sta lavorando su
alcuni composti perche' potrebbero avere effetti sul metabolismo dei
carboidrati. Ma da qui a dire che facilita la perdita di peso e'
un'esagerazione", conclude Natella. (segue)

(Ram/Ct/Adnkronos)
08-SET-11 17:01

NNNN
SALUTE: LA BUFALA DEL CAFFE' VERDE PER DIMAGRIRE, DAL WEB MODA 'IMMOTIVATA' (2) =
IN 1 TAZZINA DI NORMALE PRODOTTO TANTI ANTIOSSIDANTI DA
CONTRASTARE EFFETTI PORZIONE DI FRITTI

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - L'invito a valutare senza troppa
enfasi gli annunci scientifici - o presunti tali - arriva anche da
Amleto D'Amicis, nutrizionista esperto di caffe'. "Anche se pubblicato
in una rivista importante, un solo studio non fa scienza. Bisogna
prima trovare conferme e riconferme perche' i risultati siano
considerati affidabili", spiega sottolineando, invece, le
caratteristiche benefiche, chiaramente riconosciute, del caffe'
tostato.

"Il caffe' - precisa - contiene polifenoli che possono
modificarsi nelle tostatura, ma non scomparire. Il processo di
tostatura in se', inoltre, comporta una reazione tra i pochi
aminoacidi e i pochi zuccheri presenti: la cosiddetta reazione di
Maillard (l'imbrunimento, dovuto all'interazione in cottura dei due
elementi, che avviene anche nella crosta del pane ). I prodotti del
processo, ovvero le melanoidine, hanno un potere antiossidante
elevatissimo, non entrano in circolo nel sangue ma svolgono la loro
azione antiossidante: prendere un caffe' insieme, o appena dopo, un
piatto di fritto neutralizza gran parte dei radicali liberi presenti
nella pietanza ", conclude.

(Ram/Ct/Adnkronos)
08-SET-11 17:07

NNNN

Gazzetta n. 157 del 8 luglio 2011 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 12 maggio 2011, n. 103 Regolamento concernente la definizione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa che nebulizzano un principio attivo naturale a base di Oleoresin Capsicum e che non abbiano attitudine a recare offesa alla persona, in attuazione dell'articolo 3, comma 32, della legge n. 94/2009.




L MINISTRO DELL'INTERNO
di concerto con
IL MINISTRO DELLA SALUTE

Visto il regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398, recante l'approvazione del testo definitivo del Codice Penale;
Visto il regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante l'approvazione del Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza, di seguito denominato T.U.L.P.S.;
Visto il regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, con il quale e' stato approvato il regolamento di esecuzione del menzionato Testo Unico, di seguito denominato Regolamento di esecuzione;
Vista la legge 18 aprile 1975, n. 110, recante le norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi;
Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1997, n. 52, recante «attuazione della direttiva n. 92/32/CEE, concernente classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze pericolose», e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, recante «Attuazione delle direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE, relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura dei preparati pericolosi» e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante il Codice del consumo;
Visto il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele che modifica ed abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che reca modifica al regolamento (CE) n. 1907/2006;
Vista la legge 15 luglio 2009, n. 94, recante «Disposizioni in materia di sicurezza pubblica», ed in particolare l'articolo 3, comma 32, ai sensi del quale e' prevista l'emanazione da parte del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, di un regolamento con il quale vengano stabilite le caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa che nebulizzano un principio attivo naturale a base di Oleoresin Capsicum e che non abbiano attitudine a recare offesa alla persona;
Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Visto l'articolo 2, comma 1, numero 13), del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, come modificato dall'articolo 1, comma 2, della legge 13 novembre 2009, n. 172, recante «Istituzione del Ministero della salute e incremento del numero complessivo dei Sottosegretari di Stato»;
Acquisiti i pareri della Commissione Consultiva Centrale per il controllo delle armi nelle sedute del 15 settembre e del 20 ottobre 2009;
Visti i pareri dell'Istituto superiore di Sanita' del 20 e 26 aprile 2010;
Data informazione alla Commissione Europea ai sensi della Direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 giugno 1998, recepita dal decreto legislativo 23 novembre 2000, n. 427, di modifica della legge 21 giugno 1986, n. 317;
Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla Sezione consultiva per gli Atti Normativi nell'Adunanza del 27 gennaio 2011;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

A d o t t a
il seguente regolamento:

Art. 1

1. Gli strumenti di autodifesa di cui all'articolo 2, comma 3, della legge 18 aprile 1975, n. 110, in grado di nebulizzare una miscela irritante a base di oleoresin capsicum e che non hanno attitudine a recare offesa alle persone, devono avere le seguenti caratteristiche:
a) contenere una miscela non superiore a 20 ml;
b) contenere una percentuale di oleoresin capsicum disciolto non superiore al 10 per cento, con una concentrazione massima di capsaicina e capsaicinoidi totali pari al 2,5 per cento;
c) la miscela erogata dal prodotto non deve contenere sostanze infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici;
d) essere sigillati all'atto della vendita e muniti di un sistema di sicurezza contro l'attivazione accidentale;
e) avere una gittata utile non superiore a tre metri.
2. Tutti gli strumenti di autodifesa di seguito denominati prodotti non conformi alle caratteristiche tecniche di cui al comma 1 rimangono disciplinati dalla normativa in materia di armi.



Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto
dall'amministrazione competente per materia, ai sensi
dell'art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita'
europee (GUCE).
Note alle premesse:
- Il regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398
(Approvazione del testo definitivo del Codice penale), e'
stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 26 ottobre 1930,
n. 251, S.O.
- Il regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 (Approvazione
del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), e'
stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 26 giugno 1931,
n. 146.
- Il regio decreto 6 maggio 1940, n. 635 (Approvazione
del regolamento per l'esecuzione del testo unico 18 giugno
1931, n. 773, delle leggi di pubblica sicurezza), e' stato
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 26 giugno 1940, n. 149,
S.O.
- La legge 18 aprile 1975, n. 110 (Norme integrative
della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle
munizioni e degli esplosivi), e' stata pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale 21 aprile 1979, n. 105.
- Il decreto legislativo 3 febbraio 1997, n. 52
(Attuazione della direttiva n. 92/32/CEE, concernente
classificazione, imballaggio ed etichettatura delle
sostanze 16-12-2008.
- Il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65
(Attuazione della direttiva 1999/45/CE e della direttiva
2001/60/CE relative alla classificazione, all'imballaggio e
all'etichettatura dei preparati pericolosi), e' stato
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 14 aprile 2003, n. 87,
S.O.
- Il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206
(Codice del consumo, a norma dell'art. 7 della legge 29
luglio 2003, n. 229), e' stato pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 8 ottobre 2005, n. 235, S.O.
- Il regolamento (CE) n. 1272/2008 del 16 dicembre
2008, e' stato pubblicato nella GUUE 31 dicembre 2008, n. L
353.
- Si riporta il testo dell'art. 3, comma 32, della
legge 15 luglio 2009, n. 94 (Disposizioni in materia di
sicurezza pubblica):
«32. Il Ministro dell'interno, con regolamento da
emanare nel termine di sessanta giorni dalla data di
entrata in vigore della presente legge, di concerto con il
Ministro del lavoro, della salute e delle politiche
sociali, definisce le caratteristiche tecniche degli
strumenti di autodifesa, di cui all'articolo 2, terzo
comma, della legge 18 aprile 1975, n. 110, che nebulizzano
un principio attivo naturale a base di oleoresin capsicum,
e che non abbiano l'attitudine a recare offesa alla
persona.».
- Si riporta il testo dell'art. 17, comma 3, della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell'attivita' di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri):
«3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita' sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu' Ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita' di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.».
- Si riporta il testo dell'art. 2, comma 1, del decreto
legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (Riforma
dell'organizzazione del Governo, a norma dell'art. 11 della
legge 15 marzo 1997, n. 59), come modificato dalla lettera
a) del comma 2 dell'art. 1 della legge 3 novembre 2009, n.
172:
«1. I Ministeri sono i seguenti:
1) Ministero degli affari esteri;
2) Ministero dell'interno;
3) Ministero della giustizia;
4) Ministero della difesa;
5) Ministero dell'economia e delle finanze;
6) Ministero dello sviluppo economico;
7) Ministero delle politiche agricole alimentari e
forestali;
8) Ministero dell'ambiente e della tutela del
territorio e del mare;
9) Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
10) Ministero del lavoro, e delle politiche sociali;
11) Ministero dell'istruzione, dell'universita' e
della ricerca;
12) Ministero per i beni e le attivita' culturali;
13) Ministero della salute.».
- Il decreto legislativo 23 novembre 2000, n. 427
(Modifiche ed integrazioni alla legge 21 giugno 1986, n.
317, concernenti la procedura di informazione nel settore
delle norme e regolamentazioni tecniche e delle regole
relative ai servizi della societa' dell'informazione, in
attuazione delle direttive 98/34/CE e 98/48/CE), e' stato
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 24 gennaio 2001, n. 19.
Note all'art. 1:
- Si riporta il testo dell'art. 2, comma 3, della
citata legge n. 110 del 1975:
«3. Sono infine considerate armi comuni da sparo quelle
denominate "da bersaglio da sala", o ad emissione di gas,
nonche' le armi ad aria compressa o gas compressi, sia
lunghe sia corte i cui proiettili erogano un'energia
cinetica superiore a 7,5 joule, e gli strumenti
lanciarazzi, salvo che si tratti di armi destinate alla
pesca ovvero di armi e strumenti per i quali la commissione
consultiva di cui all'art. 6 escluda, in relazione alle
rispettive caratteristiche, l'attitudine a recare offesa
alla persona.».



 
Art. 2

1. Sui prodotti di cui all'articolo 1 importati o immessi sul territorio nazionale devono essere riportate, in lingua italiana visibile e leggibile, le seguenti indicazioni:
a) denominazione legale o merceologica del prodotto;
b) il divieto di vendita ai minori degli anni 16.
2. La confezione dei prodotti di cui al comma 1 deve riportare:
a) nome o ragione sociale o marchio e la sede legale del produttore, ovvero, se prodotti all'estero, dell'importatore;
b) i materiali impiegati ed i metodi di lavorazione, la quantita' di miscela e tutte le sue componenti;
c) le istruzioni, le precauzioni d'uso e l'indicazione che l'uso dei prodotti e' consentito solo per sottrarsi a una minaccia o a una aggressione che ponga in pericolo la propria incolumita';
d) in etichetta, almeno il simbolo di pericolo Xi e l'avvertenza «irritante».
3. Le indicazioni di cui al comma 2, lettere a) e c), possono essere contenute in un foglio illustrativo inserito nella confezione dei prodotti.
4. Per l'etichettatura dei prodotti di cui all'articolo 1 si applicano le disposizioni contenute negli articoli 11 e 12 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 che disciplina pure la sicurezza degli stessi prodotti.



Note all'art. 2:
- Si riporta il testo degli articoli 11 e 12 del citato
decreto legislativo n. 206 del 2005:
«Art. 11 (Divieti di commercializzazione). - 1. E'
vietato il commercio sul territorio nazionale di qualsiasi
prodotto o confezione di prodotto che non riporti, in forme
chiaramente visibili e leggibili, le indicazioni di cui
agli articoli 6, 7 e 9 del presente capo.»;
«Art. 12 (Sanzioni). - 1. Fatto salvo quanto previsto
nella parte IV, titolo II, e salvo che il fatto costituisca
reato, per quanto attiene alle responsabilita' del
produttore, ai contravventori al divieto di cui all'art. 11
si applica una sanzione amministrativa da 516 euro a 25.823
euro. La misura della sanzione e' determinata, in ogni
singolo caso, facendo riferimento al prezzo di listino di
ciascun prodotto ed al numero delle unita' poste in
vendita.
2. Le sanzioni sono applicate ai sensi della legge 24
novembre 1981, n. 689. Fermo restando quanto previsto in
ordine ai poteri di accertamento degli ufficiali e degli
agenti di polizia giudiziaria dall'art. 13 della predetta
legge 24 novembre 1981, n. 689, all'accertamento delle
violazioni provvedono d'ufficio o su denunzia, gli organi
di polizia amministrativa. Il rapporto previsto dall'art.
17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, e' presentato
all'ufficio della camera di commercio, industria,
artigianato e agricoltura della provincia in cui vi e' la
residenza o la sede legale del professionista.».



 
Art. 3

1. Le disposizioni del presente decreto si applicano decorsi sei mesi dalla data di pubblicazione dello stesso nella Gazzetta Ufficiale. Nel predetto periodo continuano ad applicarsi le norme precedentemente vigenti.
Il presente regolamento, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana.
E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Roma, 12 maggio 2011

Il Ministro dell'interno: Maroni
Il Ministro della salute: Fazio
Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 14 giugno 2011 Ministeri istituzionali - Interno, registro n. 14, foglio n. 85

SICUREZZA: FIANO (PD), COMPARTO SULL'ORLO DEL COLLASSO

SICUREZZA: FIANO (PD), COMPARTO SULL'ORLO DEL COLLASSO
PARTITO INCONTRA SINDACATI DEL SETTORE
(ANSA) - ROMA, 8 SET - Il comparto sicurezza e difesa e'
sull'orlo dl collasso. Lo afferma Emanuele Fiano, responsabile
sicurezza e difesa del Pd, che oggi ha incontrato, preso la sede
del partito, sindacati ed associazioni del settore.
''Nell'incontro - spiega Fiano - tutti i rappresentanti delle
varie anime del comparto, dai rappresentanti sindacali della
polizia di Stato, a quelli dei vigili del fuoco, delle guardie
forestali e del Cocer aeronautica hanno denunciato una
situazione, nei rispettivi settori, che e' sull'orlo del
collasso''.
''Abbiamo esaminato - prosegue l'esponente del Pd - non solo
gli effetti devastanti dei tagli lineari che dall'inizio di
questa legislatura e fino al 2013 porteranno ad oltre tre
miliardi di euro i tagli complessivi al solo comparto sicurezza,
ma anche la necessita' non piu' rinviabile di una sua
complessiva riorganizzazione che permetta di evitare sprechi,
sovrapposizioni e inefficienze, di difendere la dignita' dei
lavoratori e dei militari del comparto e di salvaguardare la
specificita' delle loro funzioni''.
''La sicurezza dei nostri cittadini - conclude Fiano - e'
troppo importante perche' possa essere unicamente oggetto di
politiche di tagli e noi del Partito democratico, invece,
vogliamo proseguire nel nostro lavoro di analisi e proposta per
un complessivo ridisegno strutturale di questo fondamentale
settore dello Stato''. (ANSA).

NE
08-SET-11 18:05 NNNN

Corte dei Conti "...Con ricorso proposto in data 15.04.1991, il sig. X ####################, già appuntato dei Carabinieri, cessato dal servizio continuativo per infermità a decorrere dal 10.02.1981, titolare di assegno privilegiato  ordinario di 3^ ctg., per infermità dipendente da causa di servizio, liquidato con decreto n°311 del 17.01.1987, in misura pari alla pensione normale aumentata di un decimo, a termini del quarto comma dell’art. 67 D.P.R. 1092/1973, dolendosi che l’Amministrazione non abbia tenuto conto di quanto stabilito al secondo comma dello stesso articolo, a termini del quale “compete l’80% dell’ultimo stipendio percepito (£.6.486.239), corrispondente a £.5.188.991 e non il 44% + 1/10 pari a £.4.388.500”, ha impugnato, innanzi a questa Corte, il suddetto decreto ed ha chiesto che gli venga riconosciuto “il diritto all’applicazione del secondo comma dell’art. 67” nonché “agli interessi legali ed alla rivalutazione legale dal giorno della maturazione della pensione al momento in cui si darà applicazione al nuovo provvedimento”..."

REPUBBLICA ITALIANA   Sent. 897/2011
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE PUGLIA
in composizione monocratica

IL GIUDICE

cons.  dott. Antongiulio Martina
ha pronunciato, nella pubblica udienza del
19 aprile 2011
dando, nella stessa udienza, lettura del dispositivo, di seguito trascritto, la seguente

SENTENZA

contro
MINISTERO DELLA DIFESA
avverso
il decreto del Ministero della Difesa n°311 del 17.01.1987.

Visto il ricorso;

esaminati gli atti ed i documenti di causa;

udito, nella pubblica udienza del 19 aprile 2011, l’avv. Carmine Loisi, per il ricorrente.

Ritenuto in
FATTO

Con ricorso proposto in data 15.04.1991, il sig. X ####################, già appuntato dei Carabinieri, cessato dal servizio continuativo per infermità a decorrere dal 10.02.1981, titolare di assegno privilegiato  ordinario di 3^ ctg., per infermità dipendente da causa di servizio, liquidato con decreto n°311 del 17.01.1987, in misura pari alla pensione normale aumentata di un decimo, a termini del quarto comma dell’art. 67 D.P.R. 1092/1973, dolendosi che l’Amministrazione non abbia tenuto conto di quanto stabilito al secondo comma dello stesso articolo, a termini del quale “compete l’80% dell’ultimo stipendio percepito (£.6.486.239), corrispondente a £.5.188.991 e non il 44% + 1/10 pari a £.4.388.500”, ha impugnato, innanzi a questa Corte, il suddetto decreto ed ha chiesto che gli venga riconosciuto “il diritto all’applicazione del secondo comma dell’art. 67” nonché “agli interessi legali ed alla rivalutazione legale dal giorno della maturazione della pensione al momento in cui si darà applicazione al nuovo provvedimento”.

All’udienza odierna, non costituita l’Amministrazione, il procuratore del ricorrente si è riportato alle conclusioni rassegnate.

Considerato in
DIRITTO
1. Il ricorso è fondato.
E’ appena il caso di premettere che l’art. 67 (rubricato “misura della pensione privilegiata dei militari”) del D.P.R. 1092/1973, dopo aver disposto, al primo comma, che al militare le cui infermità o lesioni, dipendenti da fatti di servizio, siano ascrivibili ad una delle categorie della tabella A annessa alla legge 18 marzo 1968, n. 313 , e non siano suscettibili di miglioramento spetta la pensione, ne ha disciplinato, ai successivi commi, la misura, prevedendo:
- che “la pensione è pari alla base pensionabile di cui all'art. 53 se le infermità o le lesioni sono ascrivibili alla prima categoria ed è pari al 90, 80, 70, 60, 50, 40 o 30 per cento della base stessa in caso di ascrivibilità, rispettivamente, alla seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima o ottava categoria, salvo il disposto dell'ultimo comma di questo articolo” (secondo comma);
- che “le pensioni di settima e ottava categoria sono aumentate rispettivamente dello 0,20 per cento e dello 0,70 per cento della base pensionabile per ogni anno di servizio utile nei riguardi dei militari che, senza aver maturato l'anzianità necessaria per il conseguimento della pensione normale, abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio effettivo” e che “la pensione così aumentata non può eccedere la misura prevista dal primo comma dell'art. 54” (terzo comma):
- che “qualora sia stata raggiunta l'anzianità indicata dal primo comma dell'art. 52, la pensione privilegiata è liquidata nella misura prevista per la pensione normale aumentata di un decimo, se più favorevole (quarto comma).
A termini del successivo art. 68, quando le infermità o le lesioni ascrivibili ad una delle categorie della tabella A siano suscettibili di miglioramento, spetta al militare un assegno rinnovabile di misura uguale alla pensione.
Risulta dagli atti che al X, cessato dal servizio per infermità a decorrere dal 10.02.1981, con un servizio effettivo di 15 aa. 4 mesi e 29 gg., un servizio utile di 18 aa, 4 m. e 18 gg. ed una base pensionabile di £.6.486.239, il trattamento pensionistico privilegiato (assegno privilegiato ordinario) è stato liquidato, secondo il disposto di cui all’art. 67, quarto comma, D.P.R. 1092/1973, in misura pari alla pensione normale (£.3.989.500) spettantegli, aumentata di 1/10 e, pertanto, in £.4.388.500.
Considerato che, peraltro, l’art. 67, quarto comma, prevede che la pensione privilegiata sia liquidata nella misura ivi prevista se più favorevole, è evidente che, quando, come nella specie, il trattamento così liquidato sia meno favorevole della pensione privilegiata calcolata secondo il criterio di cui al precedente secondo comma, è quest’ultimo a dover trovare applicazione.
Con riferimento al caso di specie, considerato che il trattamento calcolato, secondo il disposto di cui al secondo comma dell’art. 67 del D.P.R. 1092/1973, in ragione delle prevista percentuale della base pensionabile (£.6.486.239) pari, avuto riguardo alla categoria (terza) di ascrizione delle infermità che hanno dato luogo al trattamento privilegiato, all’80% della stessa base pensionabile, è superiore all’importo della pensione calcolata secondo il criterio di cui al quarto comma, non può revocarsi in dubbio il diritto del ricorrente a percepire il trattamento pensionistico, secondo il primo dei summenzionati criteri e, pertanto, l’assegno privilegiato ordinario  nella misura di annue lorde £.5.188.991 (pari all’80% di £.6.486.239) in luogo dell’assegno privilegiato ordinario nella misura di annue lorde £.4.388.500, liquidatogli con il provvedimento gravato.
2. Reputa, di converso, la Sezione che la richiesta di interessi e  rivalutazione possa trovare accoglimento solo entro i limiti di cui alla pronuncia delle SS.RR. 26.06–18.10.2002 n°10/Q.M., e che, pertanto, sugli importi spettantegli, il X abbia diritto agli interessi nella misura legale nonché – ove eventualmente eccedente la misura degli interessi legali e per l’importo differenziale, calcolato anno per anno, rispetto all’ammontare degli interessi stessi – alla rivalutazione monetaria secondo gli indici ISTAT, maturati sui singoli ratei arretrati dalla data di rispettiva scadenza e maturandi sino al dì dell’effettivo soddisfo
3. Stante la natura della controversia, reputa la Sezione che ricorrano giusti motivi per disporre l’integrale compensazione delle spese di giudizio fra le parti.
P.Q.M.
la Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Puglia, in composizione monocratica, definitivamente pronunciando sul ricorso, iscritto al n° 10866 (ex 4258/M – ex 139317) del registro di segreteria, proposto dal sig. X #################### avverso il decreto del Ministero della Difesa n°311 del 17.01.1987, così provvede:
1)accoglie, per quanto di ragione, il gravame proposto e, per l’effetto, determina in £.4.397.450 (lirequattromilionitrecentonovantasettemilaquattrocentocinquanta) annue lorde in luogo di £.4.388.500 annue lorde, l’importo dell’ assegno privilegiato ordinario di 3^ ctg. conferito al ricorrente con il decreto impugnato;
2) dichiara che sugli importi spettantigli a termini del precedente punto 1), il ricorrente ha diritto agli interessi nella misura legale nonché – ove eventualmente eccedente la misura degli interessi legali e per l’importo differenziale, calcolato anno per anno, rispetto all’ammontare degli interessi stessi – alla rivalutazione monetaria secondo gli indici ISTAT, dalla data di scadenza dei singoli ratei sino al dì dell’effettivo soddisfo;
3) dichiara integralmente compensate fra le parti le spese di giudizio.
Così deciso in Bari, il 19 aprile 2011.

IL GIUDICE

f.to (Antongiulio Martina)
 
Depositata in Segreteria il 10/08/2011
Il Funzionario
f.to (Franca Maria Alfarano)
SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE
PUGLIA Sentenza 897 2011 Pensioni 10-08-2011

 

Sicurezza stradale: UE, nel 2015 operativo sistema chiamata salvavita a 112

SICUREZZA STRADALE: UE, NEL 2015 OPERATIVO SISTEMA CHIAMATA SALVAVITA A 112 =
ECALL SU TUTTE NUOVE AUTO, DA SOLO CHIAMA SOCCORSI E COMUNICA
POSIZIONE

Bruxelles, 8 set. - (Adnkronos/Aki) - Un sistema salvavita che
permetta in caso di incidente grave di far partire automaticamente la
chiamata ai soccorsi, comunicando loro anche la posizione dell'auto.
La Commissione europea si e' impegnata perche' questo diventi realta'
entro il 2015, con l'installazione obbligatoria su tutti i nuovi
veicoli del meccanismo ribattezzato "eCall" che velocizzera'
l'intervento dei soccorritori chiamando automaticamente il 112.

Chi resta coinvolto in un incidente stradale spesso non ha la
prontezza o le possibilita' fisiche di potere immediatamente
telefonare al numero di emergenza. Con eCall, invece, che si attiva
senza bisogno del conducente, si potra' velocizzare l'arrivo dei
soccorsi del 40% nelle zone urbane e del 50% in quelle rurali,
permettendo cosi' di guadagnare minuti preziosi e ridurre sia il
numero di vittime che quello dei feriti gravi.

Bruxelles ha quindi adottato oggi una raccomandazione rivolta ai
27 paesi Ue, chiedendo l'installazione del nuovo dispositivo eCall su
tutte le nuove auto messe in circolazione dal 2015 e la collaborazione
degli operatori di telefonia mobile. In particolare la Commissione ha
sollecitato gli stati membri a garantire le chiamate provenienti dai
dispositivi eCall siano trattate come le chiamate effettuate al numero
112, ossia gratuitamente e attribuendogli la precedenza. (segue)

(Lsa/Zn/Adnkronos)
08-SET-11 14:49

NNNNSICUREZZA STRADALE: UE, NEL 2015 OPERATIVO SISTEMA CHIAMATA SALVAVITA A 112 (2) =

(Adnkronos/Aki) - Ma come funziona eCall? Questo dispostivo, che
di norma e' in stand-by, si attiva da solo non appena i sensori del
veicolo rilevano un urto grave, come per esempio quello che provoca
l'entrata in funzione dell'airbag. A questo punto eCall compone il
numero di emergenza europeo 112, stabilisce un collegamento telefonico
con il centralino di soccorso appropriato e invia ai servizi di
emergenza i dettagli relativi all'incidente, compresa l'ora, la
posizione esatta del veicolo incidentato e la direzione di viaggio,
fondamentale per autostrade e tunnel.

eCall potra' essere attivato anche manualmente, premendo un
pulsante all'interno dell'abitacolo, per esempio da parte di un
testimone di un incidente grave. I costi d'installazione di questo
sistema salvavita sono stimati a meno di 100 euro per auto nuova, e
prendono gia' in conto tutte le misure per garantire la privacy.
Infatti eCall non consente il tracciamento dei veicoli, in quanto
resta in stand-by e non invia segnali fino all'attivazione in caso di
incidente.

Oggi inEuropa solo lo 0,7% di tutte le auto e' dotato di sistemi
automatici di chiamata di soccorso, e la loro crescita e' quasi
inesistente, anche perche' non funzionano in tutti i paesi Ue.
L'obiettivo della Commissione, invece, e' che entro il 2015 eCall sia
pienamente operativo in tutti i 27 piu' Croazia, Islanda, Norvegia e
Svizzera.

(Lsa/Zn/Adnkronos)
08-SET-11 15:01

NNNN

11/02/2011
In occasione della "Giornata europea del 112", indetta per l'11 febbraio, la Commissione europea esorta gli Stati membri ad adoperarsi per sensibilizzare il pubblico all'esistenza del 112, il numero che si può digitare in qualunque Stato membro dell'Unione europea per chiamare i servizi di emergenza. Da un'indagine svolta in tutta l'UE e pubblicata oggi risulta che tre cittadini europei su quattro non conoscono ancora questo numero salvavita.
112: pochi cittadini conoscono il numero europeo salvavita
Eppure, la normativa dell'UE in materia di telecomunicazioni impone agli Stati membri di informare i cittadini dell'esistenza del 112. Per rafforzare la tutela dei cittadini europei, le nuove norme UE sulle telecomunicazioni, che devono essere recepite negli ordinamenti nazionali entro il 25 maggio 2011, prescrivono inoltre agli Stati membri di migliorare la precisione e l'affidabilità delle informazioni sulla localizzazione del chiamante (cfr. MEMO/09/568).
Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea responsabile dell'Agenda digitale, ha dichiarato: "Il numero di emergenza europeo 112 salva le vite, ma per questo occorre che la gente ne sia informata. Gli Stati membri devono fare in modo che ognuno sappia che può chiamare il 112 in qualunque situazione di emergenza.".
Ancora molta disinformazione
Da una recente indagine Eurobarometro risulta che appena più di un quarto (26%) dei cittadini dell'UE interpellati è in grado di citare spontaneamente il 112 come il numero per chiamare polizia, vigili del fuoco o ambulanza in qualunque paese dell'Unione. Solo in cinque paesi (Repubblica ceca, Finlandia, Lussemburgo, Polonia e Slovacchia) la maggioranza della popolazione sa che il 112 è il numero di emergenza valido in tutta l'UE. In Grecia, Italia e Regno Unito meno del 10% della popolazione ne è informato.
I progressi a livello europeo sono stati minimi in questi ultimi anni: dal 22% nel 2008 al 26% nel 2011. In alcuni paesi, tuttavia, la conoscenza del numero di emergenza europeo 112 si è notevolmente diffusa rispetto all'anno scorso: in Austria dal 31% al 39%, in Finlandia dal 50% al 56% e nei Paesi Bassi dal 45% al 50%.
Benché la maggior parte degli Stati membri dell'UE abbia dichiarato di aver preso iniziative per promuovere il 112 (come quella di affiggere il numero in questione sui veicoli dei servizi di emergenza), solo il 27% dei cittadini europei intervistati afferma, secondo il rapporto, di aver ricevuto informazioni sul 112 nel corso del 2010. Vista la lentezza dei progressi, la Commissione sta valutando se gli Stati membri adempiano adeguatamente l'obbligo di informare i cittadini sul 112.
Informazioni destinate ai viaggiatori
Dal luglio 2009, coloro che usano il cellulare o un altro apparecchio di telefonia mobile in un altro paese dell'Unione devono ricevere un messaggio inviato dall'operatore di rete con informazioni sul 112. Tuttavia, secondo l'inchiesta, l'81% dei cittadini europei che viaggiano in un altro Stato membro hanno dichiarato di non aver ricevuto tale informazione. In base alla nuova normativa UE sulle telecomunicazioni, che deve essere attuata entro maggio 2011, le informazioni in materia devono essere messe a disposizione dei viaggiatori anche in luoghi come gli aeroporti, le stazioni ferroviarie e i capolinea delle autolinee internazionali.
Informazioni sulla localizzazione
La ricezione di informazioni precise sulla localizzazione della persona che chiama il 112 consente di accelerare l'arrivo dei servizi di emergenza, di evitare l'aggravarsi delle condizioni delle vittime e di salvare vite. La nuova normativa dell'UE sulle telecomunicazioni prescrive che la localizzazione del chiamante sia resa nota gratuitamente non appena la chiamata raggiunge i servizi di emergenza e dispone la messa in opera di sistemi perfezionati in grado di trasmettere informazioni più precise e affidabili sulla posizione esatta da cui proviene la chiamata.
Per garantire l'efficace operatività del 112, la Commissione ha avviato procedimenti legali nei confronti di 14 Stati membri che non hanno predisposto la trasmissione di informazioni atte a localizzare il chiamante; di questi procedimenti, 13 sono ormai archiviati in seguito a interventi correttivi, mentre rimane tuttora aperto quello nei confronti dell'Italia (IP/09/1784). Altri procedimenti sono stati avviati, e successivamente chiusi, nei confronti della Polonia e della Bulgaria per indisponibilità della linea 112 (IP/05/1585,IP/09/163), nonché nei confronti dell'Italia in merito all'adeguato trattamento delle chiamate al 112 da parte dei servizi di emergenza (IP/10/65). Attualmente la Commissione sta esaminando la situazione in diversi Stati membri nei quali le informazioni sull'ubicazione del chiamante sembrano indisponibili per gli abbonati e/o gli utenti di servizi di telefonia mobile che si trovano all'estero.
Contesto
Il numero di emergenza europeo 112 può essere chiamato gratuitamente da telefoni fissi e mobili in tutti gli Stati membri dell'Unione europea (IP/08/1968). Danimarca, Finlandia, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania e Svezia hanno deciso di adottare il 112 anche come numero di chiamata di emergenza nazionale. Inoltre la linea 112 è stata attivata anche in alcuni paesi extra-UE come la Croazia, il Montenegro e la Turchia; l'Ucraina ne progetta anch'essa l'introduzione.

Link connessi

COSTI POLITICA. DI PIETRO: PARLAMENTARI COME LADRI NELLA NOTTE RIDOTTI ALL'OSSO TAGLI A INDENNITA'; FIRMARE IL REFERENDUM

COSTI POLITICA. DI PIETRO: PARLAMENTARI COME LADRI NELLA NOTTE
RIDOTTI ALL'OSSO TAGLI A INDENNITA'; FIRMARE IL REFERENDUM

(DIRE) Roma, 8 set. - "Quando c'e' un'emergenza tutti sono
chiamati a fare il loro dovere e ad accettare qualche sacrificio.
Tutti tranne i privilegiati per eccellenza, cioe' la casta. I
cittadini normali possono pagare le tasse, infatti gli e' stata
aumentata di un punto l'Iva. Nello stesso tempo, zitti zitti e
quatti quatti, come ladri nella notte, i parlamentari hanno
ridotto all'osso i tagli delle indennita' decisi il 13 agosto per
quei deputati e quei senatori che fanno il doppio lavoro". E'
quanto scrive sul suo blog il lader dell'Italia dei Valori,
Antonio Di Pietro.
"Invece del 50% dell'indennizzo- aggiunge l'ex magistrato- il
loro contributo sara' del 20%, sempre che, approfittando del
buio, non lo diminuiscano ancora. Nei momenti di difficolta' la
classe dirigente di un Paese e' chiamata a dare l'esempio. Se non
lo fa come puo' pretendere di chiedere ai cittadini e alla povera
gente di sacrificarsi ancora? Se, invece, approfitta del suo
potere per sfangarla e non pagare come tutti gli altri, come puo'
sperare che chi e' molto piu' povero non cerchi poi di
arrangiarsi e sfangarsela pure lui? I soprusi e gli abusi della
casta non sono solo un delitto contro la decenza e contro la
morale, sono anche un atto di sabotaggio contro il Paese, perche'
propri i cattivi esempi di questo genere sono all'origine di
tanti comportamenti sbagliati che impediscono al nostro Paese di
crescere come potrebbe e meriterebbe".(SEGUE)

(Com/Vid/ Dire)
15:12 08-09-11

NNNN
OSTI POLITICA. DI PIETRO: PARLAMENTARI COME LADRI NELLA NOTTE -2-


(DIRE) Roma, 8 set. - "Il buon giorno si vede dal mattino-
sottolinea ancora Di Pietro- e se questo e' il mattino ci vuole
poco a capire dove finiranno le grandi promesse del governo sul
dimezzamento dei parlamentari o sulla cancellazione delle
Province e cioe' nel cestino della spazzatura, come tutte le
misure che colpiscono gli interessi e i privilegi della Casta.
C'e' un solo modo per mettere fine a questo sfacelo: firmare
subito per il referendum che restituira' agli elettori il diritto
di scegliere i parlamentari e cancellera' le Province senza farsi
fregare dai trucchi della casta. C'e' una sola via per cambiare
le cose non in un giorno lontano ma subito, qui e ora: che i
cittadini lo facciano da soli, come hanno gia' fatto col
nucleare, l'acqua pubblica e le leggi ad personam.
"E come stanno facendo ancora con le mobilitazioni dei
prossimi giorni, autoconvocate e autorganizzate con le modalita'
che si stanno diffondendo in tutta Europa. Ad esempio la "Piazza
Pulita" di sabato e domenica a Roma, dove noi, accettando l'idea
di tenere fuori simboli e bandiere, parteciperemo anche per
raccogliere le firme", conclude.

(Com/Vid/ Dire)
15:12 08-09-11

NNNN
MANOVRA: DI PIETRO, SACRIFICI PER TUTTI MA NON PER LA 'CASTA' =
RIDOTTI ALL'OSSO I TAGLI PER I PARLAMENTARI, COME LADRI NELLA
NOTTE

Roma, 8 set. (Adnkronos) - ''Quando c'e' un'emergenza tutti sono
chiamati a fare il loro dovere e ad accettare qualche sacrificio.
Tutti tranne i privilegiati per eccellenza, cioe' la casta. I
cittadini normali possono pagare le tasse, infatti gli e' stata
aumentata di un punto l'Iva. Nello stesso tempo, zitti zitti e quatti
quatti, come ladri nella notte, i parlamentari hanno ridotto all'osso
i tagli delle indennita' decisi il 13 agosto per quei deputati e quei
senatori che fanno il doppio lavoro''. E' quanto scrive sul suo blog
il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.

''Invece del 50% dell'indennizzo - aggiunge l'ex magistrato - il
loro contributo sara' del 20%, sempre che, approfittando del buio, non
lo diminuiscano ancora. Nei momenti di difficolta' la classe dirigente
di un Paese e' chiamata a dare l'esempio. Se non lo fa come puo'
pretendere di chiedere ai cittadini e alla povera gente di
sacrificarsi ancora?".

"Se, invece -prosegue- approfitta del suo potere per sfangarla e
non pagare come tutti gli altri, come puo' sperare che chi e' molto
piu' povero non cerchi poi di arrangiarsi e sfangarsela pure lui? I
soprusi e gli abusi della casta non sono solo un delitto contro la
decenza e contro la morale, sono anche un atto di sabotaggio contro il
Paese, perche' propri i cattivi esempi di questo genere sono
all'origine di tanti comportamenti sbagliati che impediscono al nostro
Paese di crescere come potrebbe e meriterebbe''.

(Pol/Ct/Adnkronos)
08-SET-11 15:11

NNNN

MANOVRA. DI PIETRO: SE RESTA GOVERNO, ESASPERAZIONE MONTA

MANOVRA. DI PIETRO: SE RESTA GOVERNO, ESASPERAZIONE MONTA


(DIRE) Roma, 8 set. - "Piu' rimane questo governo, piu' cresce il
peggioramento delle condizioni economiche del Paese e piu'
aumenta l'esasperazione che, dalla piazza, rischia di diventare
piu' forte". Lo dice il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro che,
conversando con i cronisti fuori Montecitorio precisa: "Questo e'
un rischio che dobbiamo arginare proponendo un'alternativa per il
Paese".
"E' cosi'- continua- che possiamo dimostrare il nostro senso
di responsabilita'. Non ci dobbiamo abbandonare, dobbiamo reagire
con una proposta di alternativa".

(Rai/ Dire)
12:38 08-09-11

MANOVRA. VENDOLA. OSTRUZIONISMO? SAREBBE ORA, IN PAESE C'È RABBIA

MANOVRA. VENDOLA. OSTRUZIONISMO? SAREBBE ORA, IN PAESE C'È RABBIA


(DIRE) Roma, 8 set. - "E' singolare che non ci sia gia' stato
l'ostruzionismo". Nichi Vendola commenta cosi' la minaccia di Di
Pietro di mettersi di traverso nell'approvazione della manovra
alla Camera se non ci saranno modifiche.
A margine di una conferenza stampa nella sede romana della
Regione Puglia, il leader di Sel osserva che "tempi veloci sono
giusti se si fanno cose buone. Se si fanno cose cattive non e' un
atto di saggezza". Rispetto quindi all'atteggiamento che
l'opposizione dovrebbe tenere in Parlamento, Vendola esprime
l'auspicio che le istituzioni sappiano ascoltare "il vento di
rabbia e rivolta che c'e' nel paese. Altrimenti si allarghera' lo
iato con il Paese e la rivolta potrebbe prendere altre strade per
esprimersi".

(Tar/ Dire)
13:30 08-09-11

MANOVRA: ANCI PROCLAMA PER GIOVEDI' 'SCIOPERO DEI SINDACI'

MANOVRA: ANCI PROCLAMA PER GIOVEDI' 'SCIOPERO DEI SINDACI'
SARANNO RESTITUITE AL GOVERNO LE DELEGHE SULL' ANAGRAFE
(ANSA) - ROMA, 8 SET - ''Giovedi' ci sara' una grande
mobilitazione in cui gli ottomila sindaci italiani
riconsegneranno le loro funzioni al Governo. Restituiremo le
deleghe sull'anagrafe''. Lo ha annunciato il vicepresidente
dell'Anci Graziano Delrio al termine del comitato direttivo
dell'associazione dei comuni quale protesta nei confronti della
manovra votata ieri al Senato con la fiducia.(ANSA).

Y12/DST
08-SET-11 14:14 NNNN

MANOVRA. ZINGARETTI LANCIA APPELLO A PARLAMENTARI PDL LAZIO "NON PRENDETE IN GIRO I CITTADINI"

MANOVRA. ZINGARETTI LANCIA APPELLO A PARLAMENTARI PDL LAZIO
"NON PRENDETE IN GIRO I CITTADINI"

(DIRE) Roma, 8 set. - "Lancio un appello a tutti i parlamentari
del Pdl del Lazio, che devono votare la manovra, a non prendere
in giro i cittadini". Lo dice il presidente della Provincia di
Roma, Nicola Zingaretti, nel corso di una conferenza stampa a
palazzo Valentini dedicata alla manovra approvata ieri dal Senato.
"A me- aggiunge- ha fatto piacere che fino ad adesso tutti con
grandi appelli, manifestazioni e proteste, urla e interviste,
abbiano gridato allo scandalo. Ora chiedo coerenza. Se si e'
contro bisogna essere coerenti e bisogna vedere se si difendera'
in Parlamento un'identita' di partito o un legame nei confronti
dei nostri territori".

(Enu/ Dire)
14:16 08-09-11

MANOVRA: MEDICI SUL PIEDE DI GUERRA, CHIEDONO USCITA DA PUBBLICO IMPIEGO

MANOVRA: MEDICI SUL PIEDE DI GUERRA, CHIEDONO USCITA DA PUBBLICO IMPIEGO =

Roma, 8 set. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Un nuovo stato
giuridico e l'uscita dal pubblico impiego. A quanto apprende
l'Adnkronos Salute sarebbero queste le richieste in cantiere dei
medici del Servizio sanitario nazionale. Da quanto trapela dalla
riunione dell'Intersindacale in corso a Roma, i camici bianchi che
lavorano per il servizio pubblico, che si sentono particolarmente
colpiti dalle ultime Manovre economiche approvate, compresa
soprattutto quella votata ieri dal Senato, starebbero infatti pensando
a un nuovo stato giuridico e ad una clamorosa uscita dal pubblico
impiego.

Tra le tante misure penalizzanti, i medici sottolineano: la
perdita del 18% del potere di acquisto, il differimento del Tfr di 2
anni, il blocco dei contratti di lavoro, la trattenuta sui 90 mila
euro.

(Fed/Zn/Adnkronos)
08-SET-11 12:31

NNNN

Caos al Giro di Padania, Silp: “A pagarne le spese sono sempre le forze dell’ordine”

 
 
 
 
 

MANOVRA: FLASH MOB DISABILI A ROMA, 'STOP AL MASSACRO'

MANOVRA: FLASH MOB DISABILI A ROMA, 'STOP AL MASSACRO'
ENORME STRISCIONE ESPOSTO ALLA TERRAZZA DEL PINCIO
(ANSA) - ROMA, 8 SET - ''Quaranta miliardi di tagli. Stop al
massacro delle persone con disabilita'''. Questa e' la scritta
che campeggia sull'enorme striscione srotolato dalla terrazza
del Pincio da un gruppo di disabili e altri manifestanti che
stanno protestando in un flash mob contro la manovra economica.
Al flash mob stanno partecipando un gruppo di persone in
carrozzina, le loro famiglie ed esponenti politici romani. ''La
manovra taglia dai 20 ai 40 miliardi sulla pelle delle persone
con disabilita' - spiega il presidente della Fish (Federazione
Italiana per il superamento dell'handicap) - e sull'accompagno,
l'unico diritto esigibile che abbiamo. A questi tagli si sommano
quelli ai comuni che ridurranno drasticamente anche i servizi
sociali. Questo vuol dire che tutta l'assistenza dei disabili
ricadra' sulle famiglie e, se queste non saranno in grado di
sostenerla, ritorneremo inevitabilmente agli anni Cinquanta e
agli istituti. Questa manovra e' un massacro''.
Insieme ai disabili e alle loro famiglie ci sono anche
diversi esponenti del centrosinistra romano: il consigliere
regionale del Pd Enzo Foschi, il capogruppo regionale di Sel
Luigi Nieri e il consigliere provinciale Sel Gianluca Peciola il
quale commenta: ''Questa manovra aggredisce i diritti delle
persone piu' fragili. Bisogna attivare tutte le forme di
mobilitazione per denunciare lo scempio dello stato sociale
italiano''.(ANSA).

YJ4-TAG/DST
08-SET-11 11:29 NNNN

MANOVRA: APPELLO FLORIS (ANCI), COMUNI SCENDANO IN PIAZZA

MANOVRA: APPELLO FLORIS (ANCI), COMUNI SCENDANO IN PIAZZA
AD ASSEMBLEA ASSESSORI AL BILANCIO DEI MUNICIPI LIGURI
(ANSA) - GENOVA, 8 SET - Cittadini e sindaci scendano in
piazza contro la nuova manovra con una protesta in ogni regione
d'Italia. E' l'appello del presidente nazionale della
Commissione Finanza dell'ANCI, Franco Floris, che questa mattina
ha riunito in assemblea a Genova gli assessori al bilancio di
tutti i comuni liguri.
''La nuova manovra inserisce il patto di stabilita' anche per
i comuni da 1.000 a 5.000 abitanti dal 2013 e per le unioni dei
comuni dal 2014'', sottolinea Floris, secondo cui la norma
''blocchera' ancora di piu' gli investimenti e la gestione del
patto per i piccoli comuni diventera' impossibile''.
'''Il governo tolga il patto di stabilita' e inserisca una
norma nazionale sul debito'', chiede il presidente finanze Anci.
''Abbiamo in cassa 40 miliardi di euro che non possiamo spendere
- denuncia - la manovra ci obbliga a contenere gli investimenti
dal 70% dei comuni al 30%, cio' significa meno lavoro, meno
occupazione, meno crescita senza la quale con la nuova manovra
non si va da nessuna parte''.(ANSA).

YTM-GTT/TST
08-SET-11 11:58 NNNN