Translate

venerdì 21 luglio 2017

Polizia: Gabrielli, organici invecchiati, media 49-52 anni



Polizia: Gabrielli, organici invecchiati, media 49-52 anni

ZCZC2314/SXA
OVE84301_SXA_QBXB
R CRO S0A QBXB
Polizia: Gabrielli, organici invecchiati, media 49-52 anni
Dall'89 ad oggi personale diminuito del 20%
(ANSA) - ROVIGO, 21 LUG - "La nostra amministrazione e'
passata dalle 117mila unita' nel 1989 alle 98mila di oggi, uno
spread del 20%. Il vero problema e' che siamo invecchiati". Lo
dice a Rovigo il capo della Polizia Franco Gabrielli inaugurando
la nuova questura.
Per Gabrielli "da qui al 2030 andranno in pensione 40mila
persone nella sola Polizia di Stato. Dico alla mia gente che
oggi ci e' chiesto di fare meglio con meno - aggiunge -.
Chiederemo al governo che c'e' e a quelli che verranno di
analizzare i problema degli organici, ma se la matematica non e'
un opinione, prendete carta e penna: 40mila persone in pensione
in 12 anni significa 3-4000 all'anno, immetteremo
contemporaneamente 2-2500 poliziotti all'anno. Significa che
andremo a regredire".
Il capo della Polizia ricorda che "la media d'eta' oggi dei
poliziotti e' di 49-52 anni. La vicenda di Anis Amri, ricercato
internazionale intercettato alle 3 di notte in una fredda
periferia lombarda da giovani poliziotti, non e' una cosa
ordinaria". "Dobbiamo rimboccarci le maniche, dobbiamo
dimostrare la nostra diversita' rispetto agli utenti - sostiene
-. Sono sintonizzato sul fatto che i poliziotti devono essere
tutelati, ma ricordo anche ai poliziotti che devono essere
poliziotti. Il capo della Polizia non gira scortato, deve dare
l'esempio, cominciamo di riappropriarci del nostro essere se
vogliamo essere considerati, siamo un punto di riferimento della
societa', se noi per primi amplifichiamo i problemi non va bene".
Gabrielli aggiunge: "i problemi vanno avviati a soluzione
nella consapevolezza della nostra diversita'. Altrimenti se
vogliamo fare gli impiegati facciamo gli impiegati. Noi
rischiamo e c'e' una soglia di salvaguardia del rischio, ma il
rischio e' il nostro mestiere. Dobbiamo tutelarci ma non entrare
nel loop inverso. Ho fatto il poliziotto per 20 anni e l'ho
fatto con la passione. E' nella passione - conclude - che
risiede la diversita'". (ANSA).
YV2-CO
21-LUG-17 12:25 NNNN
Sicurezza:Zaia a Gabrielli,primo segnale e' garanzia organici

ZCZC2338/SXA
OVE84081_SXA_QBXB
R CRO S0A QBXB
Sicurezza:Zaia a Gabrielli,primo segnale e' garanzia organici
Forze dell'ordine debbono girare con manganello e manette
(ANSA) - ROVIGO, 21 LUG - "Caro capo della Polizia, in Veneto
quando si vede un poliziotto in divisa si tira un sospiro di
sollievo". Cosi' il presidente della Regione, Luca Zaia,
intervenendo a Rovigo all'inaugurazione della nuova questura, a
cui ha partecipato Franco Gabrielli.
"Ma il primo segnale da dare ai territori e' quello di
garantire gli organici, percepisco il disagio di tanti uomini e
donne in divisa - aggiunge il governatore -. E poi il Parlamento
a costo zero potrebbe inasprire le pene. Io sono convinto che i
magistrati applichino le leggi ma penso che inasprendo le pene e
dando la certezza della pena, si possa dare un riconoscimento a
chi rincorre i delinquenti e il giorno dopo se li trova al bar".
Per Zaia, "le forze dell'ordine devono girare con manganello e
manette: non sono per la violenza, ma loro non devono guardarsi
a 360 gradi per vedere se qualcuno li filma mentre stanno
facendo il proprio dovere. Ridiamo dignita' alle forze
dell'ordine". "Qualcuno ha chiesto il numero di matricola sui
caschi per identificare comportamenti non compatibili, ma questo
Paese ha bisogno di difendere le forze dell'ordine - conclude -.
Spero che gli organici aumentino. Lanciamo questo grido
d'allarme". (ANSA).
YV2-CO
21-LUG-17 12:27 NNNN