Translate

domenica 4 settembre 2011

La pratica della professione infermieristica: il 17% degli infermieri accidentalmente esposti a chemioterapia

La pratica della professione infermieristica: il 17% degli infermieri 
accidentalmente esposti a chemioterapia

Questo studio presso la University of Michigan Comprehensive Cancer Center ha rilevato che il 17% degli infermieri nel settore ambulatoriale hanno subito un'esposizione accidentale della pelle o degli occhi con farmaci chemioterapici tossici e mette in guardia l'importanza di attuare misure volte a migliorare la sicurezza dei caregivers che si occupano di questi farmaci altamente tossici. Risultati pubblicati nell'edizione online della rivista BMJ Qualità e Sicurezza.
Questo è il primo studio solo punto la nuova vulnerabilità di sicurezza nella pratica infermieristica. Condotto su 1.339 infermieri oncologia che si prendono cura del cancro asura come paziente esterno in uno stato degli Stati Uniti quale viene fornito il 84% della chemioterapia in ambito ambulatoriale.
"Ogni esposizione non intenzionale della pelle o degli occhi può essere altrettanto pericoloso come una puntura", spiega l'autore dello studio Christopher Friese, professore alla School of Nursing dell'Università del Michigan.
Quali misure per l'esposizione involontaria di chemio? "Abbiamo preso provvedimenti per ridurre gli episodi di punture e AES. Ma non abbiamo adottato alcuna misura per evitare l'esposizione ai prodotti di chemioterapia ", ha detto il professor Friese. Negli Stati Uniti, di raccomandazioni di buone pratiche sono state emesse dal Istituto nazionale per la sicurezza e la salute , ma linee guida non sono vincolanti. Queste raccomandazioni includono l'uso di camici, guanti e altri indumenti protettivi durante la manipolazione farmaci chemioterapici.
Il "solo" l'esercizio è quello con l'esposizione maggiore , rivelano gli autori dello studio, rispetto a squadre ambulatoriali più strutturato. Pratiche a due o più infermieri sono meno rischiosi. "Questo sondaggio mostra che il carico di lavoro, l'organizzazione e la qualità delle condizioni di lavoro sta dando i suoi frutti ed è probabile che per ridurre i rischi professionali.
A differenza di AES (esposizione accidentale al sangue), un virus è coinvolto e in cui specifici trattamenti preventivi può essere data, è più difficile collegare l'esposizione a chemioterapia effetti diretti, quindi un più difficile per i sistemi sanitari di questi incidenti.
L'esposizione involontaria alla chemioterapia, tuttavia, può influire sul sistema nervoso, riproduttivo e conferisce un rischio di cancro del sangue.



Fonte : SANTELOG

Nessun commento:

Posta un commento