Translate

sabato 10 dicembre 2016

ANSA/ Studentessa morta:caccia a 3 giovani,lente su campi rom


ANSA/ Studentessa morta:caccia a 3 giovani,lente su campi rom


ZCZC4229/SXB
XRM71713_SXB_QBXB
R CRO S0B QBXB
>>>ANSA/ Studentessa morta:caccia a 3 giovani,lente su campi rom
Sentito macchinista,lunedi' autopsia.Sos sicurezza da cinesi Roma
(di Chiara Acampora)
(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Tre uomini, probabilmente giovani o
addirittura giovanissimi, ripresi dalle telecamere di
videosorveglianza di un'azienda privata. E' caccia agli autori
della rapina subita da Zhang Yao la studentessa cinese ventenne
trovata morta ieri notte dopo essere sparita nel nulla lunedi'
nei pressi dell'Ufficio Immigrazione, nella zona di Tor
Sapienza, alla periferia di Roma. Nel mirino degli investigatori
ci sarebbero in particolare gli ambienti dei campi nomadi. Poco
distante dall'Ufficio della Questura e dal luogo del
ritrovamento del corpo c'e' l'insediamento di via Salviati.
A quanto ricostruito finora dalla polizia, la studentessa e'
stata derubata della borsa con dentro il permesso di soggiorno
appena ritirato cosi' avrebbe deciso di inseguire i ladri fino ai
binari della vicina ferrovia dove e' stata sbalzata da un treno
in transito finendo in un dirupo. La ragazza, dopo lo scippo, ha
contattato la coinquilina per chiederle aiuto. La telefonata,
pero', si e' interrotta bruscamente. Dall'autopsia, prevista per
lunedi' prossimo, potrebbero arrivare elementi utili per far luce
sulla vicenda.
Intanto si cercano anche il cellulare e la borsetta della
ragazza che non sarebbero ancora stati trovati. Rintracciato
anche il macchinista del treno che l'avrebbe sbalzata in aria
facendola schiantare nel dirupo. L'uomo avrebbe detto di non
essersi accorto di nulla. Sulla vicenda indaga la Squadra Mobile
di Roma.
E per domani alle 13 l'associazione degli studenti cinesi in
Italia ha organizzato una commemorazione in ricordo della
ragazza davanti l'Ufficio Immigrazione. Ci sara' anche il padre
della ventenne, figlia unica, "straziato dal dolore" per cio' che
e' accaduto. La comunita' cinese che vive a Roma non nasconde la
rabbia e paura dopo la morte della studentessa che frequentava
un corso di moda all'Accademia delle Belle Arti di via di
Ripetta. "Gli studenti che si trovano a Roma non si sentono piu'
sicuri - spiegano ambienti della comunita' - hanno chiesto
all'ambasciata di essere protetti perche' non si sentono piu'
sicuri". "Abbiamo paura - aggiungono - come e' possibile che si
venga scippati in pieno giorno davanti a un ufficio della
Questura? Quella ragazza era felice, non meritava di morire
cosi'".
E c'e' chi ha dubbi su quello che e' accaduto alla giovane
prima di morire. "Ci chiediamo come sia possibile che una
ragazza di venti anni si metta a rincorrere degli scippatori
fino a laggiu' - ribadiscono - Avrebbe potuto chiedere aiuto alla
polizia o tornare dalle due coinquiline che erano all'interno
dell'Ufficio Immigrazione. Ci auguriamo che presto si sappia la
verita'".
Lunedi' mattina Zhang Yao mattina si era recata all'Ufficio
Immigrazione insieme a due amiche e, avendo ritirato per prima
il documento, era uscita fuori felice a fare una telefonata.
Proprio con le altre due ragazze sarebbe dovuta tornare a casa
nell'appartamento preso in affitto nel quartiere Don Bosco.
(ANSA).
YF1-RO
10-DIC-16 19:33 NNNN