Translate

mercoledì 21 dicembre 2016

ROMA, MARRA: SUI SOCIAL CRESCE SENTIMENT NEGATIVA


ROMA, MARRA: SUI SOCIAL CRESCE SENTIMENT NEGATIVA
9CO736218 4 POL ITA R01
ROMA, MARRA: SUI SOCIAL CRESCE SENTIMENT NEGATIVA
(9Colonne) Roma, 21 dic - Il caso Marra ha risvegliato nel web una "sentiment" negativa nei confronti della Raggi e del M5s. Il Campidoglio rischia di trasformarsi in un laboratorio di demolizione dell'immagine e della web reputation del movimento grillino. L'arresto del braccio destro del sindaco, secondo una analisi de IlSocialPolitico.it, venerdì scorso è stato l'argomento più cercato sul web, con più di 200mila ricerche su Google. Nello stesso giorno l'altra notizia più importante, legata al sindaco di Milano Giuseppe Sala, è stata cercata solo 50mila volte. Su Twitter-sfera gli hashtag #raggi e #marra sono rimasti nella classifica degli argomenti più discussi in Italia per oltre 20 ore. In particolare #raggi ha registrato più di 10 milioni di visualizzazioni da parte di più di 7 milioni di utenti unici. La sentiment è stata decisamente negativa con hashtag come #raggidimettiti, #raggirati e #marracapitale. Il tweet più virale sull'argomento (794 retweet) è stato scritto dal giornalista Rai Marco Frittella: "Arresto di #Marra, dimissioni di #Muraro. Sei mesi di niente. Sipario sulla #Raggi. Doveva essere la prova per il governo nazionale #M5s". Questo messaggio è stato più coinvolgente di quello di Marco Travaglio che ha provato a difendere la Raggi scrivendo che il sindaco di Roma non poteva conoscere i rapporti passati tra Marra e l'immobiliarista Scarpellini. Contro Raggi ha inoltre puntato i suoi riflettori una delle fanpage più popolari e interattive della capitale, "Roma fa schifo" che è arrivata in pochi anni a essere citata anche dal New York Times, diventando un vero e proprio organo di informazione in grado di orientare l'opinione pubblica digitale dei romani. Molti dei post scritti in questi giorni da "Roma fa schifo" contro il sindaco di Roma stanno ottenendo livelli di coinvolgimento davvero alti tra gli utenti di Facebook.
(red)
211002 DIC 16