Translate

giovedì 22 settembre 2011

CASO MILANESE: MANTINI, VOTO DI CASTA, MARONI ESCE DISTRUTTO

CASO MILANESE: MANTINI, VOTO DI CASTA, MARONI ESCE DISTRUTTO =
MAGGIORANZA SENZA CREDIBILITA' SI ARROCCA DISPERATAMENTE

Roma, 22 set. (Adnkronos) - "L'Udc ha esaminato con molta
prudenza le carte del caso Milanese e in tutta coscienza non abbiamo
trovato elementi di persecuzione che giustificassero il rigetto della
domanda del giudice. Il voto e' stato l'espressione dell'arroccamento
disperato di una maggioranza priva di credibilita' e impaurita dalle
divisioni e dai ricatti interni. E' stato in sostanza un voto di casta
che frena il cambiamento necessario per un governo di responsabilita'
nazionale in grado di far fronte alla crisi e di conciliare il Paese.
La credibilita' di Maroni, come alfiere della legalita', ne esce
distrutta". Pierluigi Mantini, capogruppo Udc nella Giunta per le
Autorizzazioni della Camera, commenta con queste parole il voto con
cui l'aula ha respinto la richiesta di arresto per il deputato del
Pdl.

(Pol/Ct/Adnkronos)

Nessun commento:

Posta un commento