Translate

giovedì 23 febbraio 2012

PENSIONI. PANTALEO: GOVERNO NON FA NULLA, PRONTI AD AZIONI LEGALI


PENSIONI. PANTALEO: GOVERNO NON FA NULLA, PRONTI AD AZIONI LEGALI


(DIRE) Roma, 23 feb. - "Le stesse forze politiche del
centro-destra che hanno impoverito e attaccato pesantemente la
dignita' dei lavoratori pubblici hanno impedito l'approvazione
dell'emendamento che avrebbe permesso ai lavoratori esodati e ai
nati nel 1952 e anche del 1951 di accedere al pensionamento dal 1
settembre 2012 con le vecchie regole. Il governo Monti non assume
alcuna iniziativa per cambiare una riforma sbagliata e
ingestibile". Lo sottolinea Mimmo Pantaleo, segretario generale
della FLC CGIL, per il quale "siamo di fronte ad una palese
ingiustizia perche' non e' stata prevista la necessaria
gradualita' nel superamento delle quote. Il risultato sara' che
quei lavoratori dovranno aspettare oltre 6 anni per andare in
pensione e con rendimenti sempre piu'' bassi per effetto del
passaggio al sistema contributivo. Peraltro si blocchera' il turn
over a danno dei precari che secondo le nuove norme andranno in
pensione a 70 anni e con misere pensioni. Non e' stato approvato
nemmeno l'emendamento al milleproghe che prevedeva la necessita'
per scuola e Afam di tener conto dell'anno scolastico e
accademico per la maturazione del pensionamento con le norme
previgenti la riforma Fornero. La verita' e' che il governo Monti
colpisce solo i diritti dei lavoratori, precari e pensionati. Per
questa ragione- conclude- mobiliteremo i lavoratori e stiamo
valutando tutte le iniziative possibili anche sul versante
legale".

(Com/Tar/ Dire)
12:23 23-02-12

NNNN

Nessun commento:

Posta un commento