Translate

lunedì 19 febbraio 2018

Francia:tam tam sui social per lettera soldato Grande Guerra



LUNEDÌ 19 FEBBRAIO 2018 13.52.13
POLIZIA

Francia:tam tam sui social per lettera soldato Grande Guerra

ZCZC3602/SXB OPR99069_SXB_QBXB R EST S0B QBXB Francia:tam tam sui social per lettera soldato Grande Guerra Polizia lancia indagine pubblica consegnarla al destinario (ANSA) - PARIGI, 19 FEB - La Polizia francese ha lanciato una sorta di 'indagine pubblica' sui social network in seguito al ritrovamento in un appartamento di Marsiglia dell'ultima commovente lettera di un sergente morto durante la Prima Guerra Mondiale che ora si spera di poter restituire al suo destinatario o perlomeno ai suoi discendenti. Nella missiva, datata 27 maggio 1915, il soldato Jean Soulagnes, scrive a colui che definisce il suo "unico amico", Jean Audiffen, dalle trincee nel nord della Francia. "Mio caro Jean, conosco la sua bonta' d'animo e sono qui a lanciarle un appello supremo: so che non rifiuterete il penoso servizio, in caso di evento grave, di avvertire la mia famiglia e la mia fidanzata, dicendo loro, che, prima di morire, ho dato la vita per questo mio Paese, e la mia anima pensa a loro". Secondo quanto scoperto negli archivi storici della Francia, Soulagnes morira' appena pochi giorni dopo al fronte come tanti giovani tragicamente caduti per la Patria. Cosi', l'idea della Polizia marsigliese di lanciare la 'caccia' al destinatario attraverso i social network. Un'iniziativa a cui hanno, negli ultimi giorni, hanno aderito tanti francesi, incluso appassionati di storia e di genealogia. "Ci siamo detti che sarebbe stato bello restituirla al suo legittimo proprietario", ha spiegato il maggiore Arnaud Louis,responsabile comunicazione della Police Nationale nel dipartimento delle Bouches-du-Rhone, aggiungendo che in meno di 48 ore "abbiamo ricevuto decine di elementi concreti", "senza contare le migliaia di messaggi di sostegno". Intanto, grazie al tam tam dei social, sono stati ritrovati i discendenti di Soulagnes, il militare morto. Ora la speranza e' trovare anche "l'amico Jean" o perlomeno i suoi familiari per accertarsi che quell'estremo messaggio giunga finalmente a destinazione. (ANSA) Z04 19-FEB-18 13:51 NNNN 

Nessun commento:

Posta un commento