Translate

venerdì 4 maggio 2018

Gestosi, un nuovo esame sangue la puo' prevedere


VENERDÌ 04 MAGGIO 2018 10.08.43 
SALUTE

Gestosi, un nuovo esame sangue la puo' prevedere 

ZCZC1186/SXB XAI77879_SXB_QBXB R EST S0B QBXB Gestosi, un nuovo esame sangue la puo' prevedere Creato e sperimentato in Australia sta dando ottimi risultati (ANSA) - SYDNEY, 4 MAG - Un esame del sangue puo' prevedere chi potra' soffrire in gravidanza di gestosi (o preeclampsia) condizione correlata all'aumento della pressione sanguigna e delle proteine nelle urine della madre e potenzialmente letale sia per la donna sia per il feto. Il test e' stato introdotto al 'Royal Women's Hospital' di Melbourne, dove e' stato messo a punto e misura due proteine che vengono rilasciate dalla placenta e si trovano a livelli anormali nelle donne che svilupperanno la sindrome. "E' un ottimo test predittivo per indicare chi potra' contrarre preeclampsia durante le fasi avanzate della gravidanza", ha detto Shaun Brennecke, direttore del centro per la gravidanza dell'ospedale stesso, alla radio nazionale Abc. "Se e' positivo - ha aggiunto - intensifichiamo la vigilanza in modo ed essere in grado di avviare terapie mediche che possono migliorare l'esito per la madre e per il bebe'". La preeclampsia, che colpisce una donna incinta su 20, puo' causare danni a cervello, fegato e reni. Puo' colpire la placenta e ridurre l'erogazione di ossigeno e di nutrimento del feto, portando a una crescita piu' lenta nell'utero, una nascita prematura e in alcuni casi la morte. Compare, generalmente in modo improvviso, nella seconda parte della gestazione, e per evitare danni, anche seri, e' fondamentale diagnosticarla per tempo. Al momento non c'e' ancora una cura. "L'unica cosa che possiamo fare - ha concluso l'esperto - e' mettere fine alla gestazione anticipando il parto, anche se mancano ancora molte settimane al pieno termine, nel qual caso tale prematurita' puo' avere implicazioni significative per la salute di lungo termine del neonato".(ANSA). XMC 04-MAG-18 10:07 NNNN 

Nessun commento:

Posta un commento