Translate

mercoledì 7 novembre 2012

NAPOLITANO, FORZE ARMATE PRESIDIO PACE, SICUREZZA E DIRITTI








A 63 anni voglio vedere quale "presidio di pace, sicurezza e diritti" potranno essere

NAPOLITANO, FORZE ARMATE PRESIDIO PACE, SICUREZZA E DIRITTI
REALIZZARE ASSETTI SOVRANAZIONALI PER RISPONDERE A SFIDE SECOLO
(ANSA) - ROMA, 7 NOV - Le forze armate concorrono ''al
presidio della cooperazione tra i popoli, alla salvaguardia
della sicurezza e della pace, alla promozione dei diritti
dell'uomo'' nei teatri di crisi: cosi' il presidente della
Repubblica, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato in
occasione della Giornata delle Associazioni d'Arma al Presidente
del Consiglio nazionale permanente delle Associazioni d'Arma,
gen. Mario Buscemi.
Nel messaggio, il capo dello Stato rivolge il suo ''deferente
pensiero a tutti i militari che, operando con onore ed
abnegazione, sono caduti nell'assolvimento del proprio dovere.
La meritoria opera delle Associazioni d'Arma, da sempre custodi
dei valori e delle tradizioni piu' nobili delle Istituzioni
militari italiane, e' tesa a trasmettere alle giovani
generazioni la memoria degli eventi che hanno portato l'Italia a
conquistare l'unita', la liberta' e la democrazia e del grande
contributo che, in tale difficile cammino, le Forze Armate hanno
generosamente e valorosamente offerto al Paese. Oggi, al
servizio della Comunita' internazionale, lo strumento militare
e' impegnato in special modo nei teatri di crisi per concorrere
al presidio della cooperazione tra i popoli, alla salvaguardia
della sicurezza e della pace, alla promozione dei diritti
dell'uomo. Le Associazioni d'Arma si facciano percio'
interpreti, nei confronti dei cittadini, anche di questo moderno
e fondamentale impegno delle Forze Armate e si adoperino
costantemente perche' il Paese ne comprenda pienamente la
rilevanza ai fini della progressiva realizzazione di assetti
istituzionali sovranazionali in grado di far fronte
efficacemente alle straordinarie sfide del XXI secolo''. (ANSA).

PH
07-NOV-12 10:10 NNNN
 

Nessun commento:

Posta un commento