Translate

mercoledì 2 aprile 2014

Amianto: senatori, ora benefici previdenziali a marittimi


ZCZC2371/SXA
XPP09093
R POL S0A QBXB
Amianto: senatori, ora benefici previdenziali a marittimi

 (ANSA) - ROMA, 2 APR - Un'interrogazione sulla esposizione
all'amianto dei lavoratori marittimi, e' stata presentata dai
senatori del gruppo Misto Battista, Bencini, Bignami, Bocchino e
Campanella nella quale sottolineano come da anni si protrae la
questione del riconoscimento dei benefici previdenziali
derivanti dall'esposizione all'amianto per i lavoratori del
settore marittimo, senza giungere ad una soluzione definitiva.
 "La categoria - si legge nell' interrogazione al ministro del
Lavoro Poletti - e' vittima di una inaccettabile discriminazione
per quanto riguarda la concessione dei benefici di cui sopra per
l'esposizione a questa fibra killer e i lavoratori del settore
marittimo sono tra le categorie piu' colpite da patologie
asbesto-correlate, poiche' sono stati esposti per lunghi periodi
in ambienti con forte presenza di amianto".
 Dopo aver ricordato che l'avvio del procedimento di
accertamento dell'INAIL e' subordinato alla presentazione, da
parte del lavoratore interessato, del curriculum lavorativo, dal
quale risulti l'adibizione, in modo diretto ed abituale, ad una
delle attivita' lavorative comportanti l'esposizione all'amianto
gli interroganti al riguardo ricordano come proprio il
curriculum per i lavoratori del mare "e' un documento pressoche'
impossibile da produrre per l'alto numero di datori di lavoro
avuti in carriera". Anche se con una direttiva del ministero del
2009 si sono risolti in minima parte le problematiche connesse
alla certificazione, i senatori chiedono a Poletti se non
ritenga opportuno "individuare una tempestiva soluzione
all'incresciosa tematica del riconoscimento dei benefici
previdenziali per i lavoratori del settore marittimo esposti al
contatto con l'amianto, predisponendo un intervento legislativo
che consenta agli aventi diritto di avvalersi dell'estratto
matricolare rilasciato dalle Capitanerie di porto o dalle
competenti Direzioni provinciali del lavoro".(ANSA).

 BSA-COM
02-APR-14 12:05 NNNN



Nessun commento:

Posta un commento