Translate

martedì 21 febbraio 2017

Diabetologi, corruzione in sanita' assorbe 6 mld euro l'anno


Diabetologi, corruzione in sanita' assorbe 6 mld euro l'anno


ZCZC0807/SXB
XSP54025_SXB_QBXB
R CRO S0B QBXB
Diabetologi, corruzione in sanita' assorbe 6 mld euro l'anno
'Ripartire dalla formazione per contrastare fenomeno'
(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Ripartire dalla formazione per
contrastare la corruzione in sanita', ovvero un 'buco nero' che
assorbe ben 6 miliardi di euro annui, sottraendoli, di fatto, ai
pazienti. Se a questa cifra si aggiunge poi il costo per sprechi
e inefficienze, si raggiungono i 23 mld di euro secondo
un'elaborazione di Transparency International Italia. A
sensibilizzare medici e operatori, alla luce delle indicazioni
del Piano Nazionale Anticorruzione 2016, il convegno "L'etica
nella professione e nelle organizzazioni", organizzato
dall'Associazione Medici Diabetologi (AMD).
Sviluppare una maggiore consapevolezza etica tra i
professionisti della sanita' per assicurare piu' appropriatezza
delle cure e sostenibilita' economica e' un compito che, secondo
il nuovo Piano Anticorruzione, spetta anche alle societa'
scientifiche.
"Non tutte le decisioni mediche sono codificate - spiega
Maria Franca Mulas, coordinatrice Gruppo Diabetologia Misurata
di Amd - in alcuni casi ci sono aree grigie del processo
decisionale, situazioni in cui si deve far riferimento alla
propria discrezionalita', ad esempio nella scelta del farmaco piu'
appropriato o nel rapporto con le aziende farmaceutiche. In
questa situazione entra in gioco l'etica. Ma a volte,
inconsapevolezza e inerzia, contribuiscono alle storture del
sistema". Per questo, spiega la presidente Nicoletta Musacchio,
"la nostra associazione si sta adoperando per rendere piu'
trasparenti i comportamenti professionali dei propri iscritti".
L'etica in sanita', dichiara Francesco Bevere, direttore Agenas,
"impone la ricerca di un corretto equilibrio tra l'efficienza
delle risorse impiegate ed i risultati ottenuti in termini di
salute". Ma, sottolinea Lucia Borsellino, responsabile
coordinamento programmi di sviluppo e ricerca Agenas, "i valori
etici vanno espressi in pratiche che necessitano di approcci
metodologici omogenei e trasferibili". Per questo, conclude la
senatrice Nerina Dirindin (Pd), "affinche' l'etica diventi un
valore diffuso e concreto bisogna implementare azioni di
formazione tra i professionisti". (ANSA)
YQX-CR
21-FEB-17 13:02 NNNN