Translate

venerdì 21 settembre 2018

Spagna, ateneo nel mirino per titoli "fraudolenti" a 500 italiani





VENERDÌ 21 SETTEMBRE 2018 08.28.36
POLIZIASALUTE

Spagna, ateneo nel mirino per titoli "fraudolenti" a 500 italiani

Spagna, ateneo nel mirino per titoli "fraudolenti" a 500 italiani Oltre all'inchiesta penale, aperto anche fascicolo amministrativo Roma, 21 set. (askanews) - La validità dei titoli assegnati a qualcosa come di italiani da parte dell'Università Rey Juan Carlos di Madrid è finita sotto indagine dopo che è stata aperta anche un'inchiesta penale contro ignoti in relazione al numero anomalo di candidati arrivati dal Belpaese per ottenere l'abilitazione da avvocato in Spagna. Lo scrive Eldiario.es. Il governo iberico ha infatti presentato ricorso presso la Corte superiore di Madrid contro un provvedimento del ministero dell'Istruzione del precedente governo di centrodestra, guidato da Mariano Rajoy, sulla validazione dei titoli dell'ateneo. L'Università Rey Juan Carlos, dal canto suo, difende il valore dei suoi titoli. I fari sono stati accesi sull'ateneo, dopo che la procura di Madrid ha aperto un'indagine contro ignoti per appropriazione indebita e falsificazione dei titoli. L'inchiesta è partita nove mesi fa, quando un cittadino marocchino - scrive El Diario - richiese un numero sproporzionato di documenti per cittadini italiani. Questi italiani facevano viaggi-lampo in Spagna, appositamente per ottenere la registrazione all'Ordine degli Avvocati previo esame, magari accoppiandolo alla visione di una partita di calcio. L'abilitazione in Spagna consente di esercitare in tutta l'Unione europea. L'indagine riguarda l'Institute of Public Law (IDP) dell'università Juan Carlos, al centro di molteplici scandali politici. Infatti, diversi politici avrebbero ottenuto lauree in condizioni molto vantaggiose, e due di loro sono stati costretti a dimettersi: il Presidente conservatore di Madrid Cristina Cifuentes ad aprile e il ministro della salute socialista Carmen Monton a settembre. Il caso ha colpito anche il leader dell'opposizione di destra Pablo Casado. Erano studenti di giurisprudenza che viaggiavano a Madrid, a volte in viaggi fulminei in cui hanno approfittato per partecipare al calcio. La polizia ha raccolto indicazioni che in questi viaggi hanno gestito una convalida dei loro corsi in Italia e svolto l'esame necessario prima della registrazione presso l'Ordine degli avvocati. L'Ordine degli Avvocati di Madrid, dal canto suo, ha chiarito che, pur avendo concesso le abilitazioni agli avvocati italiani perché tutto era in regola, avendo appreso di possiibli irregolarità sta verificando la posizione degli iscritti italiani. Mos 20180921T082827Z

Nessun commento:

Posta un commento