Translate

lunedì 19 novembre 2018

CARCERI: SAPPE, A TRANI DETENUTO MANDA AGENTE IN INFERMERIA, VIOLENZA HA PRESO PIEDE =


LUNEDÌ 19 NOVEMBRE 2018 17.00.30
POLIZIASICUREZZA

CARCERI: SAPPE, A TRANI DETENUTO MANDA AGENTE IN INFERMERIA, VIOLENZA HA PRESO PIEDE =

Trani, 19 nov. (Adnkronos) - "Non si ferma la scia di violenza all'interno del carcere di Trani dove nella mattinata di ieri 18 Novembre, un detenuto di circa 27 anni di San Severo in carcere per reati comuni, senza alcuna motivazione ha prima aggredito verbalmente con insulti e minacce un poliziotto, e poi, colpendolo con schiaffi e pugni, lo ha  fatto  cadere  malamente per terra". La denuncia è del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe). Fortunatamente il poliziotto di servizio nell'altra sezione è accorso in aiuto al collega in difficoltà , evitando danni ancora più gravi. "Il poliziotto - riferisce il Sappe - è stato accompagnato nell'infermeria dove è stato medicato ed accompagnato presso la propria abitazione con alcuni giorni di prognosi. Purtroppo dobbiamo constatare che nel carcere di Trani la violenza e le aggressioni hanno preso piede pesantemente, e ciò la dice lunga sullo stato delle carceri pugliesi diventate ormai un contenitore di violenza e degrado. Ormai la prepotenza, l'arroganza, l'insofferenza dei detenuti al rispetto delle norme che regolano la vita all'interno delle carceri diventa sempre più evidente e preoccupante, e nonostante ciò non si prendono provvedimenti. Anzi nonostante questi episodi di violenza, a cui sono soggetti i poliziotti avvengano con sempre più frequenza - continua il sindacato - ci viene riferito dai lavoratori che i vertici del carcere, invece di prendere provvedimenti adeguati che riportino la legalità ed il rispetto delle regole e delle persone da parte dei detenuti, nonché un minimo di sicurezza per i poliziotti in servizio, non lesinano attenzioni alla popolazione detenuta 'viziata' con sempre più corsi di tutti i generi, concessioni varie, pasticcini, torroni a volontà ecc.ecc". Il Sappe precisa che "non è certamente contrario alle attività di rieducazione dei detenuti previste finanche dalla Costituzione Italiana ma ritiene che tali attività dovrebbero essere sospese, immediatamente, in presenza di avvenimenti di violenza gratuita contro altri detenuti, o contro i poliziotti". (Pas/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 19-NOV-18 17:00 NNNN

Nessun commento:

Posta un commento