Translate

sabato 26 ottobre 2019

= IL PUNTO = Cile: un milione a Santiago, Pinera promette svolta =


SABATO 26 OTTOBRE 2019 19.07.00

= IL PUNTO = Cile: un milione a Santiago, Pinera promette svolta =

(AGI) - Santiago del Cile, 26 ott. - Oltre un milione di persone nelle strade di Santiago del Cile, lo Stato d'emergenza revocato e il coprifuoco sospeso, il presidente Sebastian Pinera che annuncia un vasto rimpasto di governo. Il Cile sta voltando pagina: un processo che Pinera sta cercando di gestire dal Palazzo della Moneda evitando ulteriori scosse, tentando di abbassare la temperatura politica del Paese e togliendo l'esercito dalle strade, che a troppi ricordavano gli anni bui della dittatura Pinochet. "Abbiamo tutti recepito il messaggio. Siamo tutti cambiati e con l'aiuto di Dio prenderemo una strada verso un Cile migliore per tutti", si e' affrettato a scrivere su Twitter il capo dello Stato dopo quella che si ritiene essere stata la piu' grande manifestazione del Paese, con un immenso fiume umano che ha inondato le strade di Santiago del Cile alla fine di una settimana di proteste - a tratti anche molto violente - contro le diseguaglianze, il carovita, la corruzione, significativamente iniziata a causa dell'aumento del prezzo dei biglietti del trasporto pubblico. E' stato "un giorno storico", ha twittato dal canto suo la governatrice di Santiago, Karla Rubilar, commentando la marcia del milione nelle vie della capitale, pari al 5% della popolazione totale dello Stato. Nel corso delle proteste di questa settimana i violenti scontri con le forze dell'ordine e i disordini avevano fatto temere un avvitamento della crisi verso esiti imprevedibile: il bilancio e' di 19 morti e centinaia di feriti, oltre 7.000 arresti nonche' danni all'economia cilena stimati in almeno 1,4 miliardi di dollari. Nei "giorni dell'ira" sono state devastate diverse stazioni della metropolitana, assaltati alcuni supermercati e incendiati negozi, mentre sulle strade anche le barricate sono state messe a fuoco. Secondo l'Istituto nazionale per i diritti umani, dall'inizio delle protese i feriti sono almeno 580, di cui 245 colpiti da spari di armi da fuoco, i soldati e gli agenti di polizia mandati nelle strade oltre 20 mila. (AGI) Rbr (Segue) 261906 OTT 19 NNNN   

Nessun commento:

Posta un commento