Translate

lunedì 26 settembre 2016

RIFORME. FO: 'NAPULITAN ACCOMBINI NU SACC DE ENFAMETÀ, FATTE EN LÀ'





RIFORME. FO: 'NAPULITAN ACCOMBINI NU SACC DE ENFAMETÀ, FATTE EN LÀ'
(DIRE) Roma, 26 set. - "Ohhh, finalmente la legge" elettorale "e'
passata ma diverra' attiva con estrema calma: entrera' in vigore
solo dopo un anno e tre mesi, nel luglio del 2016, cioe' adesso.
Contenti? Perche' cosi' tardi? Intanto perche' cosi' e'
impossibile andare a votare prima e poi perche' c'e' da fare la
riforma costituzionale chiesta a gran voce dal Presidente
Napolitano. Napulitan... Tu si' n'atra vota acca'! Co lu bastone
en mano, che sbatti acca' e la' e accombini nu sacc de enfameta'.
Napulitan pe' favore, fatte en la'!". Cosi' Dario Fo in un
passaggio del lungo monologo pubblicato sul blog di Beppe Grillo
dal titolo 'Italicum: una legge a tripla mandata'.
"Ma attenti a tutti- prosegue-, questa non e' una riformetta o
una riformina, ma una catastrofe che stravolge un terzo della
carta del '48, sempre a opera di un parlamento che guardacaso non
discende dalla Luna ma da quel porcellum grasso e pulzulente.
Cosi' hanno sistemato bene bene la Camera e pure il Senato, che
non sara' piu' elettivo. Naturalmente il giochino funziona solo
se la riforma passera' indenne dal referendum, che continua ad
essere a data ignota, circostanza che evidentemente viene data
per scontata, con scarso rispetto per i cittadini cui spetta
l'ultima parola. Ma cittadini, che vulite, anco', gia' ve se
lascia respira' dallu naso e dalla bocca. Quindi pe favore
stateve boni!".
(Vid/ Dire)
11:26 26-09-16
NNNN