Translate

sabato 26 agosto 2017

ANSA-FOCUS/ La Roma "occupata", 15 edifici a rischio sgombero


ANSA-FOCUS/ La Roma "occupata", 15 edifici a rischio sgombero


ZCZC3785/SXA
XRM20116_SXA_QBXB
R CRO S0A QBXB
>ANSA-FOCUS/ La Roma "occupata", 15 edifici a rischio sgombero
Piano Tronca prevedeva "prima case poi liberate edifici"
(di Emanuela De Crescenzo)
(ANSA) - ROMA, 26 AGO - Dopo quello di via Curtatone sono 15
le occupazioni a Roma ora a rischio sgombero. Ad indicarle fu
sedici mesi fa il commissario prefettizio di Roma Capitale
Francesco Paolo Tronca che fotografo' la situazione delle
occupazioni romane nella delibera "Piano di attuazione del
programma regionale per l'emergenza abitativa per Roma
Capitale". Il documento conteneva l'elenco dei 16 edifici
occupati da liberare in via prioritaria, tra questi quello di
via Curtatone, ed una lista piu' ampia di 74 stabili occupati.
A distanza di oltre un anno la situazione delle occupazioni e'
peggiorata visto che ieri la sindaca di Roma Virginia Raggi ha
parlato di "un centinaio di stabili occupati abusivamente che -
e' inutile nasconderlo - attirano l'attenzione della criminalita'
e di alcune frange estremiste dei Movimenti per la casa".
La delibera di Tronca prevedeva inoltre che "le occupazioni
verranno liberate man mano che si renderanno disponibili gli
alloggi per l'emergenza abitativa da assegnare sulla base del
bando speciale", un'indicazione che dovrebbe essere ora
contenuta nelle linee guide indicate da Minniti per evitare
situazioni come quelle dopo lo sgombero di via Curtatone.
In pole position nella lista dei 15 a rischio sgombero c'e' lo
stabile di via Carlo Felice, a pochi passi dalla Basilica di San
Giovanni, un intero palazzo di proprieta' della Banca d'Italia
rimasto libero per alcuni anni ed occupato nel 2003 da Action.
E' la residenza da piu' di un decennio di oltre 40 famiglie,
stranieri e non, che mandano i loro figli regolarmente a scuola,
ed e' sede del centro sociale Sans Papiers; nell'ottobre del 2014
in quell'edificio una donna marocchina accoltello' i suoi 3 figli
e si impicco'.
E questa non e' l'unica occupazione nel centro della Capitale.
Due sono a pochi passi dalla citta' universitaria: in viale del
Policlinico in un palazzo dell'Atac dal 2010 vivono 50 famiglie,
mentre in viale delle Province, in due palazzi dell'Inps, ex
Inpdai, da cinque anni ci sono 150 migranti.
Le altre "emergenze" della lista Tronca si trovano in
periferia: in via Gian Maria Volonte', ovvero a Porta di Roma,
occupata nel 2007 da "famiglie e precari"; due in via Tiburtina
ai civici, in via Prenestina, via Collatina, residenza di oltre
400 tra eritrei e etiopici; in via Tuscolana ; in via del
Caravaggio nella zona di Tor Marancia, dal 2013 italiani e
stranieri vivono in due grandi edifici prima utilizzati come
uffici della Regione Lazio; nell'ex scuola via dell'Impruneta
alla Magliana ci sono italiani ed immigrati; in via
Torrevecchia, ed ancora in via Cardinal Capranica a Primavalle,
in via Tor de Schiavi e in via Caglieri alla Romanina, piu' noto
come Salaam Palace dove anche qui l'occupazione supera i dieci
anni di vita.
Una citta' parallela di migliaia di persone - le stime non
ufficiali parlano di oltre 5000 - in cerca di un vero alloggio.
(ANSA).
DE
26-AGO-17 18:06 NNNN    

Nessun commento:

Posta un commento