Translate

mercoledì 9 maggio 2018

Usa, Fbi ha interrogato oligarca russo su denaro a legale di Trump

MERCOLEDÌ 09 MAGGIO 2018 11.48.22

Usa, Fbi ha interrogato oligarca russo su denaro a legale di Trump 

 Usa, Fbi ha interrogato oligarca russo su denaro a legale di Trump Lo afferma la Cnn, sotto torchio Viktor Vekselberg New York, 9 mag. (askanews) - Gli agenti dell'Fbi che indagano sull'ingerenza di Mosca nelle presidenziali americane del 2016 hanno interrogato un oligarca russo a proposito di pagamenti da centinaia di migliaia di dollari all'avvocato di Donald Trump, scrivono i media Usa. Sotto torchio è finito Viktor Vekselberg, patron del gruppo Renova, afferma la Cnn. Il suo nome è nella lista di sette oligarchi vicini al Cremlino oggetto delle sanzioni decise a inizio aprile da Washington, che li accusa di aver partecipato agli "attacchi" di Mosca contro le "democrazie occidentali". Anche il cugino Andrew Intrater, che guida la filiale americana di Renova, Columbus Nova, è stato interrogato dall'Fbi. I versamenti a Michael Cohen sarebbero stati effettuati dopo l'elezione vinta a novembre 2016 dal miliardario. Cohen è sottoposto a un'indagine federale e fino a qualche settimana fa era ancora il legale personale del presidente Usa. Ieri l'avvocato dell'attrice porno Stormy Daniels, Michael Avenatti, ha pubblicato un rapporto del suo ufficio secondo cui Vekselberg e il cugino avrebbero versato "circa 500mila dollari" a Cohen in otto tranche. "Inspiegabilmente Cohen ha accettato i versamenti mentre era l'avvocato personale del presidente" scrive Avenatti. Il New York Times e NBC News hanno affermato di aver trovato conferma delle rivelazioni di Avenatti nei documenti finanziari che hanno potuto consultare. (Segue) Bea 20180509T114813Z




MERCOLEDÌ 09 MAGGIO 2018 11.48.28

Usa, Fbi ha interrogato oligarca russo su denaro a legale di Trump -2- 

 Usa, Fbi ha interrogato oligarca russo su denaro a legale di Trump -2- New York, 9 mag. (askanews) - Stormy Daniels, il cui vero nome è Stephanie Clifford, ha intascato 130mila dollari da Cohen in cambio del suo silenzio su una presunta relazione con Donald Trump risalente a oltre dieci anni fa. Il versamento sarebbe stato effettuato attraverso una società di consulenza, Essential Consultants, fondata da Cohen. Vari grandi gruppi hanno fatto ricorso alla stessa società. Anche l'operatore tlc AT&T, alla cui fusione con Time Warner l'amministrazione Trump si oppone, ha ammesso ieri di aver versato una grossa somma (si parla di 200mila dollari) a Essential Consultants per avere una "percezione" dall'interno del funzionamento dell'amministrazione. (fonte Afp) Bea 20180509T114820Z

Nessun commento:

Posta un commento