Translate

giovedì 6 settembre 2018

Inps, Boeri: da stop Privacy su visite fiscali perdita 4 mln anno


GIOVEDÌ 06 SETTEMBRE 2018 10.17.41

*Inps, Boeri: da stop Privacy su visite fiscali perdita 4 mln anno

*Inps, Boeri: da stop Privacy su visite fiscali perdita 4 mln anno Si è ridotta del 26,8% la capacità di scovare i furbetti Roma, 6 set. (askanews) - La sospensione del sistema di data mining Savio, utilizzato dall'Inps per ottimizzare l'assegnazione delle visite di controllo sui dipendenti in malattia, ha comportato una "perdita" per le casse dell'Istituto di circa 335.000 euro al mese. Su base annua la perdita potrebbe arrivare a quota 4 milioni di euro. Lo ha detto il presidente dell'Inps, Tito Boeri, in un'audizione al Senato ricordando che il Garante per la protezione dei dati personali ha chiesto la sospensione dell'attività di data mining e avviato un procedimento sanzionatorio nei confronti dell'Istituto per la violazione di più norme vigenti a tutela della riservatezza dei dati personali. Il 14 marzo 2018, l'Istituto aveva sospeso, su consiglio dello stesso Garante l'utilizzo del data mining-Savio e la sua graduale estensione al settore pubblico. L'abbandono del modello statistico per la selezione dei certificati da sottoporre a controllo "ha ridotto fortemente la capacità delle visite fiscali di individuare casi di assenza ingiustificata alla visita del medico (-26,8%)", ha spiegato Boeri. "Gli effetti sono più forti al Sud che nel resto del Paese. Qualora la riduzione riscontrata fosse confermata anche nei mesi a venire, la perdita per le casse dell'Inps sarebbe superiore ai 4 milioni di euro su base annua", ha aggiunto. In termini percentuali, "si tratta di una riduzione di quasi un quarto delle somme recuperate dall'Istituto a seguito delle visite di controllo d'ufficio nel settore privato (pari a 17.803.037 euro nel 2017). A queste spese vanno poi aggiunti gli oneri legati alle contribuzioni figurative accreditate ai dipendenti in malattia. Si noti che tutte queste spese aggiuntive sono imputabili proprio alla sospensione (sono un effetto causale della stessa) essendo che la decisione di sospendere il modello Savio non era attesa e quindi può essere considerata come indipendente dai comportamenti dei lavoratori e dei medici fiscali", ha concluso. Mlp 20180906T101731Z

GIOVEDÌ 06 SETTEMBRE 2018 10.24.38

Inps, Boeri: da stop Privacy su visite fiscali perdita 4 mln anno -2-

Inps, Boeri: da stop Privacy su visite fiscali perdita 4 mln anno -2- Senza Savio impossibile raggiungere obiettivi risparmio per 2018 Roma, 6 set. (askanews) - Dopo l'intervento del Garante si è assistito "a una riduzione del 39,5% delle visite fiscali che riscontrano idoneità al lavoro e prevedono una riduzione della prognosi, e ad una riduzione del 74,5% dei casi in cui si pone un limite inderogabile alla durata della malattia (idoneità con conferma della prognosi)", ha aggiunto Boeri. Inoltre, secondo il presidente dell'Inps, non si è tenuto conto degli effetti che la sospensione del metodo "sin qui seguito dall'Inps potrebbe avere sul comportamento dei dipendenti pubblici". L'avvio del polo unico, con il coinvolgimento dell'Inps nelle visite d'ufficio nel comparto pubblico, "aveva portato ad una forte riduzione delle assenze per malattia nel settore pubblico (-13,1% nei primi 4 mesi, contro ad una riduzione del 2% nel settore privato)". I primi riscontri di cui l'Istituto è a disposizione segnalano un "forte indebolimento" di questo effetto deterrente nei mesi successivi al 15 marzo 2018. L'utilizzo del modello Savio ha consentito finora di "evitare indebite erogazioni per malattia stimate in quasi 20 milioni di euro all'anno", è il calcolo di Boeri che ha avvertito: "siamo quindi convinti e preoccupati che senza l'aiuto del data mining sia veramente difficile, se non impossibile, raggiungere gli obiettivi di risparmio stabiliti dall'istituto per il 2018(23.720.409 euro)". Mlp 20180906T102433Z

Nessun commento:

Posta un commento