Translate

sabato 17 novembre 2012

CRISI:SPAGNA; 8.000 POLIZIOTTI IN PIAZZA CONTRO TAGLI SALARI




CRISI:SPAGNA; 8.000 POLIZIOTTI IN PIAZZA CONTRO TAGLI SALARI
SINDACATO CONVOCA PROTESTA; 'DA POLITICI SOLO DISPREZZO', DICE
(ANSA) - MADRID, 17 NOV - Al grido di "Lavora per quanto ti
pagano, lavora per come ti trattano", circa 8.000 agenti delle
forze di polizia provenienti da tutta la Spagna hanno
manifestato oggi a Madrid contro la riduzione dei salari e il
taglio della tredicesima, approvati dal governo per i dipendenti
pubblici.
Convocata fra gli altri dal Sindacato unificato di Polizia
(Sup), il maggiore della categoria, dai sindacati delle polizie
regionali basca e catalana e da piattaforme della Guardia
Civile, la protesta e' sfilata a partire da mezzogiorno dalla
sede della Direzione generale di polizia in una marcia
conclusasi davanti la sede del ministero degli Interni.
"Mancanza di ogni tipo di mezzi, tre anni di congelamento
salariale, una riduzione del 5% degli stipendi e il taglio della
tredicesima: un poliziotto che si gioca la vita e lavora spesso
lontano dalla sua citta' non guadagna piu' di 1.300 euro al
mese, con cui deve mantenere tutta la famiglia", Š tuonato il
segretario generale del Sup, Jose' Sanchez Fornet, davanti la
sede del ministero. Fornet ha denunciato anche la copertura
giuridica "inesistente" per gli addetti alle forze dell'ordine e
il "disprezzo" nei confronti della categoria. Disprezzo che ha
"ha messo d'accordo i governi del Pp e del Psoe", ha detto,
definendo i politici una "casta politica corrotta e
parassitaria" e "agenzia di collocamento di familiari e amici
nelle pubbliche amministrazioni".
I manifestanti delle forze dell'ordine, arrivati a Madrid da
varie citta' spagnole a bordo di un centinaio di autobus, si
oppongono all'amnistia fiscale e alla riforma della legge sul
personale, annunciata dall'esecutivo, che rischia di penalizzare
ulteriormente la categoria. In testa alla marcia di protesta, il
piu' veterano del corpo di polizia sulla sedia a rotelle, il
commissario onorario Severino Amaiz, che ha compiuto il 6
novembre scorso 101 anni, arrestato e incarcerato dopo la Guerra
Civile, costretto all'esilio in Francia per quasi 40 anni.
(ANSA).

YK8-GV
17-NOV-12 16:22 NNNN

Nessun commento:

Posta un commento