Translate

lunedì 27 marzo 2017

ANNIVERSARI/ NEL 1953 IL VACCINO CONTRO LA POLIOMIELITE





9CO757865 4 CRO ITA R01
ANNIVERSARI/ NEL 1953 IL VACCINO CONTRO LA POLIOMIELITE
(9Colonne) Roma, 27 mar - Il 26 marzo 1953 il virologo americano Jonas Salk annuncia alla radio Cbs che ha testato con successo un vaccino contro la poliomielite, il virus che colpisce il sistema nervoso causando vari stadi di paralisi e che fino ad allora si era combattuto con l'arma smussata della quarantena. L'annuncio trasforma Salk in una celebrità. La malattia, detta anche "paralisi infantile" per l'incidenza maggiore tra i bambini, l'anno precedente aveva nuovamente colpito a livello epidemico negli Stati Uniti con 58mila casi, dei quali 3mila mortali e fin dai primi decenni dell'Ottocento aveva mietuto un numero impressionante di vittime. Tra quelle illustri anche il presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt, che nel 1921, a 39 anni, venne colpito dal virus, rimanendo parzialmente paralizzato e diventando poi uno dei maggiori sostenitori della lotta alla malattia (trasformando anche la sua tenuta di Warm Springs, in Georgia, in un centro di recupero). Salk, che aveva 39 anni, da sei anni si occupava di studi sulla poliomielite presso l'Università di Pittsburgh e aveva testato gli effetti del vaccino anche su se stesso. Dal 1954 iniziò ad essere sperimentato su due milioni di volontari. Nell'aprile 1955 l'annuncio ufficiale del vaccino ed il via alla campagna di vaccinazione a livello nazionale. Nel 1962 arriverà un nuovo vaccino somministrabile oralmente sviluppato dal ricercatore americano di origine polacche Albert Sabin. Jonas Salk, scomparso nel 1995, nel 1977 riceverà per la sua scoperta la medaglia presidenziale della libertà.
(red)
270832 MAR 17