Translate

giovedì 15 novembre 2018

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo




GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE 2018 18.20.59
POLIZIA

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo Movimento spontaneo di automobilisti cresciuto in poche settimane Parigi, 15 nov. (askanews) - Riusciranno a paralizzare la Francia? I "gilet gialli", il movimento spontaneo degli automobilisti francesi vessati, hanno lanciato un appello a bloccare strade e snodi nevralgici in tutto il Paese in una "mobilitazione generale" conetro l'aumento dei prezzi dei carburanti, che fa paura al governo. Preso in contropiede da un movimento che in qualche settimana ha invaso si social network, fuori da qualunque inquadramento sindacale o politico, l'esecutivo ha cercato di disinnescarlo. "Che i nostri concittadini, che ritengono di non essere ascoltati, di non essere considerati oggi, si esprimano e lo dicano, va rispettato va ascoltato" ha detto ieri il presidente Emmanuel Macron, sottolineando però la sua "diffidenza" verso i tentativi di affiliazione politica. Il premier Edouard Philippe ha annunciato misure "di accompagnamento" per attenuare il rialzo dei prezzi dell'energia, mentre il ministro degli Interni Christophe Castaner ha invece giocato la carta dellla fermezza affermando che non sarà tollerato alcun "blocco totale". Annuncio senza effetti concreti per ora: sabato sono attese in tutto il Paese 1.500 manifestazioni e solo "poco più di un centinaio" sono state regolarmente dichiarate, ha detto una fonte di polizia. (Segue) Bea 20181115T182114Z
GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE 2018 18.21.11

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo -2-

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo -2- Parigi, 15 nov. (askanews) - Le proteste mirano a bloccare l'accesso alle città, le circonvallazioni e i grandi assi stradali (caselli austostradali, i tunnel di Monte Bianco e Fréjus), aeroporti (Marsiglia, Bordeaux, Tolosa, Beauvais...), depositi e raffinerie di carburanti (Donges, Fos-sur-Mer, Feyzin...). Un'"operazione lumaca" dovrebbe svogersi sull'anello stradale che circonda Parigi prima di puntare sull'Eliseo. "Non is pensa alle persone che vivono in periferia, in provincia, nelle aree rurali (...). Si dice loro di trovare altri mezzi di trasporto, ma la realtà è diversa. Non hanno altra scelta se non pagare" ha spiegato Priscillia Ludosky, all'orgine di una petizione per ridurre i prezzi della benzina alla pompa che oggi ha raccolto oltre 850.000 firme. Con il passare dei giorni, l'opposizione all'aumento dei carburanti, prima rivendicazione, si è allargata a una contestazione più ampia delle politiche del governo e in particolare sulle imposte che gravano sul potere d'acquisto. "Occorrerà battersi il 17 novembre in modo che noi cittadini possiamo dire la nostra in futuro su ciò che accadrà in Francia: tasse, leggi, gestione del governo", ha detto questa settimana su Facebook Eric Drouet, camionista che ha lanciato la mobilitazione. L'appello a un "blocco nazionale contro l'aumento dei carburanti" che ha lanciato a ottobre su Facebook è stata declinanto in numerosi gruppi locali, al punto che Gilet giallo fluoroscente sono fioriti sotto i parabrezza in segno di appartenenza a un movimento mutevole. (Segue) Bea 20181115T182127Z
GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE 2018 18.21.23

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo -3-

"Gilet gialli" promettono di bloccare Francia sabato contro governo -3- Parigi, 15 nov. (askanews) - L'improvvisa vastità della protesta spontanea ha sconcertato la politica. "Anche se è irrazionale, è reale" ha detto Castaner. Se ha confermato "la libertà di manifestare", il governo ha moltiplicato gli avvertimenti. "La legge sarà applicata" ha detto Philippe e le forze dell'ordine interverranno per levare i blocchi, ha preannunciato Castaner, esotrando gli organizzatori alla "responsabilità". "Trenta unità di forze mobili (circa 3.000 uomini) sono messe a disposizione dei prefetti per intervenire per rafforzare il consueto numero di poliziotti e di gendarmi", precisano al ministero dell'Interno. (fonte Afp) Bea 20181115T182140Z

Nessun commento:

Posta un commento