Translate

martedì 7 febbraio 2017

INTERNET. M5S: CRESCONO INTERNAUTI MA GOVERNO TAGLIA POLIZIA POSTALE









INTERNET. M5S: CRESCONO INTERNAUTI MA GOVERNO TAGLIA POLIZIA POSTALE
 (DIRE) Roma, 7 feb. - "Dopo aver letto le classifiche dei tagli
 al personale della polizia postale, pubblicate sui giornali,
 chiediamo al Governo di tutelare concretamente i ragazzi vittime
 di cyberbullismo e non solo a parole, con titoli sui giornali e
 su Leggi-spot con scarsi contenuti". A chiederlo sono i senatori
 del M5S Serra, Donno, Blundo, Montevecchi, Endrizzi e Morra
 ricordando che "proprio oggi, in occasione dell'Internet Safer
 Day, in tutte le province la polizia Postale sara' nelle scuole e
 che i poliziotti a cui oggi si chiede di svolgere anche questo
 servizio, domani non potranno piu' a causa dei tagli progressivi
 alle sedi ed al personale in tutte le regioni".
 "Il Safer Internet Day (SID)- spiegano- e' un evento annuale,
 organizzato da INSAFE e INHOPE con il supporto della Commissione
 Europea nel mese di febbraio, al fine di promuovere un uso piu'
 sicuro e responsabile del web e delle nuove tecnologie, in
 particolare tra i bambini e i giovani di tutto il mondo. Nel
 corso degli anni, il Safer Internet Day (SID) e' diventato un
 evento di riferimento per tutti gli operatori del settore, le
 istituzioni le organizzazioni della societa' civile, arrivando a
 coinvolgere, oggi, oltre 100 Paesi".
 "Di recente- proseguono- e' stato approvato il testo sul
 cyberbullismo al Senato che dovra' fare un altro passaggio alla
 Camera. Dovremmo investire massicciamente sull'ammodernamento
 delle strutture e dei mezzi a disposizione della polizia postale,
 invece dal 2010 (anno in cui i cittadini potevano contare su 920
 agenti) ad oggi rimangono solo 603 unita', con un taglio di 317.
 Mentre il numero degli utenti connessi alla rete e' in costante
 aumento (nel 2016 l'Italia ha registrato un +2,9%), si taglia
 quasi il 30% degli agenti della polizia postale presenti sul
 territorio con una conseguente diminuzione della sicurezza dei
 cittadini a partire dai bambini o adolescenti sempre piu' esposti
 e vulnerabili".
 (Com/Vid/ Dire)
 11:17 07-02-17
 NNNN
Web: M5S, crescono internauti ma governo taglia Polizia Postale =




(AGI) - Roma, 7 feb. - "Mentre il numero degli utenti connessi
 alla Rete e' in costante aumento, nel 2016 l'Italia ha
 registrato un +2,9%, si taglia quasi il 30% degli agenti della
Polizia Postale presenti sul territorio, con una conseguente
 diminuzione della sicurezza dei cittadini, a partire dai
 bambini o adolescenti sempre piu' esposti e vulnerabili". A
 denunciarlo sono i senatori M5S Serra, Donno, Blundo,
 Montevecchi, Endrizzi e Morra.
 "Dopo aver letto le classifiche dei tagli al personale
 della Polizia Postale, pubblicate - spiegano - sui giornali,
 chiediamo al governo di tutelare concretamente i ragazzi
 vittime di cyberbullismo e non solo a parole, con titoli sui
 giornali e su leggi-spot con scarsi contenuti. "Proprio oggi,
 in occasione dell'Internet Safer Day, in tutte le province la
Polizia Postale sara' nelle scuole e i poliziotti a cui oggi si
 chiede di svolgere anche questo servizio, domani non potranno
 piu' a causa - dicono ancora gli esponenti M5S - dei tagli
 progressivi alle sedi ed al personale in tutte le regioni".
 "Il Safer Internet Day (SID) e' un evento annuale,
 organizzato da INSAFE e INHOPE con il supporto della
 Commissione europea nel mese di febbraio, al fine di promuovere
 un uso piu' sicuro e responsabile del web e delle nuove
 tecnologie, in particolare tra i bambini e i giovani di tutto
 il mondo. Nel corso degli anni, il Safer Internet Day e'
 diventato un evento di riferimento per tutti gli operatori del
 settore, le istituzioni le organizzazioni della societa'
 civile, arrivando a coinvolgere, oggi, oltre 100 Paesi. Di
 recente - concludono - e' stato approvato il testo sul
 cyberbullismo al Senato che dovra' fare un altro passaggio alla
 Camera. Dovremmo investire massicciamente sull'ammodernamento
 delle strutture e dei mezzi a disposizione della polizia
 postale, invece dal 2010, anno in cui i cittadini potevano
 contare su 920 agenti, ad oggi rimangono solo 603 unita', con
 un taglio di 317". (AGI)
 Bal
 071121 FEB 17
 NNNN
CYBERBULLISMO: M5S, SI COMBATTE A PAROLE, POLIZIA POSTALE SMEMBRATA =




CYBERBULLISMO: M5S, SI COMBATTE A PAROLE, POLIZIA POSTALE SMEMBRATA =
 Tagliati agenti e fondi promessi mai arrivati, legge ferma al
 Senato
 Roma 7 feb. (AdnKronos) - ''Il cyberbullismo è oggettivamente un grave
 problema che deve essere affrontato soprattutto con l'educazione
 piuttosto che con la sola repressione. Se a oggi non c'è ancora una
 legge, bisogna ringraziare come al solito il Pd che ha tentato di
 farne un vero e proprio bavaglio per la rete, piuttosto che pensare a
 tutelare i minori". Lo affermano i deputati M5S della commissione
 Giustizia e Affari Costituzionali, puntando il dito contro lo
 smembramento dell'unica forza preposta al controllo dei crimini in
 rete.
 "La cyber security dovrebbe essere la priorità, eppure il Governo
 ripete lo stesso teatrino di sempre: parole ma zero fatti. La
 conseguenza è la chiusura degli uffici della Polizia postale, la
 riduzione di un terzo degli agenti, da novecento a seicento e
 l'emorragia non si arresta".
 "Da una parte la promessa di dare almeno 150 milioni, parole di Renzi,
 che non sono mai diventate realtà, dall'altra una riorganizzazione che
 sta tagliando una delle specialità di polizia più necessarie, non solo
 per il contrasto al cyber bullismo ma anche alle diverse minacce
 terroristiche in rete. Non si possono dedicare giornate senza poi mai
 affrontare i veri nodi delle questioni, ovvero una legge bloccata al
 Senato e una forza di polizia smembrata'', concludono i deputati M5S.
 (Pol-Ruf/AdnKronos)
 ISSN 2465 - 1222
 07-FEB-17 12:43
 NNNN
Web: M5S, crescono internauti ma governo taglia Polizia Postale (2)=




(AGI) - Roma, 7 feb. - Analoga preoccupazione viene espressa
 dai deputati M5S nelle commissioni Giustizia e Affari
 Costituzionali: "La cyber security dovrebbe essere la nostra
 priorita', eppure il governo ripete lo stesso teatrino di
 sempre: parole ma zero fatti. La conseguenza e' la chiusura
 degli uffici della Polizia Postale, la riduzione di un terzo
 degli agenti, da novecento a seicento e l'emorragia non si
 arresta. Da una parte la promessa di dare almeno 150 milioni,
 parole di Renzi, che non sono mai diventate realta',
 dall'altra una riorganizzazione che sta tagliando una delle
 specialita' di polizia piu' necessarie, non solo per il
 contrasto al cyber bullismo ma anche alle diverse minacce
 terroristiche in rete".
 "Non si possono dedicare giornate senza poi mai affrontare
 i veri nodi delle questioni, ovvero una legge bloccata al
 senato e una forza di polizia smembrata", aggiungono
 sottolineando che "il cyber bullismo e' oggettivamente un grave
 problema che deve essere affrontato soprattutto con
 l'educazione piuttosto che con la sola repressione. Se ad oggi
 non c'e' ancora una legge, bisogna ringraziare come al solito
 il Pd che ha tentato di farne un vero e proprio bavaglio per la
 rete, piuttosto che pensare a tutelare i minori. Ma dall'altro
 canto la vera criticita' risiede nelle forze e nei mezzi che
 vengono forniti alla Polizia Postale per contrastare il
 fenomeno, ovvero nessuno". (AGI)
 Bal
 071218 FEB 17
 NNNN