Translate

lunedì 14 maggio 2018

RICERCA: DAGLI USA SENSORE CHE MONITORA STRESS TESSUTI E POI SCOMPARE =


LUNEDÌ 14 MAGGIO 2018 14.29.40
SALUTE

RICERCA: DAGLI USA SENSORE CHE MONITORA STRESS TESSUTI E POI SCOMPARE =

Roma, 14 mag. (AdnKronos Salute) (EMBARGO ALLE 17.00) - Un sensore intelligente e biocompatibile, progettato per decomporsi e naturalmente e svanire dopo l'uso. Il dispositivo è descritto in uno studio pubblicato online questa settimana su 'Nature Electronics'. Frutto della ricerca della Stanford University, il sensore potrebbe essere utilizzato per monitorare in tempo reale lo stress dei tessuti molli danneggiati, e aiutare i medici a mettere a punto programmi di riabilitazione personalizzati per il recupero dei pazienti. Il device, per ora, è stato sperimentato con successo negli animali. I sensori biodegradabili sono una tecnologia emergente: progettati per decomporsi naturalmente dopo una durata predefinita, eliminano la necessità di un secondo intervento chirurgico per estrarre il device. Tuttavia i dispositivi esistenti tendono ad avere prestazioni limitate o una biocompatibilità non provata. Paige Fox della Veterans Affairs di Palo Alto, Zhenan Bao della Stanford University e i loro colleghi descrivono le performance di un sensore estensibile e biodegradabile composto da materiali completamente biocompatibili. Il sensore impiantabile è abbastanza sensibile da rilevare una tensione dello 0,4% e pressioni fino a 12 Pa (l'equivalente di quella esercitata da un grano di sale). Gli autori hanno testato la biocompatibilità del dispositivo impiantando il sensore nella schiena di un ratto: nessuna reazione infiammatoria avversa è stata osservata dopo 8 settimane dall'impianto, a eccezione di una forma iniziale nella prima settimana. I ricercatori sono stati anche in grado di controllare la decomposizione del dispositivo in modo che la sua durata fosse compatibile con il tempo richiesto per la guarigione dei tessuti. Inoltre il sensore è stato progettato in modo tale da funzionare senza una sensibile riduzione della sua sensibilità durante il processo di decomposizione. (Mal/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 14-MAG-18 14:29 NNNN