Translate

giovedì 20 dicembre 2018

PENSIONI, ESODATO: DA GOVERNO PROMESSA NON MANTENUTA

GIOVEDÌ 20 DICEMBRE 2018 12.17.44

PENSIONI, ESODATO: DA GOVERNO PROMESSA NON MANTENUTA

PENSIONI, ESODATO: DA GOVERNO PROMESSA NON MANTENUTA (9Colonne) Roma, 20 dic - "Mi avevano detto che sarei andato in pensione dopo 6 anni dall'uscita dal lavoro, con le famose quote della legge pre-Fornero. Nel dicembre 2011 è entrata in vigore la Legge Fornero che ci ha spostato in avanti di altri 6-7 anni la pensione, io adesso dovrei andarci nel 2024". Così Salvatore Bello, a Radio Cusano Campus, uno dei 6mila esodati in attesa della nona salvaguardia: "Il 18 ottobre abbiamo avuto un incontro con Di Maio e lui ci aveva promesso di trovare una situazione prima della fine dell'anno. Invece l'altro ieri la nostra delegazione è andata all'Inps e al Ministero del Lavoro e non ci hanno ricevuto. L'unico che ci ha ricevuto, il sottosegretario del lavoro Durigon, ci ha detto che questa nona salvaguardia non si farà. Fedriga in tv aveva detto che nel programma della Lega era previsto di risolvere la situazione degli ultimi esodati, evidentemente con l'accordo fatto con questo governo noi siamo rimasti lo scarto dello scarto. L'Inps ci dice che non ci sono più esodati per loro. Si rimpallano la palla tra il ministero del lavoro e l'Inps. E i soldi ci sono per risolvere questa situazione. I media sono la nostra unica speranza, perché altrimenti nun ce se fila nessuno come si dice a Roma". Salvatore si trova in grande difficoltà economica. "Ho due figli che mi stanno dando una mano, qualche amico mi fa fare qualche lavoretto, in più sto pensando di impegnare la mia casa perché se non mi danno la pensione fino al 2024 non so come campare, devo andare alla Caritas?". (red) 201217 DIC 18    

Nessun commento:

Posta un commento