Translate

giovedì 2 febbraio 2012

RUSSIA: SABATO OPPOSIZIONE MANIFESTA NEL QUARTIERE DI CHECHOV


RUSSIA: SABATO OPPOSIZIONE MANIFESTA NEL QUARTIERE DI CHECHOV =
(AGI) - Mosca, 2 feb. - La manifestazione anti-governativa del
prossimo sabato "Per elezioni oneste" avra' come sfondo uno dei
quartieri meglio conservati della Mosca antica, Yakimanka. Qui,
la furia urbanistica sovietica sembra essere passata solo di
lato e sono numerosi gli edifici storici ancora ben conservati.
I manifestanti che sfideranno le temperature gelide di Mosca si
raduneranno nei pressi di Palazzo Igumnov, edificio unico nel
suo genere e sede dal 1938 dell'ambasciata francese. Costruito
tra il 1883 e il 1893 per volere del ricco Nikolay Igumnov, il
palazzo divenne presto oggetto di numerose critiche per il suo
eccessivo sfarzo e costo' la vita al suo architetto Nikolay
Pozdeyev. Igumnov non gli pago' parte della commessa e
l'architetto, finito sul lastrico, si tolse la vita. In epoca
sovietica fu trasformato prima in un club e poi in un istituto
medico per le trasfusioni di sangue. Poco piu' avanti, nel
quartiere visse per anni lo scrittore Anton Chechov, che lo
definiva "una vera provincia russa: pulito, silenzioso e a buon
mercato". (AGI)
Ruy/Dos (Segue)
021246 FEB 12

NNNNRUSSIA: SABATO OPPOSIZIONE MANIFESTA NEL QUARTIERE DI CHECHOV (2)=
(AGI) - Mosca, 2 feb. - Da qui il corteo si muovera'
percorrendo la via Bolshaja Yakimanka, passando vicino alla
chiesa di San Giovanni il Guerriero (1704-1717), ricostruita -
secondo la leggenda - per volere dello zar Pietro il Grande, al
quale era apparsa in sogno. Quella di San Giovanni fu una delle
poche chiese di Mosca a non essere chiusa, dopo la Rivoluzione
d'Ottobre.
Poco si addice al contesto, il grigio e sovietico
grattacielo dell'hotel President, costruito negli anni '80 con
l'idea di farlo diventare il centro di un mini quartiere
auto-sufficiente, poi mai realizzato. A riprova che qui il
nuovo e le grandi dimensioni non sono ben accette.
I dimostranti arriveranno poi sull'isoletta al centro del
fiume Moscova, davanti al Cremlino, si lasceranno alle spalle
il cinema Udarnik - il primo a Mosca a proiettare film con
l'audio nel 1931 e per molti anni il piu' grande cinema della
capitale - e si dirigeranno verso il palco sistemato
all'estremita' di piazza Balotnja (delle Paludi), luogo delle
esecuzioni pubbliche sotto lo zar. (AGI)
Ruy/Dos
021246 FEB 12

NNNN

Nessun commento:

Posta un commento