Translate

giovedì 2 febbraio 2017

DISABILI: UNI, PUBBLICATA PRASSI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE =




DISABILI: UNI, PUBBLICATA PRASSI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE =
Con Fiaba onlus e Consiglio nazionale dei geometri
Roma, 2 feb. (Adnkronos/Labitalia) - Fiaba onlus, il Consiglio
nazionale dei geometri e Uni-Ente italiano di normazione hanno
pubblicato la prassi di riferimento Uni/PdR 24:2016 'Abbattimento
barriere architettoniche-Linee guida per la riprogettazione del
costruito in ottica universal design'. La prassi, presentata oggi a
Roma, illustra le modalità di un approccio metodologico fondato sul
concetto di accessibilità per tutti che si basa sull'analisi del
contesto, sulla metodica per il rilevamento delle criticità (compresi
i criteri per l'individuazione delle barriere architettoniche e
sensoriali) e sull'analisi delle scelte progettuali dei possibili
interventi di abbattimento delle barriere architettoniche.
"Bisogna abbattere le barriere architettoniche -spiega Piero Torretta,
presidente Uni- per andare incontro alle esigenze del cittadino. La
prassi è una sintesi delle posizioni di Fiaba che esprime un bisogno e
dei geometri che esprime una professionalità e una competenza per
cercare di dare una risposta ad alcune necessità".
"Il contenuto della prassi -chiarisce- muove dal principio che per
poter decidere e scegliere bisogna conoscere. In questo caso, i
giovani professionisti si impegnano a sviluppare una determinata
soluzione però partendo dalla conoscenza del contenuto del bisogno.
Non c'è una soluzione che possa essere precostituita, ogni esigenza
non solo è diversa dall'altra, ma è mutevole nel tempo. Per questo,
pensare di definirla a livello legislativo, quindi statica e non
modificabile nel tempo, spesso diventa un'illusione". (segue)
(Dks/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
02-FEB-17 14:54
NNNN
DISABILI: UNI, PUBBLICATA PRASSI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE (2) =
(Adnkronos/Labitalia) - "Si tratta -sostiene Maurizio Savoncelli,
presidente del Consiglio nazionale geometri e geometri laureati- di
un'iniziativa che nasce da una forte sinergia. E' uno strumento che
vogliamo offrire a tutti i tecnici che si vorranno cimentare nel
prossimo futuro su questo tema: la rigenerazione del territorio, la
riconversione di alcune strutture e, nell'ambito di tutte le attività
che vanno tenute in considerazione, l'abbattimento delle barriere
architettoniche. Questa prassi è proprio un vademecum, una linea
guida, un metodo per poter abbattere le barriere architettoniche in
maniera pratica e concreta e uniformando le procedure".
"La prassi Uni -sottolinea Giuseppe Trieste, presidente Fiaba onlus-
ha il grande pregio di vedere l'accessibilità in funzione della
diversità umana. Ogni essere umano, piccolo grande o anziano che sia,
necessita di avere una qualità percepita adeguata a godere dei nostri
beni".
"Questa prassi -fa notare- porterà i progettisti, quando realizzano
progetti per una nuova struttura o per ristrutturarla, a pensare che
l'accessibilità sia un diritto. L'ingresso principale è un diritto di
tutti gli essere umani, di conseguenza si creeranno strutture che
accolgono dal primo all'ultimo cittadino e, non solo l'ingresso di
servizio per la persona con disabilità". (segue)
(Dks/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
02-FEB-17 14:54
NNNN
DISABILI: UNI, PUBBLICATA PRASSI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE (3) =
(Adnkronos/Labitalia) - E la prassi Uni mette in relazione anche
diversi ministeri. "Possiamo stabilire -propone Riccardo Nencini,
viceministro delle Infrastrutture e del trasporti- una sinergia tra
alcuni ministeri per una revisione delle norme che, negli anni, hanno
subito un'evoluzione senza però avere una modifica. La cosa positiva è
che è stato ripristinato un fondo in Finanziaria che ci fa dire che la
marcia verso l'abbattimento delle barriere architettoniche è
ripartita".
"Ben venga -aggiunge Cosimo Maria Ferri, sottosegretario al ministero
della Giustizia- una tavolo comune intergovernativo per lavorare
insieme. Auspichiamo, inoltre, un censimento che segnali chi è
inadempiente in materia. In realtà manca un testo unico che raccolga
tutta la normativa primaria e che riordini quella secondaria, in
un'ottica europea".
In materia di abbattimento delle barriere architettoniche "è stato
avviato un percorso solido -ricorda Ilaria Borletti Buitoni,
sottosegretario del ministero dei Beni culturali e delle attività
culturali e del turismo- e mi riferisco all'area archeologica di
Pompei e ai Fori imperiali di Roma". "E', inoltre, in dirittura di
arrivo un portale per entrare nei musei e vedere com'è la struttura
interna, sala dopo sala viene mostrato tutto. Ovviamente il problema è
anche di natura economica, tuttavia possiamo fare molto partendo anche
dai cittadini e dai giovani", sottolinea. (segue)
(Dks/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
02-FEB-17 14:54
NNNN
DISABILI: UNI, PUBBLICATA PRASSI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE (4) =
(Adnkronos/Labitalia) - E proprio di giovani parla Paola Iandolo,
dirigente 'Misure di attuazione degli interventi di edilizia
scolastica' del Miur. "Il 71% degli edifici scolastici -ricorda- è
adeguato alla normativa dell'abbattimento delle barriere
architettoniche. Certo, c'è ancora molto da fare, tenendo presente che
nelle scuole le barriere sono molto complesse perché bisogna
intervenire su aule, laboratori e uscite di sicurezza".
Un impegno preso anche da Alessandro Cattaneo, presidente della
Fondazione Patrimonio Comune Anci. "Sicuramente -avverte- il sindaco
ovvero l'autorità locale è il soggetto più coinvolto da questo tema.
Eppure, la frase 'non abbiamo soldi', che in alcuni casi corrisponde
al vero, è sempre più usata. Spesso, inoltre, i comuni non
intervengono in queste vicende perché hanno un riscontri relativo in
natura di appeal per l'amministrazione. Ma a questa situazione si può
ovviare avviando una collaborazione virtuosa con i soggetti privati".
L'esigenza di avere un documento tecnico nazionale che detti le linee
guida per l'abbattimento delle barriere architettoniche è nata a
seguito dell'esperienza del concorso nazionale 'I futuri geometri
progettano l'accessibilità': gli studenti degli istituti Cat
(Costruzioni ambiente e territorio) da 5 anni si cimentano nella
stesura di progetti per l'abbattimento delle barriere architettoniche
attraverso questo concorso. E', inoltre, è on line il bando della V
edizione del concorso nazionale 'I futuri geometri progettano
l'accessibilità' che ha complessivamente coinvolto nel Paese 190
istituti Cat, migliaia di studenti, presentando 108 progetti alle
amministrazioni locali interessate. (segue)
(Dks/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
02-FEB-17 14:54
NNNN