Translate

giovedì 9 marzo 2017

CORRUZIONE. DAVIGO: DIPENDENTI PA ASSUNTI IN VARI MODI FEDELI A POLITICO





CORRUZIONE. DAVIGO: DIPENDENTI PA ASSUNTI IN VARI MODI FEDELI A POLITICO
INTERVISTA SU BLOG GRILLO
(DIRE) Roma, 9 mar. - "La Costituzione prevede che i dipendenti
pubblici siano assunti, di regola, mediante concorso. Il problema
e' che in Italia di solito i dipendenti pubblici non sono affatto
assunti mediante concorso. Vengono assunti in modi vari: per
chiamata, precariato, etc. questo ha come prima conseguenza che
normalmente non sono fedeli alla Repubblica ma al padrino
politico che li ha messi li'". Lo dice il presidente
dell'associazione nazionale magistrati, Piercamillo Davigo, in
una intervista rilasciata al senatore M5s Nicola Morra e
pubblicata sul blog di Beppe Grillo, sul tema della corruzione in
Italia.
"Questo e' il primo dato- spiega Davigo-. Il secondo dato e'
che
non hanno il piu' delle volte un senso di appartenenza
all'amministrazione di cui fanno parte, che deriva da
professionalita' elevata, dal senso e dall'orgoglio di essere
stati scelti perche' bravi. Perche' se quel che conta e' il
rapporto
di fedelta' personale, e non la capacita' professionale, viene
meno
anche questo. In altri paesi, per esempio la Francia, con la sua
amministrazione, o in Gran Bretagna, questo orgoglio di
appartenenza c'e'. Ed e' anche normale che queste amministrazioni
siano un ostacolo serio a eventuali tentativi di devianza da
parte degli organi sovraordinati, di solito quelli politici,
quando ordinano cose illegali si rifiutano di farle".
"Da noi- dice ancora- se uno si rifiuta di farle passa dei
guari, nella migliore delle ipotesi non lo promuovono".
(Vid/ Dire)
11:13 09-03-17
NNNN