Translate

domenica 19 marzo 2017

mEDICINA: STUDIO PROMUOVE SOSTITUZIONE VALVOLA CON TECNICA MININVASIVA =


EDICINA: STUDIO PROMUOVE SOSTITUZIONE VALVOLA CON TECNICA MININVASIVA =
Romeo, recupero immediato paziente e migliore qualita' di vita,
ma in Italia troppi limiti
La sostituzione della valvola aortica con tecnica mininvasiva (Tavi)
non comporta più rischi rispetto alla 'classica' tecnica chirurgica, e
anzi per alcuni aspetti si è rivelata superiore. Lo testimonia un
trial illustrato all'Acc 2017, l'American College of Cardiology's
Scientific Session in corso a Washington. "Questa metodica innovativa
assicura una miglior qualità di vita al paziente e un recupero più
rapido". A illustrare all'Adnkronos Salute i risultati del trial su
1746 pazienti in 87 centri tra Usa, Europa e Canada condotto dai
ricercatori dello Houston Methodist Hospital è Francesco Romeo,
direttore Uoc di Cardiologia del Policlinico di Roma Tor Vergata.
Romeo è molto soddisfatto dei risultati della ricerca: "Da tempo
sostengo che una valvola salva una vita. E che questa tecnologia
comporta importanti benefici per il paziente: con la tecnica per via
percutanea il malato è a casa in 3-4 giorni, mentre con la classica
tecnica chirurgica la degenza è più lunga, e poi occorre una lunga
riabilitazione. Aspetti da tenere in conto quando si valutano i costi
delle due procedure". In Italia, poi, quanto a numeri di Tavi siamo
fanalino di coda: "Facciamo 3.500 valvole l'anno per via percutanea,
contro le 30.000 della Germania, e noi possiamo trattare solo pazienti
ad alto rischio, quelli che il chirurgo non opera". Lo studio
presentato in Usa ha valutato, invece, pazienti a rischio intermedio. (segue)
(Mal/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
19-MAR-17 12:47
NNNN

MEDICINA: STUDIO PROMUOVE SOSTITUZIONE VALVOLA CON TECNICA MININVASIVA (2) =
"La ricerca promuove la Tavi perché consente un recupero immediato
senza comorbidità, e una qualità di vita a un mese dall'intervento che
è ideale". Ma questa innovazione ha un costo. "Vero - ammette Romeo -
ma anche dei benefici importanti, per fare una valutazione completa
bisognerebbe tener conto anche dei costi dell'ospedalizzazione e della
riabilitazione con il sistema tradizionale. Insomma, bisogna ragionare
non sul prezzo della valvola, ma sul costo dell'intera procedura".
Una procedura che è rapidissima: "Occorrono in tutto 15-20 minuti, ma
da quando inserisco la valvola nell'arteria femorale a quando la
rilascio in posizione - assicura l'esperto - passa appena un minuto".
A vantaggio del paziente. "Il recupero è più rapido, non ci sono
paragoni. Oggi però in Italia questo intervento è autorizzato solo per
i pazienti a rischio molto alto, e io finisco per perderne il 30% in
lista d'attesa". Un sistema a maglie troppo strette secondo il
cardiologo, convinto che si tratti della tecnica del futuro. "E'
un'innovazione reale, e noi vi rinunciamo troppo spesso", conclude.
(Mal/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
19-MAR-17 12:47
NNNN