Translate

venerdì 7 aprile 2017

DEF. SI-POSSIBILE: NOSTRO PIANO DA 40 MLD PER USCIRE DALLA CRISI


DEF. SI-POSSIBILE: NOSTRO PIANO DA 40 MLD PER USCIRE DALLA CRISI

DEF. SI-POSSIBILE: NOSTRO PIANO DA 40 MLD PER USCIRE DALLA CRISI
RISORSE SI TROVANO PORTANDO DEFICIT AL 3,6%
(DIRE) Roma, 7 apr. - Lavorare, investire, assistere, istruire.
Sono i quattro verbi che regolano le proposte sul Def di Sinistra
Italiana-Possibile. Un piano da "40 miliardi di euro e una
terapia d'urto per uscire dalla crisi", perche' "a poche ore dal
Def c'e' ancora molta confusione, molte divisioni nella
maggioranza sulle scelte e sulla strategia che si vuole seguire.
Pare si navighi a vista". Cosi' Giulio Marcon, capogruppo di
Sinistra italiana-Possibile, in conferenza alla Camera sul Def.
Il Def di SI-Possibile prevede interventi su 5mila cantieri
per le piccole opere per l'ambiente in tutto il Paese, un piano
di lavoro da 200mila nuovi posti, 500 euro in piu' ogni mese alle
famiglie in poverta' assoluta, 4 miliardi per assistere i malati,
riduzione dal 20% al 10% dell'abbandono scolastico, 100mila nuovi
alloggi per gli studenti universitari, 3 miliardi per garantire a
tutti il diritto allo stadio, taglio del 10% delle spese
militari, 9 miliardi di entrate colpendo ingiustizia fiscale e
privilegi. "Il 18 aprile- aggiunge Marcon- presenteremo alla
Camera una mozione parlamentare sul fiscal compact in cui
chiederemo che non venga inserito nei Trattati europei". A
livello nazionale SI-Possibile propone "un cambio di
rotta a partire dalla proposta di utilizzare un punto di Pil per
fare politiche pubbliche capaci di dare una scossa al Paese".
Le risorse si possono trovare, secondo il piano SI-Possibile
portando il rapporto deficit-Pil dal 2,6 al 3,6, prendendo 11
miliardi e mezzo dal taglio della spesa pubblica inutile e altri
9 dagli interventi contro i privilegi. Per Stefano Fassina,
deputato SI, serve "una virata keynesiana sugli investimenti per
far ripartire in modo stabile il Paese". Per Nicola Fratoianni,
segretario SI, "il nostro e' un piano ambizioso ma realista, e'
ora di prendere atto che le scelte politiche degli ultimi anni
hanno prodotto un disastro sul piano politico-economico".
(Sor/ Dire)
14:22 07-04-17
NNNN