Translate

venerdì 16 settembre 2016

FRANCIA: PARIGI, POLIZIOTTI SCORRETTI IN STRADA DOVRANNO PAGARSI MULTE =



FRANCIA: PARIGI, POLIZIOTTI SCORRETTI IN STRADA DOVRANNO PAGARSI MULTE =
sindacati sul piede di guerra, andremo
Parigi, 16 set. (AdnKronos) - A Parigi troppi poliziotti non
rispettano il codice della strada e d'ora in poi dovranno pagare le
contravvenzioni di tasca propria. Suona così una nota della prefettura
di Parigi, secondo la quale il numero di infrazioni, soprattutto per
eccesso di velocità e mancato rispetto del semaforo rosso, da parte
delle auto di servizio degli agenti è cresciuto del 49% nel primo
semestre 2016. Immediate le reazioni dei sindacati di polizia.
In particolare, nella nota, rivelata oggi da Le Parisien, datata 24
agosto e firmata dal direttore del gabinetto del prefetto Michel
Cadot, si legge: "Per le infrazioni più gravi, gli agenti alla guida
delle auto di servizio sono invitati a regolare l'ammontare delle
contravvenzioni". Da qui la risposta indignata dei poliziotti che,
attraverso i loro rappresentanti sindacali, definiscono la nota
"aggressiva e minatoria" e accusano la prefettura di ignorare il
lavoro degli agenti in un contesto di minaccia terroristica. (segue)
(Fei/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
16-SET-16 13:41
RANCIA: PARIGI, POLIZIOTTI SCORRETTI IN STRADA DOVRANNO PAGARSI MULTE (2) =
Sindacati polizia ironizzano, interverremo in bici o prenderemo
metro'
(AdnKronos) - Non solo. Il sindacato Alliance, ha scelto l'ironia per
replicare: "Rapinatori, ladri e pusher per favore lasciateci la
possibilità di interrogarvi, fermatevi al semaforo rosso...Terroristi
attraversate solo quando l'omino diventa verde!...". In una situazione
di elevata allerta terrorismo, in cui i poliziotti sono messi a dura
prova, il sindacato chiede: "Com'è possibile chiedere sacrifici,
disponibilità e vigilanza e al tempo stesso minacciare di sanzioni
pecuniarie?" "In un momento di pressione permanente la prefettura
trova il tempo di redigere una nota del genere, completamente
scollegata dalla realtà che ogni giorno vivono gli agenti".
"Vorrà dire - ironizza il segretario generale di Unsa-Police, Philippe
Capron - che faremo i nostri interventi in bicicletta o prenderemo".
Intanto una fonte della prefettura, interpellata da Le Parisien,
precisa che la nota "vuole essere un richiamo al rispetto del Codice
della strada" ma anche un invito a "usare lampeggianti e sirene solo
nei casi di interventi d'urgenza".
(Fei/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
16-SET-16 13:41
NNNN