Translate

mercoledì 17 maggio 2017

USA: INTRALCIO ALLA GIUSTIZIA, L'ACCUSA CHE FA RISCHIARE L'IMPEACHMENT/ADNKRONOS =




USA: INTRALCIO ALLA GIUSTIZIA, L'ACCUSA CHE FA RISCHIARE L'IMPEACHMENT/ADNKRONOS =
Washington, 17 mag. (AdnKronos) - Il memo di James Comey, in cui l'ex
direttore dell'Fbi ha riportato con precisione le parole con cui
Donald Trump gli ha chiesto di insabbiare l'inchiesta del Russiagate,
ha infranto l'ultimo tabù a Washington. Ormai infatti si parla
apertamente della possibilità che il presidente, nei primi giorni del
suo mandato, abbia commesso uno dei crimini, intralcio alla Giustizia,
che hanno fatto scattare gli unici due procedimenti di impeachment del
secolo scorso, quello di Richard Nixon nel 1974 e di Bill Clinton nel
1998.
A poche ore dall'esplosione della bomba delle nuove rivelazioni del
Times - che, va ricordato, non ha pubblicato il testo del memo di
Comey riferendone solo in parte il contenuto - sui media americani si
moltiplicano i pareri di esperti legali a riguardo. "E'
definitivamente un caso di ostruzione", ha detto al Washington Post
Barak Cohen, ex procuratore federale che però avvisa che "bisogna
ricordare che la chiave di tutto è l'intento, e questo sarà difficile
da provare".
Infatti le leggi che sanzionano l'intralcio della giustizia richiedono
che venga provato che una persona abbia cercato "in modo corrotto" di
influenzare un'inchiesta. Nel caso di Trump, quindi gli inquirenti
dovrebbero trovare prove del fatto che il presidente intendeva
effettivamente "ostacolare, influenzare o impedire" l'inchiesta su
Mike Flynn quando disse a Comey che sperava che trovasse una via per
lasciarla cadere. (segue)
(Nut/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
17-MAG-17 14:19 
USA: INTRALCIO ALLA GIUSTIZIA, L'ACCUSA CHE FA RISCHIARE L'IMPEACHMENT/ADNKRONOS (2) =
(AdnKronos) - In questo quadro sarebbe essenziale, spiegano ancora gli
esperti, l'analisi dettagliata di quel colloquio e anche le
deposizioni di consiglieri di Trump che, all'epoca dei fatti, potevano
essere stati informati di quello che intendeva fare il presidente.
Per quanto riguarda il testo del memo, il presidente repubblicano,
Jason Chaffetz, della commissione della Camera per il controllo del
governo ha chiesto all'Fbi la consegna di questo e degli altri memo in
cui Comey avrebbe documentato tutti i suoi incontri con il presidente.
Mentre i democratici della commissione hanno già chiesto l'avvio di
un'inchiesta per determinare se Trump e la sua amministrazione siano
"impegnati in un complotto" per ostacolare le inchieste dell'Fbi e del
Congresso sul Russiagate.
I giuristi ricordano che infatti anche il licenziamento di Comey, che
Trump aveva tutto il diritto di ordinare, potrebbe essere considerato
parte dell'intralcio alla giustizia se verrà provato l'intento di
insabbiare. Se gli esperti legali sono molto cauti nell'indicare il
tortuoso percorso necessario a provare un crimine difficile da
verificare, ovviamente diversi i toni dell'opposizione democratica che
parlano ormai di impeachment. Un'ipotesi quanto mai improbabile,
almeno sulla carta, dal momento che i repubblicani hanno la
maggioranza sia alla Camera che al Senato. (segue)
(Nut/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
17-MAG-17 14:19
NNNN
USA: IL NUOVO RUOLO DI MCMASTER, 'SCUDO' DI TRUMP (3) =
(AdnKronos/Washington Post) - Come spiega Derek Chollet, funzionario
dell'amministrazione Obama, il ruolo del Consigliere per la Sicurezza
nazionale implica non solo l'aiuto da dare al presidente nel mettere a
punto e tradurre in pratica la sua politica estera ma anche il farsi
portavoce delle sue scelte presso il popolo americano. Se scoppia una
polemica, il consigliere per la sicurezza nazionale ha il compito di
fare da scudo al presidente e 'proteggerlo'. Idealmente questo accade
perché si suppone che il presidente sia stato costretto a prendere una
decisione molto difficile e quindi va difeso, chiarisce Chollet.
Negli ultimi giorni, McMaster è stato costretto ad esercitare il suo
ruolo su entrambi i fronti. E si è trovato in una posizione scomoda.
Per chi ricorda le sue parole in 'Dereliction of duty', come Eliot
Cohen, funzionario dell'epoca Bush critico di Trump, McMaster non è
stato coerente con le sue parole di allora: "Ha spacciato mezze
verità, che sono come, o talvolta peggio, delle bugie".
(Ses/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
17-MAG-17 14:23
NNNN