Translate

giovedì 27 giugno 2019

RIFIUTI: ASL ROMA 2, 'GRANDISSIMA EMERGENZA IGIENICA' =



RIFIUTI: ASL ROMA 2, 'GRANDISSIMA EMERGENZA IGIENICA' =
ADN0913 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RLA RIFIUTI: ASL ROMA 2, 'GRANDISSIMA EMERGENZA IGIENICA' = Roma, 27 giu. (AdnKronos Salute) - "Bisogna cominciare a usare bene i termini: giustamente il ministro della Salute Grillo ha detto che emergenza sanitaria non c'è, ed è vero, ma quello che abbiamo di fronte è una grandissima emergenza igienica". A chiarirlo all'Adnkronos Salute Fabrizio Magrelli, direttore del Servizio igiene e sanità pubblica del dipartimento Prevenzione della Asl Roma 2. "C'è tutta una serie di condizioni - rileva - che è sotto gli occhi di tutti: cassonetti stracolmi, spazzatura sparsa ovunque, vermi, topi, gabbiani, persino cinghiali. E sono tutti fattori che possono portare alla successiva insorgenza di alcune patologie, che però non abbiamo fortunatamente riscontrato: non c'è colera, o tifo, né altri disturbi a trasmissione oro-fecale. I termini 'emergenza sanitaria' ed 'emergenza igienica' si usano in maniera indifferenziata, ma uno non vale l'altro. Il primo indica la presenza di malattie in atto, l'altro le condizioni che potrebbero portare all'insorgenza di tali malattie". (segue) (Bdc/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 27-GIU-19 15:30

RIFIUTI: ASL ROMA 2, 'GRANDISSIMA EMERGENZA IGIENICA' (2) =
ADN0914 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RLA RIFIUTI: ASL ROMA 2, 'GRANDISSIMA EMERGENZA IGIENICA' (2) = (AdnKronos Salute) - "La Regione Lazio - ricorda Magrelli - ci ha chiesto di vigilare rispetto a situazioni di maggiore vulnerabilità, dove bisogna eliminare con urgenza queste condizioni di criticità igienica. Che centinaia di vermi, da cui nasceranno centinaia di mosconi, vivano sotto casa mia è disdicevole, ma se stazionano sotto un ospedale è ancora più grave perché potrebbero finire per posarsi nelle stanze di degenza, o in un mercato rionale sulla merce esposta. Stiamo attuando tutte le forme di collaborazione possibile per premere sull'Ama affinché venga garantita almeno quotidianamente la raccolta degli organici, anche di tutto quello che rimane al suolo". "Riceviamo ogni giorno diverse segnalazioni, almeno una ventina - fa sapere - da parte dei cittadini che si lamentano dei rifiuti non raccolti, ma purtroppo la Asl non ha un ruolo di vigilanza istituzionale sull'operato dell'Ama, è il Comune che l'ha. Io ho 12 tecnici della prevenzione per 1,3 milioni di abitanti e non li posso mettere a controllare tutte le segnalazioni. Però lavoriamo coordinandole e creando un sistema per evidenziare quotidianamente all'Ama le situazioni più a rischio", conclude. (Bdc/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 27-GIU-19 15:30

Nessun commento:

Posta un commento