Translate

venerdì 4 maggio 2012

COMUNALI: DI PIETRO, ITALIANI DIRANNO COSA PENSANO DI MONTI


COMUNALI: DI PIETRO, ITALIANI DIRANNO COSA PENSANO DI MONTI

(ANSA) - ROMA, 4 MAG - ''Domenica molti milioni di italiani
saranno chiamati a votare, eppure a leggere i giornali o a
guardare le televisioni sembra che non importi niente a nessuno.
Meno se ne parla e meglio e'. Invece, sono elezioni
importantissime per almeno tre ragioni diverse e se un sistema
dei media che sta tra l'Istituto Luce e la vecchia Unione
sovietica cerca di oscurarle e' proprio perche' lo sa benissimo
e vuole depotenziarle''. Lo scrive sul suo blog il leader
dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che aggiunge: ''Le
elezioni sono importanti prima di tutto perche' in molti casi
daranno agli elettori la possibilita' di mandare via quelli che
hanno amministrato male i loro Comuni, pensando molto agli
affari loro e poco agli interessi dei cittadini. Nella
stragrande maggioranza dei casi il centrosinistra si presenta
unito e cosi' queste elezioni sono anche l'occasione che
permettera' agli elettori di far capire quale coalizione
vogliono per le elezioni politiche''.
''In questi mesi - spiega Di Pietro - molti sapientoni hanno
fatto a gara nel dichiarare sepolta la foto di Vasto. Pero',
nessuno di loro si e' preso la briga di consultare la base del
centrosinistra per chiedergli se vuole strappare quella foto,
quell'alleanza e quella speranza per l'Italia''. ''In secondo
luogo, domenica gli elettori possono riprendersi la parola e
lanciare un segnale chiaro su quali foto vogliono strappare e
quali, invece, vogliono portare al governo. Possono farlo anche
nei pochi Comuni in cui il centrosinistra non si presenta unito,
come a Palermo. Con il loro voto diranno se vogliono un
centrosinistra che appoggia gente come il governatore Lombardo o
un centrosinistra, che dopo vent'anni d'inverno, vuole tornare a
esperienze come la Primavera di Palermo''.
''Infine - scrive ancora Di Pietro - grazie alle elezioni di
domenica i cittadini italiani potranno per la prima volta dire
cosa pensano di un governo che e' stato votato da nessuno ma e'
stato imposto dall'alto, e delle sue politiche che, in questi
mesi, hanno colpito sempre e solo i piu' deboli. Per definizione
questo esecutivo e queste politiche non devono essere sottoposte
al vaglio democratico dei cittadini. Ma domenica - conclude -
gli italiani avranno l'occasione di dire finalmente come la
pensano. Io sono sicuro che, nonostante la campagna di tutti i
media e di molti partiti, manderanno un messaggio chiaro e
inequivocabile''. (ANSA).

DEL
04-MAG-12 14:03 NNNN

Nessun commento:

Posta un commento