Translate

mercoledì 13 giugno 2012

TUMORI: SCOPERTA 'SPIA' DI RISCHIO RICADUTE COLON, ITALIANI NELLO STUDIO


TUMORI: SCOPERTA 'SPIA' DI RISCHIO RICADUTE COLON, ITALIANI NELLO STUDIO =
SU 'NATURE' RICERCA FINANZIATA DALL'AIRC

Milano, 13 giu. (Adnkronos Salute) - (EMBARGO ALLE 19.00) - I
farmaci anticancro intelligenti, quelli che colpiscono bersagli
molecolari mirati, sono un'arma potente che pero' il tumore puo'
imparare a contrastare, sviluppando resistenze. Ora Alberto Bardelli,
biologo molecolare dell'Istituto per la ricerca sul cancro di Candiolo
e professore all'universita' di Torino, insieme a Salvatore Siena,
oncologo medico dell'ospedale Niguarda di Milano, a Sandra Misale
dell'Istituto di Candiolo e ad altri ricercatori del Memorial Sloan
Kettering di New York, hanno scoperto che nei pazienti con tumore del
colon la resistenza ai farmaci puo' essere individuata mesi prima che
si manifesti clinicamente, ed e' causata dalla mutazione del gene
Kras. Questa alterazione rappresenta anche un segnale precoce del
rischio di ricadute. Il lavoro, sostenuto da Airc (Associazione
italiana ricerca sul cancro) grazie ai fondi del 5 per mille, e'
pubblicato su 'Nature'.

Bardelli e il suo gruppo - spiega l'Airc in una nota - sono
riusciti a identificare nei frammenti di Dna rilasciato dal tumore nel
sangue del paziente una spia genetica (il gene Kras mutato) che si
'accende' con mesi di anticipo rispetto a quando l'esame radiografico
indica che il tumore ricomincia a crescere. Sono stati utilizzati
macchinari diagnostici chiamati 'Beaming', tecnologie sofisticate in
grado di velocizzare enormemente l'esame dei campioni di sangue e
nello stesso tempo di potenziare la capacita' di cogliere le mutazioni
piu' piccole. La Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro ha
dato un contributo determinante, finanziando l'acquisto di questi
macchinari e lo sviluppo delle tecnologie relative.

La scoperta non permette solo di scoprire in anticipo la
ricaduta, ma anche di correggere 'il tiro' del trattamento in corso.
Le terapie biologiche piu' usate in questo tipo di cancro del colon
sono anticorpi monoclonali come cetuximab e panitumumab. Lo studio
suggerisce che, qualora le cellule tumorali diano segni di resistenza,
sara' possibile affiancare ai primi due farmaci un terzo che blocca un
enzima chiamato Mek e che rallenta, o talvolta blocca completamente,
le cellule resistenti. (segue)

(Com-Opa/Ct/Adnkronos)
13-GIU-12 17:02

NNNN
TUMORI: SCOPERTA 'SPIA' DI RISCHIO RICADUTE COLON, ITALIANI NELLO STUDIO (2) =

(Adnkronos Salute) - "Questi risultati - sottolinea l'Airc -
hanno permesso di avviare nel giro di soli due anni una
sperimentazione clinica di fase II ben prima della conclusione del
programma di ricerca finanziato da Airc, che terminera' fra tre anni.
Ancora una volta l'oncologia molecolare, ovvero lo studio dei
meccanismi genetici dei tumori e del funzionamento dei farmaci, si
traduce rapidamente in terapie personalizzate. Merito del 5 per mille
di Airc che ha finanziato il programma di ricerca 'Terapie mirate sul
cancro metastatico', coordinato da Paolo Comoglio, direttore
dell'Istituto per la ricerca e la cura del cancro di Candiolo".

"Il risultato e' solo uno di molti altri che stanno emergendo
per trovare soluzioni efficaci alla resistenza ai farmaci, uno dei
problemi maggiori delle attuali terapie oncologiche", continua
l'Onlus. "Grazie ai contribuenti italiani - conclude - il programma 5
per mille di Airc ha finanziato e avviato nel 2010 ben 10 programmi di
ricerca nel campo dell'oncologia molecolare clinica con obiettivi
terapeutici. Il bando successivo, uscito nel 2011, si e' concentrato
sulle fasi precedenti alla terapia: la diagnosi precoce e la prognosi,
sempre con gli strumenti dell'oncologia molecolare. Nell'ambito di
questo bando sono stati finanziati quattro progetti, partiti a fine
2011".

(Com-Opa/Ct/Adnkronos)
13-GIU-12 17:14

NNNN

Nessun commento:

Posta un commento