Translate

venerdì 29 marzo 2013

ALDROVANDI. SILP CGIL: INDIGNATI, VICINI A PATRIZIA MORETTI


ALDROVANDI. SILP CGIL: INDIGNATI, VICINI A PATRIZIA MORETTI


(DIRE) Roma, 29 mar. - "Dopo le nostre lotte per democratizzare
le forze di polizia, e dopo la tragedia di una madre e di una
famiglia, e' sconfortante assistere a quanto avvenuto a Ferrara
ad opera del sindacato Coisp. Le sentenze, per di piu' se
definitive, si rispettano". E' quanto afferma in una nota il
segretario generale del Silp Cgil, Daniele Tissone.
Le donne e gli uomini del sindacato di polizia della Cgil,
prosegue Tissone, "si dissociano in modo netto da questa
iniziativa che nulla ha a che vedere con la nostra cultura e con
la doverosa, quanto necessaria, umana pieta'. Ci conforta
constatare come nel Paese si sia sollevata una profonda
indignazione che ha attraversato sia l'opinione pubblica che le
istituzioni. La stessa indignazione la si vede nella quasi
totalita' dei sindacati di polizia e, quindi, nei lavoratori di
polizia".
Per il numero uno del sindacato dei lavoratori di polizia
affiliato alla Cgil "se si e' verificato un tale episodio e'
peraltro evidente che vi sia ancora molto da fare sul versante
della formazione interna. Non vorremmo mai piu', mai piu' e
ancora mai piu' che accadano simili tragedie come quella capitata
a Federico Aldrovrandi per la quale, lo stesso Manganelli, chiese
scusa alla madre e alla famiglia, e non vorremmo mai piu'
assistere a iniziative come queste o ad epiloghi di commenti non
appropriati che hanno chiamato in causa il ministro dell'Interno
Cancellieri. Rimangono quindi sul campo- conclude Tissone- la
disperazione ed il senso di umiliazione di una madre a cui va il
nostro sincero affetto peraltro gia' manifestato, con coerenza,
in passato. A Patrizia Moretti, madre di Federico Aldovrandi, la
nostra piena solidarieta' e il nostro assoluto sostegno".

(Com/Vid/ Dire)
10:32 29-03-13

NNNN
CASO ALDROVANDI: SILP CGIL, MANIFESTAZIONE FERRARA SCONFORTANTE =
'DISSOCIAZIONE NETTA, CONFORTA L'INDIGNAZIONE DEL PAESE'

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - ''E' sconfortante assistere a quanto
avvenuto a Ferrara ad opera del sindacato Coisp. Le sentenze, per di
piu' se definitive, si rispettano''. E' quanto afferma in una nota il
segretario generale del Silp Cgil, Daniele Tissone che aggiunge: "Le
donne e gli uomini del sindacato di polizia della Cgil ''si dissociano
in modo netto da questa iniziativa che nulla ha a che vedere con la
nostra cultura e con la doverosa, quanto necessaria, umana pieta'. Ci
conforta constatare come nel Paese si sia sollevata una profonda
indignazione che ha attraversato sia l'opinione pubblica che le
istituzioni. La stessa indignazione la si vede nella quasi totalita'
dei sindacati di polizia e, quindi, nei lavoratori di polizia''.

''Se si e' verificato un tale episodio e' peraltro evidente che
vi sia ancora molto da fare sul versante della formazione interna -
continua il sindacalista- Non vorremmo mai piu', mai piu' e ancora mai
piu' che accadano simili tragedie come quella capitata a Federico
Aldrovrandi per la quale, lo stesso Manganelli, chiese scusa alla
madre e alla famiglia, e non vorremmo mai piu' assistere a iniziative
come queste o ad epiloghi di commenti non appropriati che hanno
chiamato in causa il ministro dell'Interno Cancellieri. Rimangono
quindi sul campo - conclude Tissone - la disperazione ed il senso di
umiliazione di una madre a cui va il nostro sincero affetto peraltro
gia' manifestato, con coerenza, in passato. A Patrizia Moretti, madre
di Federico Aldovrandi, la nostra piena solidarieta' e il nostro
assoluto sostegno''.

(Sin/Ct/Adnkronos)
29-MAR-13 10:44

NNNN

Nessun commento:

Posta un commento